HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Il Napoli esonera Ancelotti e punta su Gattuso. Decisione giusta?
  Giusto cambiare, e Gattuso è la scelta giusta
  Giusto cambiarlo, ma Ancelotti non andava sostituito con Gattuso
  Sbagliata: bisognava andare avanti con Ancelotti

La Giovane Italia
Editoriale

A Napoli ancora parole. Gennaio e un mercato difficile: Inter e Milan. Con una Nazionale rinata

21.11.2019 07:46 di Luca Marchetti   articolo letto 16560 volte
© foto di Federico De Luca

Le considerazioni di Edoardo De Laurentiis non possono che riaprire il fronte in casa Napoli, quando sembrava che il tempo, la pausa della Nazionale, alcune dichiarazioni social di giocatori rappresentativi come Koulibaly, l’intrvento di Ancelotti (che rivendica le ragioni del Napoli a nome del Napoli) nell’incontro con gli arbitri, avessero in qualche modo iniziato un lento processo di ricostruzione dopo il violento strappo di due settimane fa.
Ora inevitabilmente gli animi tornano a movimentarsi, a riscaldarsi. Riaffiorano le incomprensioni e gli errori che hanno portato a una situazione critica. Soltanto con la diplomazia, con il tempo, con i risultati si riuscirà a saltare il fosso e ricondurre la barca Napoli in un porto più sicuro. Altrimenti la tensione la squadra potrebbe assorbirla ancora di più in un momento molto delicato: Milan e Liverpool alle porte in un crocevia importante. Recuperare il terreno perduto in classifica e sincerarsi del passaggio del turno (vitale) in Europa. Questo più del mercato deve essere l’obiettivo del Napoli, anche perché il mercato di gennaio non è mai la soluzione dei problemi. Si può ovviare a una chiara mancanza, ma migliorare la squadra, nonostante alcune critiche molto forti, non né facile né scontato. Il Napoli, da questo punti di vista, deve ragionare da grande squadra qual è: migliorare la rosa a disposizione di Ancelotti e non farsi prendere né dalle necessità troppo particolari né dalla pancia. Anzi: gennaio sarà il mese giusto anche per capire le intenzioni sui rinnovi. Sia per i giocatori a scadenza, che comunque hanno un peso importante all’interno dello spogliatoio, sia per quelli come Ruiz e Allan richiesti da importanti squadre all’estero. Ci vuole calma e sangue freddo, si cantava qualche tempo fa... altrimenti davvero la situazione rischia di implodere, letteralmente.
Nel frattempo una rivoluzione l’hanno fatta a Londra, sonda Tottenham. La società presa da molti come punto di riferimento per programmazione, pazienza, priorità diverse rispetto alla massa (stadio piuttosto che campagna acquisti) ha esonerato Pochettino: l’allenatore della finale di Champions. Al suo posto Mourinho, come sapete. Ed è un cambio di rotta molto netto. Non tanto (e non solo) da un punto di vista tattico, ma dal punto di vista comunicativo. Mourinho è un grande catalizzatore, ha una grande ambizione e soprattutto una grande voglia di rivincita. Il calcio riacquista un grande protagonista. E ora contestualmente, uno dei grandi allenatori per grandi squadre è disponibile e potrebbe costituire uno spauracchio per molti.
Venendo al mercato di gennaio, e tornando al concetto di cui sopra, delle squadre di vertice chi ne potrebbe approfittare al meglio è l’Inter che ha bisogno di puntellare la rosa, per renderla ancora più competitiva e per salire quegli scalini che servono per avvicinare ulteriormente la Juventus. Una punta è nel mirino e Giraud è certamente un nome appetibile per mille motivi. Così come un difensore polivalente (Darmian). Ma - come detto - non può essere risolutivo. Ecco perché l’Inter da questo punto di vista sembra avvantaggiata: deve andare a completare e non rifondare.
Avrebbe bisogno di interventi diversi il Milan, ma non basta mai un giocatore o due a cambiare il volto di una squadra. Anche per Ibra è così? Ecco le eccezioni esistono nel senso che un giocatore come lui può migliorare non solo tecnicamente una squadra ma ancne la mentalità del gruppo. Ma in questo momento - come vi diciamo da un po’ - chi ha fatto i passi più concreti (ma ancora non decisivi) è il Bologna. E lì sì che avrebbe un impatto devastante. Anche se la novità di giornata è stato proprio un primo vero approccio concreto con Raiola per parlare sia di Donnarumma e per capire i numeri di Ibrahimovic. Nessun accordo in vista, per nessuna delle due vicende, ma un piccolo grande passo. Ibrahimovic non può che essere lusingato dagli interessi e se il Bologna si è mosso per primo non significa che andrà lì, anzi. La strada è lunga, la concorrenza è forte. E su Ibra il Milan comincia concretamente a fare le proprie riflessioni. È una partita ancora da giocare.
La chiusura concedetemela sulla Nazionale. Ne hanno parlato tutti e quindi rischio di ripetere (anzi sicuramente sarà così) dei concetti già espressi. Ma Mancini ha avuto un grande merito: riconsegnare l’orgoglio alla maglia della Nazionale, ridargli freschezza e futuro. Ridargli un sogno. Oggi pensare a una Nazionale vincente non è più un’eresia. Certo non è la favorita, certo le 11 vittorie consecutive non hanno lo stesso peso di quelle di Pozzo. Ma il peso lo hanno eccome. Ora la Nazionale ci crede. Ed è questa la cosa più bella. In attesa del sorteggio quando poi potremo capire di che colore saranno i nostri sogni...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ancelotti esonerato! Date i braccioli a Gattuso, perché la società affonda. L’Inter non ha attenuanti, quello che manca (ancora) a Conte. Sarri nel sacco di Inzaghi, come sempre: la Juventus può aiutare l’allenatore? 11.12 - Nella maniera più cruda e crudele, il Napoli alle 23.39 annuncia l’esonero di Carlo Ancelotti. Lui non si sarebbe mai dimesso, anche se oltre che dal club era arrivata anche la sfiducia dell’intero spogliatoio, sentitosi abbandonato a torto o a ragione dalla notte dell’ammutinamento....

