Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaBresciaCagliariFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpalTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoCasertanaCataniaCatanzaroCesenaChievoFidelis AndriaGiana ErminioJuve StabiaLatinaLivornoNocerinaPalermoPerugiaPescaraPisaPordenonePotenzaRegginaSalernitanaSienaTernanaTrapaniTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali
esclusiva

Pisanu: "Qui a Malta c'è paura. La serie A? Ci dovrà essere sicurezza per tutti"

ESCLUSIVA TMW - Pisanu: "Qui a Malta c'è paura. La serie A? Ci dovrà essere sicurezza per tutti"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Marco Conterio
mercoledì 25 marzo 2020 18:04Serie A
di Lorenzo Marucci

"Qui a Malta la situazione sembra per ora sotto controllo, nel senso che i casi sono circa 105, con un paio di persone in terapia intensiva e questo tutto sommato è un buon dato". Andrea Pisanu, ex calciatore di Cagliari e Parma, adesso vive a Malta dove è l'allenatore dello Sliema Wanderers. "Il problema è che non si capisce se questi numeri siano dovuti alla velocità del governo di chiudere l'isola o perché invece siamo in ritardo di due-tre settimane rispetto all'Italia. Per quanto riguarda le restrizioni è chiuso tutto, aeroporti, ristoranti, bar. Si può andare in giro per compare da mangiare ma le altre attività restano chiuse. Non c'è ancora il divieto assoluto di uscire di casa però le strade sono vuote. C'è paura. Si può vedere che la gente sta a casa per scelta propria. Anche qui il calcio si è fermato da tre settimane: io come allenatore dello Sliema avevo già deciso dopo le prime avvisaglie di bloccare gli allenamenti e di mandare tutti i ragazzi a casa cosciente di quel che stava succedendo in Italia. Non mi sono sentito di far rischiare i ragazzi e le loro famiglie. Si pensa e si spera che si possa riprendere ad aprile ma credo che ci vorrà più tempo".

La situazione dell'Italia che effetto le fa e che cosa pensa di questa stagione calcistica? Verrà terminata?
"Purtroppo la situazione italiana è grave, da qui con la mia famiglia siamo preoccupati vedendo i numeri. Credo sia stato gusto chiudere tutto: è vero che ci sono altri problemi che si possono creare ma la salute va salvaguardata. Per quanto riguarda i campionati penso che in questo momento il calcio sia l'ultima cosa importante. In un paese come il nostro il calcio fa parte dell'economia ma non si può rischiare la salute per una partita. Giusto fermarsi finchè la situazione non sarà sicura e finchè i tifosi non potranno tornare a godersi lo spettacolo in tutta tranquillità e sicurezza. E' inutile dare date, ora sono solo supposizioni2.

© Riproduzione riservata
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246
Aut. Lega Calcio Serie A e Serie B num. 53

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000