Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaBresciaCagliariFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpalTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoCasertanaCataniaCatanzaroCesenaChievoFidelis AndriaGiana ErminioJuve StabiaLatinaLivornoNocerinaPalermoPerugiaPescaraPisaPordenonePotenzaRegginaSalernitanaSienaTernanaTrapaniTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

...con Giovanni Tedesco

...con Giovanni TedescoTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
giovedì 21 maggio 2020 00:00A tu per tu
di Alessio Alaimo
“Malta, perché lo stop al campionato? Il Governo non ha mostrato interesse. Ripresa: porte chiuse ma tante motivazioni, così sarà la Serie A. Italia, meno chiacchiere e più fatti. Come la Germania”

Mentre l’Italia cerca di ripartire, il calcio maltese si ferma. “Sono amareggiato. Perché ho notato poco interesse da parte del governo maltese nell’aprire ad una possibile ripartenza. Ho visto indifferenza, che è peggio di un no. La salute viene prima di ogni cosa, ma a mio avviso c’erano le condizioni per ripartire”, dice a TuttoMercatoWeb l’allenatore del Valletta, Giovanni Tedesco.

Anche in Italia al momento tante polemiche. Anche se, sembra ci siano segnali di ripartenza. E la data clou è il 28 maggio.
“Mi aspettavo meno chiacchiere e meno divergenze di vedute. Come ha fatto la Germania, che ha preso subito una decisione. Il calcio in Italia ha un’importanza notevole. Pensavo ci fossero meno parole e più fatti da subito”.

Inevitabilmente la ripresa sarà a porte chiuse.
“Il calcio è della gente, però in questa emergenza c’è la necessità di concludere il campionato. Giocare è un modo di restituire una passione e una distrazione alla gente”.

Lei è passato dall’esonero maturato allo Gzira alla nuova esperienza al Valletta. Come è stata la sua stagione?
“Quando un allenatore fa un percorso deve considerare tante cose. Fino all’esonero avevo vissuto una stagione incredibile. Non credevo che il mio percorso fosse negativo. E lo dimostra che dopo ho ricevuto subito una proposta dal club più importante di Malta. Tutto sommato la stagione è stata positiva”.

E il prossimo anno, rimarrà al Valletta?
“Non ci sono certezze sul futuro calcistico in generale, bisogna capire tante cose. Nessuno pensa a ciò che sarà dopo, prima di un’altra ripartenza. Con il Valletta sono in scadenza, questo club a Malta è il top. Dovrò parlare con la società per capire se ci saranno le condizioni di continuare insieme. Altrimenti mi piacerebbe tornare in Italia. Ma valuterei anche una soluzione estera”.

Come sarà la Serie A alla ripresa?
“Allenarsi individualmente è tutta un’altra cosa rispetto ai ritmi agonistici. Ti puoi allenare quanto vuoi ma da solo non ottieni gli stessi risultati. Tante squadre avranno grandi motivazioni che magari compenseranno le carenze fisiche iniziali. Quando fai una preparazione prima del campionato ci vogliono quattro settimane. Poi però ci sono le amichevoli. Qui è una situazione differente”.

Un consiglio al Ministro dello Sport?
“Nella gestione del Covid il governo maltese è stato bravo, ma ha dato poca importanza a quello che è un movimento importante che dà da mangiare a tanta gente. Al Ministro dello Sport, con le precauzioni del caso direi di prendere esempio dalla Germania: meno chiacchiere e più fatti”.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246
Aut. Lega Calcio Serie A e Serie B num. 53

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000