Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaBresciaCagliariFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpalTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoCasertanaCataniaCatanzaroCesenaChievoFidelis AndriaGiana ErminioJuve StabiaLatinaLivornoNocerinaPalermoPerugiaPescaraPisaPordenonePotenzaRegginaSalernitanaSienaTernanaTrapaniTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

Pontedera, Boschi e Tagliagambe: "Contestazione ci ha fatto male. Ma sono stati anni top"

Pontedera, Boschi e Tagliagambe: "Contestazione ci ha fatto male. Ma sono stati anni top"TUTTOmercatoWEB.com
lunedì 13 luglio 2020 15:04Serie C
di Claudia Marrone

Un ciclo, quello segnato da Paolo Boschi e Filippo Tagliagambe si è chiuso, un altro venerdì si è aperto. Ma nel segno della continuità, perché tutto quello che di buono è stato fatto a Pontedera non deve essere perso.
A ogni modo, i due ex soci hanno voluto portare il loro saluto alla città, nella lettera aperta che di seguito riportiamo:

"Cari sportivi pontaderesi,
come a molti sarà noto, è stata formalizzata, venerdì scorso, la cessione della totalità delle quote di nostra proprietà ai nuovi soci dell’ US Città di Pontedera, al corrispettivo simbolico di 1 euro, così da assicurare continuità al club dopo che le ultime vicende ci hanno indotto a passare la mano, ritenendo che, come accade in tutte le cose della vita, fosse terminato un ciclo.
Un ciclo di ben dieci anni che sono sembrati un attimo, ma che oggettivamente può essere ritenuto il migliore, quantomeno sotto il profilo dei risultati, di tutta la storia del calcio della nostra città nato nel lontano 1912.
Un ciclo iniziato quasi per caso, così come è finito, con il Sindaco della città che ci invitò, in una afosa domenica del giugno 2010, a fondare una nuova società che fosse custode della tradizione del calcio granata, ridotto ai minimi storici, e che esprimesse un forte radicamento sul territorio, affinché i valori della gente di Pontedera fossero adeguatamente rappresentati in tutta Italia.
Fu lungimirante Simone Millozzi, perché a raccogliere una sfida del genere potevano essere soltanto dei veri tifosi granata: non fu facile partire da zero, con importanti oneri da sostenere immediatamente, non soltanto economici ma anche morali.
Tanti fornitori, anche del territorio, si rifiutavano persino di ascoltare chi si proponeva come nuovo socio del Pontedera, perché delusi e sfiduciati da tante promesse mai mantenute dalla precedente società che rappresentava il calcio cittadino.
Ma da tifosi non ci siamo mai rassegnati, e senza sosta, e senza mai percepire alcun compenso né’ altri vantaggi, abbiamo cresciuto questo bambino nato la sera del 29 giugno 2010 e lo abbiamo fatto diventare un uomo, che passando per delusioni, ma anche e soprattutto da tante prove di maturità ampiamente superate, oggi si presenta nel panorama calcistico nazionale come un esempio virtuoso di gestione e di valorizzazione di giovani calciatori, in una realtà di provincia che rabbrividisce di fronte al blasone di tante corazzate di grandi capoluoghi che in questi anni sono state affrontate e perché no sconfitte.
Un club che oggi, in un periodo di grande difficoltà per tutti, non solo nel calcio, si presenta in ottima salute, dotato di strutture all’avanguardia sia per la prima squadra che per la crescita del settore giovanile, frutto di importantissimi investimenti, senza alcun debito nei confronti di nessuno e con una situazione finanziaria fortemente positiva.
Questo deve essere il viatico per coloro che ci sono subentrati, ai quali abbiamo passato la mano con piacere perché soggetti del territorio, conosciuti personalmente, che ci fanno dormire sonni tranquilli circa la tenuta in sicurezza della società e la sua crescita ulteriore e a cui porgiamo un sincero “in bocca al lupo” perché la loro avventura sia ricca di soddisfazioni e successi e indimenticabile come lo è stato per noi.
Certo, inutile negarlo, ci sarebbe piaciuto proseguire tutti insieme.
La contestazione ci ha fatto male, continuiamo a credere che sia stata a dir poca ingenerosa e frutto di difetti comunicativi di cui ci assumiamo parziale responsabilità, fermi, però, nella consapevolezza di aver sempre operato, anche sbagliando, per il bene del calcio granata, anteponendo sempre gli interessi del club a quelli personali, sacrificando lavoro, famiglie e amicizie solo per perseguire il bene della società.
Riteniamo che questo non sempre sia stato compreso, ma pensiamo anche che ciò faccia parte del gioco e che il tempo, come sempre, sarà galantuomo.
Di certo non faremo mai mancare il nostro sostegno, sia come tifosi sia come imprenditori, qualora la società e chi la compone ne ravvisino l’opportunità, affinché quel vessillo che negli ultimi dieci anni ha onorato la nostra città su tutto il territorio nazionale continui a sventolare orgoglioso e fiero.
Il nostro resterà sempre lo stesso cuore granata che ci ha fatto vivere 10 anni meravigliosi.
TUTTI AL MANNUCCI E FORZA GRANATA SEMPRE".

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246
Aut. Lega Calcio Serie A e Serie B num. 53

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000