HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Politano verso il Napoli, è l'acquisto giusto?
  Sì, dà un'alternativa all'irriconoscibile Callejon dell'ultimo periodo
  No, al Napoli sarebbe servito un giocatore diverso
  No, il campionato azzurro è compromesso, a prescindere dagli arrivi

La Giovane Italia
Serie A

FOCUS TMW - Milan, sani ma non autosufficienti. LVMH interessata all'acquisto

20.11.2019 15:15 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 16524 volte
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

Un bagno di sangue. Non c’è miglior modo per illustrare il rosso di bilancio del Milan, il primo firmato da Leonardo (e anche l’ultimo), Maldini, Gazidis e Elliott: -146 nel consolidato (-155,9 del solo Milan), venti milioni in più dell’esercizio precedente, sebbene la proprietà abbia deciso di annullare tutti i debiti grazie a un’iniezione dal proprio portafogli di 265 milioni. In parole povere: il fondo che ora detiene i rossoneri ha sì una società sana, ma che non è autosufficiente. E forse nemmeno sostenibile nel brevissimo periodo, perché quello che finisce in orbita Milanello perde di valore con grande velocità. Da Higuain a Piatek la storia è cambiata poco, Paquetà ha avuto un buon inizio (e solo quello), Suso non trova né rinnovo né cessione, Calhanoglu sembra quasi un peso. Insomma, c’è qualcosa che non funziona in casa rossonera.

I DIRITTI TELEVISIVI - La produzione sta crollando verticalmente verso il basso. Tranne le tv, passate da 109 milioni a 113. In questo senso il Milan è oramai assolutamente dipendente, nonché una delle poche super big che gravita intorno al 50%. Non ci fossero le tv il Milan galleggerebbe intorno a 130 milioni, la cifra che può vantare la Lazio. Quando lotti contro squadre che possono vantare 415 (Inter) e 621 (Juventus) milioni di produzione, il gioco è fatto. Quest’anno, senza le tv, c’è da aspettarsi un ulteriore calo che andrà a riflettersi sul bilancio 2019-20.

I COSTI - Tra l’estate 2018 e il gennaio 2019 sono stati più di 100 milioni, cifre che si rifletteranno e porteranno un ulteriore rosso negli anni a venire. Certo, arrivasse la qualificazione in Champions League tutto cambierebbe, ma la situazione non è così rosea da far prevedere un approdo nelle prime quattro. Poi ci sono stati investimenti anticipati, accantonamenti, cifre spese perché fuori dal giogo del fair play finanziario e che, negli anni, riusciranno a convincere la UEFA a un settlement agreement perché i conti miglioreranno. Difficile peggiorare.

LOUIS VUITTON - La cosa buona, anzi ottima, è che il Milan è una società sana, dal punto di vista dei conti. Chi dovesse entrare ora avrebbe solamente debiti dell’esercizio attuale, non quelli pregressi. Al netto delle smentite, nei mesi scorsi c’è stata una due diligence che ha rallentato il gruppo LVMH dall’acquisto dei rossoneri. Una partita però ancora aperta e non è detto che non vada in porto: allo stato attuale delle cose Elliott ha speso 303 milioni - per il prestito a Yonghong Li - più i 265 per coprire le perdite pregresse. Non è impossibile pensare che il colosso della moda li spenda per avere un’altra vetrina da aggiungere ai propri gioielli.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

Inter, Lukaku: "Con Conte scintilla nata dopo Belgio-Italia" Romelu Lukaku, attaccante dell’Inter, intervistato da Tiki Taka ha parlato: “Mi è piaciuta molto la presentazione come un gigante in mezzo ai palazzi di Milano, ma sono un gigante buono che vuole bene alla gente. Con Conte tutto è nato in un’amichevole fra il Belgio e l’Italia quando...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510