HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Qual è il vostro miglior acquisto dopo il primo trimestre?
  Muriel (Atalanta)
  Nainggolan (Cagliari)
  Ribery (Fiorentina)
  Lukaku (Inter)
  De Ligt (Juventus)
  Hernandez (Milan)
  Kulusevski (Parma)
  Lozano (Napoli)
  Smalling (Roma)
  Caputo (Sassuolo)

La Giovane Italia
Serie A

La Lazio prende solo gol da ‘polli’

08.11.2019 09:30 di Riccardo Caponetti   articolo letto 2751 volte
Fonte: Dall'inviato allo Stadio Olimpico, Roma
© foto di www.imagephotoagency.it

Lo aveva usato dopo la sconfitta di Ferrara questo termine Simone Inzaghi. “Non possiamo passare da fenomeni a polli”, aveva detto, per spiegare la mancanza di equilibrio che c’è nella Capitale: sponda biancoceleste e giallorossa. Parola, polli, che si può prendere in prestito per etichettare i gol subiti dalla Lazio soprattutto nell’ultimo periodo. Se li fa da sola, mandando gli avversari nella propria porta con dei regali. La doppia sfida contro il Celtic è emblematica. A Glasgow, sullo 0-1 e dopo il palo di Correa, gli scozzesi pareggiano perché la Lazio perde palla in fase di impostazione dal basso, Vavro si schiaccia verso la linea di porta e permette a Christie di calciare. Situazione esponenzialmente più evidente ieri sera all’Olimpico. 1-0 sul tabellone, dominio biancoceleste e Celtic mai pericoloso. Poi al 38' l'episodio che cambia gara e sorti del girone E d'Europa League. Strakosha e compagni iniziano a giochicchiare col pallone nella propria area: una, due, tre volte fino a perderla e a regalarla (complici Milinkovic e Acerbi a vuoto) a Elyanoussi per il diagonale vincente dell’1-1. E l'1-2? Follia di Berisha che perde palla da ultimo uomo. Ma torniamo a 15 giorni fa, al Celtic Park, perché il gol del 2-1 di Jullien nasce dal solito errore reiterato in fase di uscita e dalla perdita delle marcature in area (Bastos).

Sul suolo italiano le cose non cambiano, anche se a livello di risultati va decisamente meglio. Dopo l'ultima sosta all'Olimpico arriva l’Atalanta, che domina nel primo tempo. Lo 0-2 momentaneo di Muriel si può definire come 'gollonzo' perché arriva su una punizione tagliata, dall’altezza della panchina di Inzaghi, che attraversa tutta l’area e senza essere toccata da nessuno finisce dentro. A Firenze, sempre nel proprio momento migliore, i biancocelesti subiscono il pareggio. Ribéry va in contropiede a sinistra, viene marcato da 4, ben 4, avversari che gli permettono di crossare. In area Radu perde il contatto visivo con Chiesa che si stacca e col sinistro fa 1-1. Bravi i due top player viola, ma 5 vs 2 non può mai mai andare in rete la palla. Questione di mentalità, di poca aggressività e cattiveria sul portatore di palla. Col Torino (4-0) rete inviolata mentre a San Siro rossonero, tornato a essere terra di conquista della Lazio dopo 30 anni, il Milan pareggia 3’ dopo il gol del vantaggio di Immobile grazie a una strana carambola su un cross di Hernandez: rimpallo sul fianco di Bastos, Strakosha preso contro tempo e parziale di nuovo in equilibrio. "Dobbiamo fare mea culpa", ha sentenziato Inzaghi ieri notte. Perché parlare di fortuna/sfortuna è limitante, ma interrogarsi in modo costruttivo sui proprio errori può invece aiutare a migliorare per evitare altri episodi da "polli".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

...con Paramatti “Sia Bologna che Milan vorranno fare punti, i rossoblù devono stare lontano dalla zona salvezza e i rossoneri puntano a risollevarsi e dare continuità alla vittoria anche in vista del mercato”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex difensore del Bologna, Michele Paramatti. Il Milan cerca...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510