HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Pallone d'Oro, qual è l'esclusione più sorprendente?
  Gareth Bale
  Edinson Cavanti
  Angel Di Maria
  Harry Kane
  Neymar
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sergio Ramos
  Luis Suarez
  Hakim Ziyech

La Giovane Italia
Editoriale

Montella, tranquillo. Lucci ti premierà con il Real. Non voglio scriverlo: Raiola ha ragione! Lecce, quando vince la meritocrazia. Foggia, la retrocessione della società. La Crema della D: i Conti...ni tornano

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
13.05.2019 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 35504 volte

Che strazio il campionato finito con così largo anticipo. Anche Roma-Juventus diventa inguardabile. Perché se è vero che lo spettacolo non manca, quando giocano due grandi squadre, è anche vero che il calcio non è il cinema e senza l'assillo del risultato non c'è pathos. Quest'anno le società hanno commesso più errori di allenatori e calciatori. Prendiamo l'esempio di Firenze, dove la proprietà con la famiglia Della Valle ha deciso di fare di testa propria e questi sono i risultati. Bisognava arrivare a fine stagione e progettare la prossima. Corvino, da uomo di calcio, aveva preso la strada giusta: chiudiamo con Pioli, proviamo a conquistare la finale di Coppa Italia e, nel frattempo, mi porto avanti con Eusebio Di Francesco. I Della Valle hanno fatto le "scarpe" a Pantaleo e Pioli e hanno deciso di andare su Montella. Nulla di più sbagliato. Chiudere male la stagione in corso e compromettersi la prossima con il contratto di Montella. Un solo vincitore, in questa storia: Lucci, agente dell'allenatore napoletano. Uno che trova squadra ad un suo assistito, nella Liga, dopo il fallimento con il Milan e gli fa firmare un contratto lungo a Firenze dopo due flop non può che non essere un genio. Forse genio del male ma comunque genio. Montella a Firenze ha ricominciato da dove aveva lasciato Milan e Siviglia. Adesso Lucci gli sta preparando un bonus. Se continua così lo porterà al Real Madrid, al posto di Zidane. La Fiorentina è un pianto greco. Un pianto voluto dai Della Valle che, in questi anni, avrebbero fatto meglio a fidarsi di Corvino. Montella è una scommessa persa in partenza.
Mi sono violentato prima di scrivere quello che sto scrivendo. Ho provato a spegnere il Mac, mi sono detto "guarda che non funziona", velocizziamo che ho solo il 5% di carica.... invece nulla. Devo scriverlo perché ho un rapporto onesto con i lettori: scriverò sempre ciò che penso anche se a volte devo sconfessare me stesso. La vicenda della inibizione ai Raiola è una buffonata. Una vendetta trasversale e quando Mino rilascia certe dichiarazioni non ha torto. C'è solo una cosa peggio della giustizia italiana: la procura federale. Scrivono per sentito dire, aprono fascicoli su cose che neanche conoscono, sono la metà di mille, convocano audizioni con avvocati che non conoscono minimamente i fatti e sparano sentenze ignorando i contenuti degli "interrogatori". Tempo e soldi sprecati. Raiola avrà fatto mille porcate nel suo lavoro, avrà la polvere sotto il tappeto come sui lampadari della casa di Montecarlo ma viene punito per un qualcosa che non esiste. Sarebbe come condannare Riina, all'ergastolo, per essere passato con il rosso. Se volevano fare, davvero, male ai Raiola cercavano qualcosa di più. Il concetto espresso, in settimana, da Mino lo condivido. Se non sapete cosa ha detto e non conoscete la storia leggetevela da soli. Barra bianca in alto sulla home di Tmw, "cerca", scrivete Raiola e vi vedete gli ultimi articoli.
Verdetti in serie B: la Puglia sottosopra. Quest'anno non hanno trovato pace. Il Bari morto in D e promosso in C, il Foggia retrocesso in C e il Lecce in volo in serie A. Parliamo prima della festa e poi del funerale (ovviamente calcistico). Vince il Lecce per 4 motivi: società seria, allenatore preparato, squadra compatta e pubblico da serie A. Il Lecce non doveva stare in B, figuriamoci tutti quegli anni buttati in serie C. Il trionfo della programmazione e della meritocrazia. Abbiamo tifato Lecce perché lo meritavano tutti. Il Palermo lo meriterebbe per i tifosi ma non per la società (Foschi escluso perché lui meriterebbe la Champions