HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Chi volete come centravanti dell'Italia a Euro2020?
  Ciro Immobile
  Andrea Belotti
  Mario Balotelli

La Giovane Italia
Editoriale

Ultimi botti di mercato: quante sorprese ancora!

31.01.2019 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 28982 volte
© foto di Federico De Luca

Ultime ore di mercato e come al solito saranno frenetiche.
Basta essere onesti, non aspettatevi il grande colpo dell’ultimo minuto, soprattutto da parte delle grandi. In pentola bolle qualcosa ma di tempo per buttare la pasta ce n’è veramente poco.
Di sicuro è in ebollizione la situazione a Roma. Dopo la sconfitta pesantissima contro la Fiorentina, la situazione non è serena. E non può esserlo. L’analisi del momento pessimo della squadra giallorossa non può essere spiegato soltanto con le difficoltà di Di Francesco o con il mercato. Meriterebbe una riflessione approfondita, ma non è questo lo spazio “giusto”. E se la Roma, sul mercato, in questa finestra di gennaio non ha praticamente mosso nulla non c’entra nulla. Ha provato a prendere Vida, ma le necessità economiche della Roma e le richieste del Besiktas non hanno collimato. Il mercato è stato dichiarato chiuso da Monchi, la riflessione è tutta sul momento negativo. Di Francesco non abbandona la sua nave in crisi, ma in qualche modo deve trovare il modo insieme alla società per invertire la rotta. Il cambio di panchina, almeno per il momento, non è contemplato, anche se probabilmente questo è il punto più basso della Roma di Di Francesco.
Situazione diversa in casa Juve, anche se la sconfitta fa male. La coppa Italia ha regalato sorprese e serate di grandi emozioni (per Fiorentina e Atalanta) ma ha lasciato alla Juve due sassolini (o sassoloni) nelle scarpe: l’impossibilità di poter realizzare il triplete e l’infortunio di Chiellini. Queste ore serviranno alla Juventus per riflettere sull’opportunità o meno di prendere un altro difensore. I primi nomi che girano sono proprio quelli di Vida e Bruno Alves. Servirà anche capire bene cosa si è fatto Chiellini, prima (eventualmente) di procedere.
Anche il Milan continua a tenere viva una speranza per Carrasco. La variabile è che il Dalian ha aperto al prestito per 6 mesi (prima lo avrebbero fatto soltanto per un anno e mezzo), quindi ora il Milan aspetta di capire se questo nuovo assalto possa davvero arrivare ad una conclusione positiva. L’esterno offensivo sarebbe la ciliegina sulla torta di un mercato invernale importante, ma proprio per questo devono esserci le giuste condizioni: prestito e qualità, ovvero migliorare la rosa senza aumentare (di troppo) le spese.
Si muove soprattutto il resto della Serie A e continuerà a farlo, con frenesia, anche in queste ultime ore. Il colpo di giornata lo ha messo a segno la Samp con l’arrivo di Sau, fino a fine stagione (poi gli scadrà il contratto), visto che nel frattempo Kownacki è andato al Fortuna Dusserdolf.
Scatenato l’Empoli: arriva Dicks, è stato fatto un sondaggio per Tonelli (ma difficile che la Samp lo liberi, proprietà Napoli) e ha imbastito una trattativa fiume con il Cagliari. Chiuse le operazioni che hanno portato in toscana Pajac e Farias, mentre il Cagliari ha preso Despodov, attaccante bulgaro classe ’96 del Cska Sofia, per 3 mln più bonus e anche Luca Pellegrini dalla Roma.
Non molla affatto il Chievo, nonostante l’ultima posizione in classifica. Cacciatore (che sembrava fatta a Perugia) dovrebbe andare invece a Cagliari e in cambio potrebbe arrivare Andreolli, come rinforzo in difesa. Ma soprattutto sta per portare in Italia Piazon, dal Chelsea, per cercare di arrivare a una salvezza che oggi sembra difficilissima.
Il Bologna ha chiuso Edera e Lyanco e nel frattempo ha bloccato Mattiello e Falcinelli (entrambi richiesti proprio dal Cagliari) e lavora ancora per Basta ella Lazio (ma ancora non c’è accordo).
Il Parma cerca il colpo last minute in attacco e potrebbe tentare Lapadula (a quel punto Ceravolo sul quale oltre a Salernitana e Cremonese ha anche il Brescia), prolunga il contratto con Bruno Alves (ma come detto occhio alla Juve), continua a trattare Schiappacasse con l’Atletico Madrid e potrebbe chiudere per il portiere Brazao (in collaborazione con Inter). La Samp oltre a Sau domani potrebbe stringere per Depaoli del Chievo, se Sala dovesse poi sbloccarsi per il Parma. Al Genoa se parte Lapadula potrebbe arrivare Oberlin. La Spal ha proposto al Palermo uno scambio Rispoli-Dickmann, Rispoli che potrebbe anche andare alla Lazio in caso di partenza di Basta. L’obiettivo dei ferraresi però è un attaccante e si continua a trattare per Castaignos (ex Inter) ora allo Sporting Lisbona e potrebbe spingere per Regini se la Samp dovesse darlo in prestito.
L’Atalanta ha respinto l’assalto del Monaco per Gosens, il Genoa ha chiuso per Jagiello, trequartista polacco dello Zaglebie Lubin. Resterà in Polonia fino a giugno ma farà visite a Genova a breve. L’Udinese prova a prendere Kellu del Reading e Semedo del Benfica, Romulo è un’opportunità last minute per la Lazio e prende Casasola dalla Salernitana (da decidere nelle prossime ore se subito o a giugno)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

