HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Chi volete come centravanti dell'Italia a Euro2020?
  Ciro Immobile
  Andrea Belotti
  Mario Balotelli

La Giovane Italia
Probabili formazioni

Le probabili formazioni di Ajax-Juventus - Ronaldo in campo dal 1'

10.04.2019 06:50 di Patrick Iannarelli   articolo letto 10230 volte
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

L'attesa. La voglia di giocare e scendere in campo, per scaricare anche un po' di adrenalina. La consapevolezza della propria forza, ma anche un avversario che ha tutte le carte in regola per sorprendere. È la notte delle stelle, ritorna la Champions League. La Juventus vola ad Amsterdam per sfidare l'Ajax nell'andata dei quarti di finale della competizione continentale più ambita.

I precedenti ci sono, anche se la mente richiama una data precisa. 22 maggio 1996, stadio Olimpico di Roma. La Juventus alza il suo secondo trofeo. Nessuno può minimamente immaginare che questa sarà l'ultima Champions League conquistata in ordine cronologico. Ma se il passato restituisce soltanto delle fotografie sbiadite e spesso impolverate, il presente e il futuro prossimo passano inesorabilmente anche da una squadra che nell'arco della sua storia ha segnato il calcio. Una divisa bianca e rossa particolare, con quel calcio totale che ha illuminato la scena europea e mondiale. Un punto di svolta grazie anche a quel numero 14 di un'eleganza spaventosa, Johan Cruijff. Ironia della sorte, si giocherà proprio in un impianto dedicato a quel giocatore che fece innamorare tutti gli appassionati e gli addetti ai lavori. Perché a volte il calcio, nella sua semplicità, può essere davvero crudele. Non sarà una finale, ma il peso specifico di una partita si quantifica in base a moltissimi fattori. E la nostalgia, mescolata alla voglia di tornare ad alzare un trofeo che manca da 23 anni, può aumentare il valore di una singola gara.

COME ARRIVA L'AJAX - Cicli storici e declini, bellezza, gioventù e talento. Negli anni i lancieri hanno mostrato la caducità e il voler risorgere dalle proprie ceneri. E come un'araba fenice questa squadra è tornata a splendere con i suoi Enfants terribles proprio nello stadio simbolo del bel calcio, il Santiago Bernabeu. Un 4-1 che ha annichilito i campioni d'Europa in carica e che ha mostrato al mondo cosa vuol dire gettare le basi e gestire una squadra secondo certi dettami.

Durante tutto il torneo abbiamo visto una squadra in grado di saper esprimere bel calcio, qualità e cinismo. Prima contro il Bayern, nella fase a gironi, poi nella doppia sfida contro il Real. Siamo sicuri che Erik Ten Hag cambierà poco anche in questo match, probabilmente vedremo il 4-3-3 con Onana in porta. Tagliafico e Veltman sulle corsie esterne, Blind e De Ligt al centro della difesa. Cabina di regia affidata a Schöne, con Van de Beek e De Jong a completare il reparto. Tadic al centro dell'attacco, con Neres e Ziyech sulle corsie esterne.

COME ARRIVA LA JUVENTUS - Ora che il campionato è ad un passo dall'essere vinto, i bianconeri non possono più nascondersi. La Champions League è un obiettivo, molto probabilmente quello principale della stagione. Allegri vuole assolutamente tornare a giocarsi la finale e mettere le mani sul trofeo, cancellando Cardiff e Berlino. Ronaldo vuole entrare per sempre nella storia della competizione e il gruppo vorrebbe assolutamente chiudere un ciclo fatto di otto scudetti consecutivi. Manca ancora la gemma più preziosa, la succosa ciliegina sulla torta.

Ma la legge di Murphy («Se qualcosa può andar male, andrà male», ndr) colpisce ancora l'infermeria bianconera, visto che Chiellini non prenderà parte al match. Ritorna Cristiano Ronaldo, ma la coperta per questa sfida è inevitabilmente corta. In porta Szczesny, possibile 4-3-3 con De Sciglio, Bonucci, Rugani e Alex Sandro in difesa. In mediana spazio a Pjanic, il bosniaco gestirà le operazioni coadiuvato da Bentancur e Matuidi. In attacco scelte quasi scontate, con Mandzukic unica punta. Bernardeschi e Ronaldo si piazzeranno sulle corsie esterne. Improbabile, ma non impossibile, il 3-4-3: in questo caso verrebbe sacrificato un centrocampista, con De Sciglio e Cancelo a centrocampo. La difesa, con questo schieramento, verrà formata da Rugani, Bonucci e Alex Sandro.

LE PROBABILI FORMAZIONI

AJAX (4-3-3): Onana; Tagliafico, Blind, De Ligt, Veltman; Van de Beek, Schöne, De Jong; Neres, Tadić, Ziyech.
A disposizione: Varela, Blind, Sinkgrave, Huntelaar, Labyad, Dolberg, de Wit.
Allenatore: Erik Ten Hag

JUVENTUS (4-3-3): Szczesny; De Sciglio, Bonucci, Rugani, Alex Sandro; Bentancur, Pjanic, Matuidi; Bernardeschi, Mandzukic, Cristiano Ronaldo.
A disposizione: Perin, Khedira, Dybala, Barzagli, Douglas Costa, Cancelo, Kean.
Allenatore: Massimiliano Allegri


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Probabili formazioni

Primo piano

TOP NEWS 20 - Udinese-De Paul, rinnovo ufficiale. Italia, le formazioni Le voci dei protagonisti, le esclusive di mercato e tanto altro su TMW: di seguito le notizie più importanti del tardo pomeriggio: ESCLUSIVA TMW - Kesapli: "Chi ha stabilito che quel saluto è un gesto politico?" - Leggi la news, CLICCA QUI! UFFICIALE: Udinese, De Paul ha rinnovato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510