HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
L'Italia di Mancini può vincere l'Europeo?
  Sì: ha dimostrato di essere all'altezza delle migliori
  Sì ma solo con un sorteggio favorevole
  Serve un miracolo, è ancora presto
  No: il girone era facile e il vero valore è sempre lo stesso

La Giovane Italia
Serie A

ESCLUSIVA TMW - Vanni (Repubblica): "Parole di Conte? Marotta ha gli anticorpi"

06.11.2019 12:23 di Simone Bernabei  Twitter:    articolo letto 5684 volte
Fonte: dall'inviato al Signal Iduna Park, Dortmund
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Fra i giornalisti che hanno seguito dal vivo la sfida del Signal Iduna Park fra Borussia Dortmund e Inter c’è anche Franco Vanni. L’inviato di Repubblica, per TMW, ha così analizzato il ko nerazzurro contro gli uomini di Favre.

Cosa è successo fra il primo ed il secono tempo, a suo giudizio? “Conte sul punto tecnico non si sbilancia. Alla domanda su cosa sia andato storto fra l’ottimo primo tempo ed il crollo della ripresa non ha saputo dare una risposta. Con ogni evidenza, c’è stato un cambio di ritmo da parte del BVB. Non ha cambiato tattica, ma ha raddoppiato la velocità. Quei passaggi farraginosi e macchinosi, quasi sempre all’indietro, sono diventati lanci profondi. Alcuni giocatori, come Sancho e Gotze, nel primo tempo parevano timorosi mentre nella ripresa hanno preso coraggio e massacrato il centrocampo nerazzurro. Dell’Inter spumeggiante del primo tempo, nel secondo non era rimasto praticamente niente. Skriniar nella sua zolla ha continuato a tenere, lo stesso si può dire di Barella che non si è fatto completamente sopraffare. Per il resto un mezzo disastro, sicuramente la peggiore Inter da inizio stagione. Quel che stupisce è anche nella reazione di Conte sulla poca tenuta nervosa: Brozovic e Candreva, per fare due esempi, la sicurezza del primo tempo l’avevano persa”.

Un calo mentale quindi, più che fisico? “Dal punto di vista fisico l’Inter, a differenza di altre gare, aveva finito la benzina. Ma il fatto che l’interruttore del gioco fosse acceso nel primo tempo e completamente spento nel secondo fa più pensare ad uno stacco di motivazione e presenza in campo. Nel secono tempo è come se non fosse scesa in campo, i primi 20’ sono stati una specie di massacro. Io credo che Conte sia in buona fede quando dice che non ha idea di cosa sia successo, deve studiare e rivederla perché è stata una cosa violenta, come se qualcuno abbia staccato la spina ad eccezione di pochi giocatori che da soli non hanno però fatto la differenza”.

Le dichiarazioni forti di Conte nel post partita possono in qualche modo incrinare il rapporto con la società? “Marotta conosce bene Conte, già in passato si scontrò con la Juve pubblicamente. Tutti ricordiamo la storia del ristorante da 100€ in cui non ci si può presentare con 10. Marotta in questi anni ha fatto gli anticorpi, non si farà sorprendere. Lo conosce bene. Si può bisticciare in pubblico, ma poi tutto rientrerà. C’è da dire che Conte solitamente alle uscite pubbliche fa seguire fatti concreti, come quando se la prese con Abramovich per aver venduto Matic. Lì dalle dichiarazioni pubbliche al divorzio passò poco tempo, qui credo che Marotta sarà capace di rimettere le cose a posto”.

© Riproduzione riservata

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

Biasin: Mourinho torna ad allenare E venne il giorno, il sacro giorno che, curiosamente, quest’anno non combacia col Natale, bensì con il 20 di novembre. Sì, si tratta di un nuovo Natale per quelli come noi che credono nell’Iddio Josè Mourinho (San-to su-bi-to!). E, sì, questo è un pezzo vergognosamente di parte e...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510