HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Qual è il vostro miglior acquisto dopo il primo trimestre?
  Muriel (Inter)
  Nainggolan (Cagliari)
  Ribery (Fiorentina)
  Lukaku (Inter)
  De Ligt (Juventus)
  Hernandez (Milan)
  Kulusevski (Parma)
  Lozano (Napoli)
  Smalling (Roma)
  Caputo (Sassuolo)

La Giovane Italia
Editoriale

Sarri ha ragione: così il Var ha stancato. Verratti a 17 milioni, un'impresa di Raiola. Ancelotti, -6.... Sartori il più grande esperto di calcio in Italia! Empoli e Samp, più rispetto per i giovani

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
04.11.2019 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 45786 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Parole sante, quelle di venerdì scorso di Maurizio Sarri. Vi faccio la sintesi delle puntate precedenti: il Var viene usato tanto e male, nel resto d'Europa sono più veloci e non è così invasivo. Era nato per evitare errori macroscopici. Come dare torto all'allenatore della Juventus. Da quando è entrato in vigore il Var è stata la morte delle emozioni calcistiche. Esulti per un gol ma devi iniziare a frenare l'entusiasmo perché prima ti guardi attorno, poi fissi l'arbitro, in attesa che ricominci il gioco sperando che sia tutto vero. Non puoi godere aspettando il permesso di qualcuno. Una volta (per fortuna per chi ama i campionati "minori" è ancora così) quando segnava la tua squadra guardavi velocissimamente, mentre esultavi, solo due cose: l'arbitro che indicava il centrocampo e il guardalinee che non avesse in alto la bandierina. Sarri dice cose sacrosante ma ci vorrebbe l'intervento di qualcuno dall'alto. Il Var è uno strumento bello e utile ma, come sempre, in Italia riusciamo a rovinare anche le cose buone. Gli arbitri sono lenti, si prendono troppi minuti per decidere, tutti che parlano e spesso le decisioni sono anche sbagliate. Ci sono, inoltre, gol annullati per mezzo millimetro di fuorigioco. Uno può sostenere: ma era irregolare. Certo ma per cento anni quei gol li abbiamo convalidati, abbiamo esultato e anche con i replay non si trovava quel mezzo millimetro di fuorigioco. Domanda: ma sul gol davvero l'attaccante ha tratto beneficio da quella posizione millimetrica? No. E allora il var non deve interferire. Dalla cabina, gli arbitri devono intervenire per le cose clamorose che giustamente possono sfuggire all'occhio umano. La testa di Zidane con l'arbitro di spalle, un fallo di reazione a palla lontana, un fuorigioco netto ed evidente, ma utilizzare così le macchine rischia di diventare la morte del calcio. Non chiediamo l'intervento di Nicchi che ha i mesi contati ma il buon Rizzoli, ottimo professionista, dovrebbe chiedere ai suoi fischietti una interpretazione diversa.
La scorsa settimana è stata anche legata al calciomercato. Chi arriva a gennaio? No, è ancora presto. Il rinnovo di Marco Verratti fa piacere perché è il trionfo di un ragazzo italiano che sta facendo grandi cose a Parigi. Il rinnovo di qualche giorno fa, con il Psg, ci ha tuttavia un po' spiazzati. Verratti è il calciatore italiano più forte in attività? Probabile. Sicuramente è il più pagato con 17 milioni di euro all'anno. Storia bellissima e fantastica per un ragazzo partito da Pescara quasi nell'anonimato. Ora vive a Parigi, fa grandi cose con il PSG e guadagna dei soldi che forse, un tempo, erano solo per grandi campioni. E Verratti lo è. Ma qui c'è la mano del procuratore e quando Verratti ha cambiato Di Campli con Raiola, probabilmente, si aspettava proprio questo risultato. 17 milioni all'anno. Follia. Complimenti a Raiola che ha portato a casa il massimo risultato con un top player. Su queste cose, su questo tipo di operazioni, Mino ha pochi rivali ed è uno dei più bravi, se non il più bravo. Bravo nei trasferimenti, bravo nei rinnovi, un po' meno nella gestione dei giovani. Con lui molti ragazzini si sono persi. Avevano del talento ma non hanno sfondato.
E' iniziato il conto alla rovescia, a Napoli, per Carlo Ancelotti. La sconfitta di Roma conferma che questa squadra, già a novembre, è fuori dalla corsa scudetto e l'obiettivo reale è rientrare tra le prime 4. Il tecnico emiliano ha ancora sei mesi a disposizione per evitare l'etichetta di bluff. Quando era arrivato a Napoli era stato giustamente etichettato come l'acquisto del vero top player. Mancava un allenatore così in Italia. Poi è tornato anche Antonio Conte ma questi personaggi, prestati a Premier e Ligue 1, erano uno smacco per il calcio italiano. Ancelotti, però, al Napoli non ha portato nulla. Squadra eterna incompiuta e tale è rimasta. Lontana dallo scudetto e lontana da sogni europei. Certamente qualche lampo di Ancelotti lo abbiamo visto ma sul lungo termine sta deludendo le aspettative. De Laurentiis è pronto a presentargli il conto ma ci sono ancora sei mesi per far cambiare idea ai napoletani che vogliono vincere qualcosa; prima o poi.
