HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà

18.01.2019 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 46083 volte
© foto di Federico De Luca

Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come diceva il mago Silvan.

E pensare che questi stessi arbitri hanno avuto la fortuna di essere al centro della sperimentazione per il Var, hanno in iniziato per primi a usare una tecnologia che li aiuta a sbagliare meno, hanno dimostrato di saperla usare bene e che fanno? Non la usano quasi più. Della serie facciamoci del male o roba del genere. Lo so benissimo, come sanno i miei due o tre lettori, che da quest’anno è cambiato il protocollo e l’intervento del Var deve esserci in presenza di chiaro ed evidente errore dell’arbitro, ma possiamo esclamare in corso a gran voce chissenefrega?. Urliamolo.

E mi sembrava di aver capito dalle ultime riunioni che anche il presidente Nicchi e il designatore Rizzoli avessero indicato la stessa via, quella dell’osservanza non letterale del protocollo, l’invito a una maggiore duttilità complessiva da parte degli arbitri che non devono essere dei robottini, ma persone dotate di intelligenza, diplomazia e sensibilità.

Tutto buttato a mare in Arabia Saudita. Ma che gusto c’è, ma perché dare spago, far scatenare ancora una volta tutti quelli che parlano di complotti, della Juve che compra gli arbitri, il ricordo di Calciopoli e roba del genere? Me lo chiedo e non ho risposte.

Lo sapete. Per me gli arbitri sbagliano e basta. Punto. Non sperate che io scriva altro o adombri quello che non penso e non vedo, ma perché Banti non è andato a vedere il Var e Guida non lo ha consigliato di farlo preferendo sbagliare? Non lo capirò mai. Mi sfugge.

E ancora maggiore meraviglia viene nel pensare proprio a Banti, un arbitro a fine carriera, con una manciata di gare ancora da dirigere. Ma perché non ha usato il buon senso? Uno come lui non dovrebbe aver paura di andare contro il sistema o di avere tirate d’orecchi per non aver rispettato il protocollo. Uno come lui dovrebbe essere talmente libero da fare quello che in tanti anni di buon arbitraggio dovrebbe aver capito. E invece no. C’è un intervento in area, un rigore richiesto in un momento decisivo della gara e lui (leggendo il labiale) dice: “Ho visto io, palla piena”. Ma cosa ha visto?

E Guida che invece di guidare lo manda fuoristrada perché non ha insistito e non l’ha consigliato almeno di andare a rivedere le immagini? Si gode quando un collega sbaglia? Mi rifiuto di crederlo. Guida è un professorino, e come tutti i professorini ha rispettato il protocollo (l’errore non è nettissimo) penalizzando il regolare andamento della gara. Non si può, così non si può.

E se gli arbitri, se sono loro che vogliono questo Var per continuare a gestire il potere, allora è giusto che si prendano tutti i quintali di m.. (spesso immeritata) che certa gente non vede l’ora di buttare loro addosso. L’arbitro che non vuole farsi aiutare dal Var non ha la mia comprensione e mi ricorda un compagno di scuola che non vedeva un c…., ma fino a quando ha potuto non si è messo gli occhiali perché si trovava brutto. Tanto brutto lo era lo stesso, almeno poteva vedere.

Esaspero. Magari poi Banti avrebbe deciso comunque (difficile) di non dare il rigore al Milan non ritenendo punibile l’intervento di Emre Can su Conti, ma se almeno fosse andato a rivedere l’azione in tanti sarebbero stati più sereni nell’accettare l’errore. Oggi no, oggi è inaccettabile. Magari la Juventus avrebbe vinto lo stesso, non è questo il problema, il problema è la corretta gestione della partita, la necessità ormai inderogabile di provare a diminuire il numero degli errori. Non era rigore invece la mano di Zapata, ma con la mia logica, mi sarebbe piaciuto comunque se Banti avesse dato una occhiata anche per quell’intervento. Per tranquillità di tutti.

Questo Var a metà buttatelo a mare, non servono le foglie di fico. Vogliamo il Var vero, quello dell’anno scorso, perché pretendiamo meno errori e perché fare meno errori significa diminuire il veleno e i sospetti attorno al calcio e quindi fare il suo bene. Non è chiaro?