La colpa del Milan è dei milanisti: è una squadra da sesto posto, accettatelo! Lasciare a Pioli il tempo non dato a Giampaolo. L’Inter non fa sconti: giusto non pagare 4.5 milioni per favorire Spalletti (e il Milan)? 09.10 - L’unica cosa positiva di tutta questa storia a tinte rossonere è che un galantuomo come Stefano Pioli avrà la possibilità di rifarsi. Dopo aver dato alla città di Firenze quello che nessun contratto avrebbe potuto prevedere - uno straordinario slancio umano per tenere la testa alta...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: 90 minuti semi-perfetti e un dato di fatto “pericoloso”. Inter: il mercato estivo, le prime critiche e la richiesta di Conte. Milan: Spalletti è il prescelto, Pioli l’alternativa (in grande ascesa), Giampaolo è già il passato 08.10 - Ciao. C’è la sosta: un grande classico ottombrino. Due belle settimane di rotture di balle e questa volta con una maglia verde in più, quella della Nazionale. Sapete cosa cambia la presenza della maglia verde rispetto alla noia mortale del “pausone”? Niente. Ma per annoiarci c’è gran...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Maldini, in cerca di esperienza e alla ricerca della classe (persa a Genova): ecco cosa è successo. A Firenze ho visto la luce... classe 1997 e non è Chiesa 07.10 - Siete pronti a leggere una bestemmia pubblica? Eccola: in tutto questo strazio, al Milan, il meno colpevole è Marco Giampaolo. Un allenatore bravo, un grande teorico, non sempre un eccellente pratico a tal punto che pochi anni fa per far ripartire la sua carriera è dovuto scendere...

Editoriale DI: Marco Conterio

Conte e la lezione dell'Inter alla Serie A. Sarri resta ancora una splendida scommessa. Che succede ad Ancelotti e al Napoli? 06.10 - Quanto conta un allenatore, nel rendimento di una squadra? Nelle partite e nei campionati? Domande, non risposte. Trovarle è sempre stata un arcano, quando sembrava d'avere il Graal è arrivato il santone a sovvertire le gerarchie. Un'annata a raccontare un altro percorso, un'altra...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Genoa-Milan, un sabato di passione. Ultima chiamata per Giampaolo ma l’eventuale sostituto resta un rebus. Ai rossoneri serve un leader alla Ribery. Inter, contro la Juventus  ancora fiducia a Lautaro, Ramsey la chiave tattica di Sarri 05.10 - C’è una partita che vale una stagione o quasi. Dopo 6 giornate di campionato Genoa-Milan è uno spartiacque per Andreazzoli e Giampaolo. Ed è incredibile soprattutto la situazione del Milan Il rendimento dei rossoneri è inspiegabile, 2 vittorie e 4 sconfitte, le ultime 3 consecutive,...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter, sfida totale alla Juve. Torna Lukaku con Politano, Ronaldo con Higuain e Ramsey. Sarri-Conte dall’Arezzo allo scudetto. Milan, confusione totale: Elliott deve vendere nonostante le smentite. Insigne, ecco cosa è successo con Ancelotti 04.10 - Sarri e Conte, due allenatori che dodici anni fa non riuscirono a salvare l’Arezzo dalla retrocessione in serie C, domenica si ritrovano a ragionare di scudetto. E’ un’altra bella storia o favola, fate voi, confezionata dal Dio del Pallone. Quell’anno si divisero il lavoro su una...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510