ogni anno). Non poteva andare in serie A, direttamente, una squadra che il giorno prima ha ricevuto la notizia di richiesta di retrocessione in serie C dagli amici della Procura Federale. Festeggi sapendo che poi comunque potresti essere morto. Lecce è impazzita. Quest'anno in Salento sarà un'estate calda, tra feste e bagni. Stadio pieno, piazze piene e una città che non ha mollato un solo secondo questi ragazzi. Ragazzi forti, certamente, ma non avremmo scommesso un euro in estate sulla promozione diretta del Lecce. Lo ha detto lo stesso Presidente Sticchi Damiani, una sera ospite negli studi di Sportitalia. Il budget era da campionato tranquillo, poi, Meluso ha deciso di fare il fenomeno sul mercato, Liverani si era rotto le scatole di categorie inferiori alla serie A e hanno preparato il pacchetto regalo.
Dalla festa di Lecce allo sconforto di Foggia. Altra grande tifoseria, con numeri pazzeschi, tradita dalla sua stessa società. Ormai la differenza non la fanno più tifosi e squadre ma i dirigenti e i Presidenti. A Foggia è stato uno scempio tutto l'anno, annata chiusa con il giusto epilogo. Squadra retrocessa in serie C. Non puoi far prendere un allenatore al Direttore, esonerarlo, prendere un nuovo Mister su indicazione diretta del Presidente, esonerarlo, riprendere l'allenatore del Direttore. Una gabbia di matti. Nember aveva costruito una squadra forte, sulla carta, ma si è rivelato un boomerang. Pessima gestione, società debole e soldi che arrivavano sempre più tardi. Ogni mese una sofferenza. Squadra senza personalità e con troppi calciatori che hanno lottato più per se stessi che per la maglia.
Domenica di festa anche in serie D. Il Partenio di Rieti, colorato di biancoverde, è stato uno spettacolo. L'Avellino torna in C e lancia la sfida a cugini vicini e lontani. La sorpresa arriva da Novara dove il Modena, giustamente, lascia il palco alla Pergolettese che avrebbe meritato il primo posto e solo nel finale si è fatta rimontare 6 punti. A Crema fa festa la Pergolettese che, con merito, vola in C. E pensare che i primi due mesi la squadra era nell'anonimato della metà classifica. La svolta con l'ex difensore di Napoli, Siena e Atalanta Matteo Contini. Per la prima volta alla guida dei "grandi" e subito impatto clamoroso con una realtà che aveva già diretto ma a livello giovanile. Giusto mix tra esperti (Fabbro, Gullit e Cazzamalli su tutti) e giovani (Bortoluz attaccante del 97 e Morello esterno del 99).
Restano in D investimenti milionari come Modena, Taranto, Matelica, Reggio Audace e Mantova. Perchè i soldi non sempre fanno la felicità delle società.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: il non-rigore di De Ligt e gli obbrobri nel regolamento. Inter: la furia di Conte, l’idea Ibra e la “crisi Lukaku”. Milan: la scelta di Pioli (occhio a Suso…) e la “fuga” di Scaroni. Roma: il perché degli infortuni 22.10 - Dieci pensierini (e ce la caviamo così). 1) Il Milan domenica ha giocato una buona partita. Non in senso assoluto, per carità, ma visti i precedenti sette turni di campionato certamente sì. Pioli ha cancellato tre mesi di esperimenti impossibili (puntare al calcio di Giampaolo...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Sarri cinico e spietato. Juve, ecco cosa ti manca. Maran top, merita una grande. Mazzarri flop, servono i fatti. C'era una volta il miracolo Catania. Lo Monaco, che errore il ritorno! 21.10 - Per lo spettacolo c'è tempo, adesso serve concretezza e fare molti punti per non tenere in gioco, o meglio tenere il più distante possibile, il nemico. La Juventus vista con il Bologna non ha brillato di luce propria ma ha portato a casa quello che doveva portare e si sta iniziando...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Insigne venga trattato da capitano (o si volti pagina). Mandzukic e l'accordo 'suicida'. In Serie A c'è un club perfetto per questo Zlatan Ibrahimovic 20.10 - Tutti i nodi vengono al pettine. Tutti i problemi, quando non li risolvi e provi solo ad accantonarli, ti tornano indietro più forti di prima. E' così nella vita, è così nel calcio. Prendete Lorenzo Insigne: lui non potrà mai dirlo, perché è napoletano e capitano del Napoli, ma in...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510