HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Totopanchina Juve: chi sarà l'erede di Allegri?
  Simone Inzaghi
  Maurizio Sarri
  Pep Guardiola
  Sinisa Mihajlovic
  Didier Deschamps
  Mauricio Pochettino
  Josè Mourinho
  Antonio Conte

La Giovane Italia
Serie A

Oltre la bega Icardi. Inter, in ballo c'è pur sempre l'Europa

14.02.2019 10:00 di Simone Bernabei  Twitter:    articolo letto 2779 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Per un po’ è stato al gioco, Luciano Spalletti. E ci mancherebbe, vista la vastità dell’esplosione della bomba Mauro Icardi. Anche perché era proprio il tecnico l’incaricato di spiegare la situazione legata all’oramai ex capitano nerazzurro. Che non è a Vienna per scelta sua, si faccia attenzione. La società, il tecnico, lo aveva convocato per la trasferta austriaca, ma MI9 dopo i recenti sviluppi ha preferito far calmare le acque, restare in disparte e magari sperare in un risultato positivo (e possibilmente largo) per provare a spostare l’attenzione su qualcos’altro che non fosse la sua personalissima situazone.
Spalletti, dicevamo. Il tecnico di Certaldo non si è potuto sottrarre alle prime domande su Icardi. Una, due, tre… stop. Ad un certo punto, durante la conferenza stampa, è arrivato anche il momento di provare a parlare di campo, di calcio. Perché nonostante la bega Icardi abbia catalizzato l’attenzione di tutti, oggi l’Inter affronta una sfida importante sotto tanti punti di vista. Quello della continuità dopo settimane di risultati negativi. Ma pure quello dell’abitudine e della crescita nelle competizioni europee. Perché se c’è una cosa che è mancata alla prima Inter di questa stagione (in Europa) è proprio l’abitudine a giocare, interpretare, vincere, certe partite. Ricordate le sfide con Tottenham e PSV? E se è vero come è vero che i nerazzurri sono stati inseriti di diritto fra le pretendenti al successo finale, allora un segnale forte deve uscire già dall’Allianz Stadion. Che non sarà il Bernabeu, per carità, ma merita comunque rispetto. Perché il Rapid raramente perde in casa e anzi, il sapore di evento dell’anno rende la faccenda ancora più insidiosa.
Politano, ieri in conferenza, ha detto chiaramente di voler lottare per il successo finale. Spalletti ha rasentato maggiormente il terreno limitandosi ad un ‘vogliamo andare più avanti possibile’. Ma a livello di significato poco cambia. Perché sulla carta di squadre con la qualità dell’Inter non se ne trovano molte fra quelle rimaste nella competizione. E snobbarla adesso, seppur con le attenuanti argentine del caso, sarebbe un peccato mortale. E Spalletti questo lo sa bene, come confermato ieri pomeriggio in conferenza stampa nel bel mezzo dell’uragano Maurito…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

SPAL-Milan 1-2 al 45'. Uno-due rossonero in 5'. Vicari la riapre Milan in vantaggio a Ferrara dopo i primi 45'. Rossoneri consapevoli che la pressione è tutta sulle spalle di Atalanta e Inter, giocano sciolti senza avere nulla da perdere e in cinque minuti segnano due reti che sembrano già chiudere l'incontro. SUPER KESSIE Protagonista in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510