In chiusura una riflessione su un direttore sportivo che ha superato la mezza età, non si vede comparire mai in tv ma lo consideriamo, ad oggi, il più esperto di calcio in Italia. Più di Marotta? Sì. Più di Paratici? Forse sì. Più di Giuntoli? Sì, anche perché il direttore napoletano ha dimenticato troppo in fretta la gavetta che ha fatto. Giovanni Sartori è il numero uno del calcio italiano. Lo dimostrano i successi dell'Atalanta ma anche quelli del Chievo Verona; perché lui era il Chievo e, andato via Sartori, sono arrivati i disastri clivensi. A Bergamo non compare e sembra non incidere. Da anni è ai ferri corti con Gasperini, eppure non sbaglia un colpo. Conosce il calcio come nessuno e ha sfruttato sempre il dono di Dio: l'occhio per vedere i calciatori. Non lo compri e non lo impari. Quello è un dono divino. Sartori l'ha sfruttato per fare carriera e per costruire grandi squadre, per conoscere il mondo del calcio e per riuscire ad individuare il potenziale di un calciatore fin da giovane. Non rilascia quasi mai interviste, vive nell'ombra, ma in ogni stadio in cui vai trovi Sartori. Lui c'è sempre. Vecchio stampo. Le partite si vedono dal vivo e non in dvd. Ha una rete pazzesca e collaboratori bravissimi. Lui sui campi c'è sempre. Dovrebbero clonarlo. Come hanno fatto con Varenne che ormai è in pensione, ma - grazie alla inseminazione - procrea ogni anno 110 mini Varenne. Ma capiamo bene che sarebbe dispendioso per Sartori mantenere 110 figli all'anno. Quindi accontentiamoci di lui...
Più che una riflessione è un invito: molte società di serie A, e non solo, ancora non hanno capito che i giovani sono patrimonio tecnico ed economico del futuro. Far giocare la squadra più importante del settore giovanile, ovvero la Primavera, su campi assurdi e in impianti indecenti è un autogol. Questi ragazzi meritano rispetto. Quello che stiamo vedendo in queste stagioni è vergognoso: ieri l'Empoli non ha giocato su un campo da calcio. Era lotta libera su un campo quasi senza erba. Eppure la società di Corsi si distingueva per l'ottimo lavoro che faceva con i giovani. Ora addirittura fa giocare la Primavera su un campo indecente. Stesso discorso per il Pescara, campo da oratorio. La Samp, a Bogliasco, ha costruito un bel centro sportivo ma poi la Primavera gioca su un campo ai limiti della praticabilità. Il Chievo giocava sull'autostrada, il Genoa in riva al mare. Il Torino aveva avuto la brillante idea di giocare al Filadelfia, poi però, se Mazzarri deve allenarsi lì, i ragazzi finiscono in un centro sportivo a giocare in mezzo ai ragazzini. Complimenti alla Fiorentina che ha già aperto più volte il Franchi. Bene il Napoli e la Roma che hanno stadietti a misura di Primavera. Inter e Juventus dovrebbero fare qualcosa in più per il ruolo che ricoprono nel mondo del calcio, ospitando anche le grandi d'Europa.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ibra-Milan: ecco cosa manca. Perché non si può criticare la mediocrità finora espressa da Sarri? Se la ride Allegri. Cristiano, ma perché? La Juve difende: la Champions val bene una messa Cristiana.Il miracolo di Conte all’Inter, chi disturba? 04.12 - Il passo Ibrahimovic l’ha fatto: la sua richiesta di 10 milioni netti per un anno e mezzo è stata in parte ridotta. Il Milan ha offerto 6 milioni netti per la metà stagione rimanente più la prossima, e 4 di bonus anche se si tratta di bonus complicati. Ibra ha deciso di controrichiedere...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: il problema (se c'è) non si chiama Sarri... Inter: la mossa di Conte è datata marzo 2019 (e a gennaio arrivano...). Milan: Ibra, un aiuto per Pioli. Cellino e DeLaurentiis: prendere esempio dal giovane Giulini. La lezione di Messi... 03.12 - Buonasera (se leggete di sera). Buongiorno (se leggete di giorno). Mortacci vostra (se non leggete, ma tanto non è il vostro caso, perché state leggendo). Siam qui a scrivere la consueta pappardella di fatti e fatterelli dal puro valore soggettivo. Del resto ognuno ha la sua idea...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

