HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
L'Italia di Mancini può vincere l'Europeo?
  Sì: ha dimostrato di essere all'altezza delle migliori
  Sì ma solo con un sorteggio favorevole
  Serve un miracolo, è ancora presto
  No: il girone era facile e il vero valore è sempre lo stesso

La Giovane Italia
Serie A

La mano galeotta e il Var spediscono il Tottenham in semifinale

17.04.2019 23:03 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 27987 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

C'è stato un alleato abbastanza determinante nella serata del Tottenham contro il Manchester City. E si chiama Var che, al minuto novantatré, ha sostanzialmente rilevato la posizione di fuorigioco di Aguero sul tocco indietro di Eriksen, sporcato da Gundogan. Giusta la segnalazione di Irrati che ha detto all'arbitro Cakir come fosse da punire l'offside del centravanti argentino, bravissimo poi nel servire Sterling che, freddo, aveva depositato per il 5-3. Esploso l'Etihad, fermato appunto dagli assistenti italiani.

Tutto giusto, tutto bello, tranne che per un piccolo particolare. Il gol di Llorente è probabilmente irregolare, quello del 4-3 finale. Lo spagnolo ex Juventus prende il pallone prima con l'avambraccio e poi con l'anca, segnando da pochi metri. Anche qui il Var aveva segnalato l'irregolarità, demandando poi la decisione all'arbitro turco che, evidentemente, non ha nemmeno visto il tocco di Llorente e la palla che scivola fino all'anca. Insomma, bene nel finale, male per il gol che ha deciso il match. Guardiola può recriminare, anche se sbagliare il rigore all'andata e prendere tre reti al ritorno non aiuta a passare il turno.

Cakir che, fra l'altro, non aveva concesso il rigore alla Roma negli ultimi minuti della sfida del Dragao contro il Porto.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

...con Muzzi Roberto Muzzi riabbraccia l’Empoli. L’anno scorso da secondo al fianco di Andreazzoli, adesso da allenatore. Per riprendere da dove aveva lasciato e per cancellare la retrocessione del campionato passato. “Vogliamo tornare su anche per quello che è successo l’anno scorso. C’è rabbia....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510