Ci ha rimesso il Milan, soprattutto ci ha rimesso il clima che è un’altra volta nauseabondo. E poi ne dico un’altra a questi geni del pallone italico, ma vi pare giusto che per le sanzioni la Supercoppa sia aggregata alla serie A? Un‘altra ingiustizia. Le due finaliste pagano per una gara in più rispetto a tutte le altre. Suso squalificato? E perché? Ma oggi il Milan perde tre giocatori squalificati, il Genoa lunedì ci guadagna. Ovvio. E le altre squadre concorrenti del Genoa per non retrocedere cosa ne pensano, non si sentono penalizzati? La Supercoppa dovrebbe essere una gara a se stante, le società e i giocatori eventualmente puniti con sanzioni monetarie, non ci vuole un genio per capire che così è ingiusto per molti aspetti.

Ma peggio ancora degli arbitri è stato Higuain. Ma come si fa a non giocare una gara del genere, anche se (ammesso e non concesso) avesse avuto la febbre? Ma il rispetto per una grande società che ti paga 9 milioni di ingaggio? Il rispetto per l’allenatore, per i compagni, per i tifosi, perfino per chi ha organizzato l’evento? Comportamento inqualificabile. C’è gente che una gara così l’avrebbe giocata anche da zoppo, Higuain no. Ma che professionista sei? Il Milan doveva costringerlo a giocare, far vedere in mondovisione chi è Higuain. E se fossi Abramovic uno così non lo prenderei, una roba del genere potrebbe rifarla prima o poi, anche al Chelsea. E non è detto che l’operazione si chiuda. Oggi, si dice, dovrebbero esserci le visite a Londra, ma le conferme non sono tante. Nove milioni di ingaggio e un prestito biennale per un giocatore di 32 anni non è una logica di Marina Granovskaia, braccio destro di Abramovic. Vedremo. E, sinceramente, mi sembra una follia anche dare 40 milioni e passa al Genoa per Piatek che è stato pagato 4,5 milioni sei mesi fa e ha giocato in serie A soltanto 1.600 minuti. Li vale? Nessuno può rispondere. Ci sono margini di rischio enormi, è un’operazione disperata più che pensata. Piatek a quelle cifre dovrebbe dare la certezza di arrivare in Champions, ma le certezze sono poche. E’ evidente che il Milan abbia gestito malissimo la vicenda Higuain facendola crescere a dismisura, perdendola di mano, fino a finire in un cul de sac e qualcuno (Leonardo?) pagherà le conseguenze.

Mentre Higuain oggi dovrebbe andare a Londra per le visite e l’accordo (vedremo), Wanda Nara doveva andare in sede all’Inter per iniziare la trattativa per il rinnovo. Pare che sia stato tutto rinviato alla prossima settimana, ma ripeto quello che ho già scritto: l’accordo si farà, si troverà un punto d’incontro. Lo vuole Marotta, ma lo vuole anche Icardi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

La colpa del Milan è dei milanisti: è una squadra da sesto posto, accettatelo! Lasciare a Pioli il tempo non dato a Giampaolo. L’Inter non fa sconti: giusto non pagare 4.5 milioni per favorire Spalletti (e il Milan)? 09.10 - L’unica cosa positiva di tutta questa storia a tinte rossonere è che un galantuomo come Stefano Pioli avrà la possibilità di rifarsi. Dopo aver dato alla città di Firenze quello che nessun contratto avrebbe potuto prevedere - uno straordinario slancio umano per tenere la testa alta...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: 90 minuti semi-perfetti e un dato di fatto “pericoloso”. Inter: il mercato estivo, le prime critiche e la richiesta di Conte. Milan: Spalletti è il prescelto, Pioli l’alternativa (in grande ascesa), Giampaolo è già il passato 08.10 - Ciao. C’è la sosta: un grande classico ottombrino. Due belle settimane di rotture di balle e questa volta con una maglia verde in più, quella della Nazionale. Sapete cosa cambia la presenza della maglia verde rispetto alla noia mortale del “pausone”? Niente. Ma per annoiarci c’è gran...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510