De Zerbi a scuola da Sarri... eh, scusate il contrario! Cambiare allenatore? In A e B (quasi sempre) un flop. Lo Monaco picchiato ma il calcio resta in silenzio 02.12 - Ci sono giorni che non sai cosa scrivere. Devi pensare mezz'ora prima di trovare qualche argomento interessante. Giorni, come questi, che devi tenere fuori mille argomenti e che vorresti toccare tutti. Ho scelto. Vorrei parlare di calcio ma non posso parlare solo di calcio. C'è una...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

L'Inter aveva ragione: la cessione di Icardi era necessaria per fare il salto di qualità. Per gennaio già presa un'altra decisione non banale: Marotta non torna sui suoi passi 01.12 - Ma l'Inter ci ha davvero guadagnato? Ma era davvero necessario vivere e alimentare per mesi il caso Icardi, scaricarlo ben prima di darlo via, e puntare su Romelu Lukaku? Sicuri che la priorità fosse il centravanti? La scorsa estate i dubbi su quanto fatto da Giuseppe Marotta, sul...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, tra De Paul e un nuovo tentativo per Vidal. C’è anche Pinamonti per l’attacco. La Fiorentina di nuovo su Politano. Napoli in pole per Amrabat, a gennaio i rinnovi di Zielinski, Milik e Maksimovic 30.11 - L’Inter sogna gli ottavi di Champions League e nel frattempo continua a muoversi sul mercato. A gennaio non è facile migliorare la squadra, ma Marotta e Ausilio faranno il possibile per cercare di soddisfare Antonio Conte. È chiaro che il primo della lista per il centrocampo resta...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter, ok di Zhang: arrivano Giroud e Matic. Marotta non molla Kulusevski e sfida la Juve. Milan aspetta il sì di Ibra. Napoli, prove di pace per Adl. Fiorentina, ecco il centro sportivo da sogno da 70 milioni 29.11 - Il signor Zhang, come l’uomo del monte, ha detto sì. Marotta avrà le risorse per fare mercato nel mese di gennaio, porterà a casa quel centrocampista e quell’attaccante che Conte ha chiesto chiaramente e pubblicamente per provare ad avvicinare ancora di più la Juventus. Del resto...

Editoriale DI: Luca Marchetti

L’Inter e Lautaro più forti del VAR, il Napoli sulla strada giusta e Chiesa a colloquio con la Fiorentina 28.11 - L’Inter la vince di forza, non solo tecnica e fisica ma anche mentale. Ha fatto una grande prestazione e ora la qualificazione rimane difficile ma certamente più vicina. L’Inter la vince con la forza di Conte, con una grinta incredibile, con dei messaggi lanciati dalla panchina con...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Napoli: è finita. Ecco chi deve proprio andare via. Ma intanto serve… L’Inter per vincere a Praga, ma ne vale davvero la pena? Juventus a Londra per Willian e Eriksen. Milan a ribasso per Ibrahimovic, è un rischio 27.11 - Non chiedeteci la parola, diceva Montale. Allo stesso modo, non chiedete quale sia la soluzione per uscirne per il Napoli. Perché non esiste. Non se ne esce. Questo ciclo del Napoli è finito, e non perché lo siano i giocatori, o perché l’allenatore non sia quello giusto, o perché...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: le vittorie in rimonta e i presunti "aiutini". Inter: il metodo Conte in attesa dei (due) rinforzi. Milan: il salva-tutto Ibra e la verità dietro al "caso-telefonini". Napoli: ok la disciplina ma è più importante la "strategia” 26.11 - Buondì. Il cane mi ha mangiato i compiti: oggi mi tocca proporvi "l'editoriale lampo". Ecco a voi dieci cose veloci veloci veloci. 1) Il Milan di Pioli ha una media punti inferiore a quella di Giampaolo (certo, il calendario ha fatto la differenza, ma i numeri sono chiari). E i...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Il risiko di gennaio: ecco cosa serve e a chi. Juve, due cessioni. Inter, due acquisti. Milan, no a Ibra. Napoli, Firenze e Torino: panchine di cristallo. Lega, ecco il Presidente 25.11 - Un mese esatto al Natale. Auguri. Poco più di un mese alla riapertura del calciomercato. Condoglianze. Sembra ieri che finiva il mercato estivo e già riapre quello invernale. Evviva. Ci divertiamo. Anche perché il campionato a volte ci annoia, la sosta lo ammazza. Chi ha sbagliato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510