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: il processo a Sarri nasconde i veri responsabili (ma non chiamiamola crisi...). Inter, il giorno più importante: in ballo ottavi e il nome "grosso" per gennaio. Milan: due (inattesi) valori aggiunti. Ibra: occhio alle sorprese 10.12 - Oggi procediamo con dei pensierini a caso. 1)      Messi salta Inter-Barcellona. Ottima notizia per Conte e per l’Inter, ovvio. Quanto al resto dell'ampio turnover, occhio: fa più paura un rincalzo che ha bisogno di visibilità di un titolare in gita di piacere. 2)      Conte...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Sarri, l'Immacolata e il primo giro di boa. Insigne, tempo scaduto. Fiorentina a pezzi. Spal, il problema non è... Semplici 09.12 - Silenzio. Stai a vedere che quest'anno non consegniamo lo scudetto, alla Juventus, a marzo e forse forse ci divertiamo un po' anche per la lotta al titolo. Un primo dato è, quasi, certo. Aveva ragione Max Allegri che vince anche quando non gioca.... vincente! Lo spettacolo non conta...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il preoccupante segnale Juve, crollata dopo l'uscita di Bentancur. La coperta corta dell'Inter che sogna a gennaio, il crollo del ciclo finito a Napoli. Fonseca e una nuova Roma, la Lazio che vuol fare il Leicester 08.12 - Sono stati due giorni densi di spunti di riflessione. L'apertura con l'Inter che patisce i freddi d'inverno con una coperta troppo corta per l'alta quota, o quanto meno per non andare in ipotermia da brame di gloria senza cadere. Fa bene Antonio Conte a chiedere, gli servono quantità...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, Cristiano Ronaldo resta almeno fino al 2021 e fissa gli obiettivi: Champions League e Pallone d’Oro. Per Demiral pronta l’offerta del Milan. Marotta e Paratici, che sfida per Tonali a giugno. Il Real Madrid su Koulibaly 07.12 - Ormai manca meno di un mese all’inizio del mercato e le strategie cominciano ad essere chiare. Parto dal futuro di Cristiano Ronaldo. Resterà sicuramene anche l’anno prossimo alla Juventus. Poi a fine 2021 farà le sue valutazioni, la Cina potrebbe essere un’ipotesi, ma ad oggi la...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Tonali alla Juventus, Kulusevski all’Inter a gennaio: patto di non aggressione. Conte e Sarri, ecco chi vincerà. Ibra al Milan, presto l’annuncio. Napoli, un compromesso per portare Ancelotti a fine stagione 06.12 - Il ricordo della vicenda Lukaku è ancora fresco e una volta di più Juventus e Inter si ritrovano sugli stessi obiettivi. Tonali piace all’Inter? Ma lo vuole anche la Juve. Kulusewski pronto per la Juve? Ma l’Inter non molla. Ovvio, quasi normale, che due grandi società e...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Gli intermediari, la FIFA e i soldi delle società 05.12 - Su 17896 trasferimenti internazionali in 3558 sono stati utilizzati intermediari (quasi il 20% del totale) per una spesa complessiva di 653,9 milioni di dollari in commissioni. Così recita il report Fifa, che prende in considerazione tutti i trasferimenti di tutto il mondo. Nella...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ibra-Milan: ecco cosa manca. Perché non si può criticare la mediocrità finora espressa da Sarri? Se la ride Allegri. Cristiano, ma perché? La Juve difende: la Champions val bene una messa Cristiana.Il miracolo di Conte all’Inter, chi disturba? 04.12 - Il passo Ibrahimovic l’ha fatto: la sua richiesta di 10 milioni netti per un anno e mezzo è stata in parte ridotta. Il Milan ha offerto 6 milioni netti per la metà stagione rimanente più la prossima, e 4 di bonus anche se si tratta di bonus complicati. Ibra ha deciso di controrichiedere...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: il problema (se c'è) non si chiama Sarri... Inter: la mossa di Conte è datata marzo 2019 (e a gennaio arrivano...). Milan: Ibra, un aiuto per Pioli. Cellino e DeLaurentiis: prendere esempio dal giovane Giulini. La lezione di Messi... 03.12 - Buonasera (se leggete di sera). Buongiorno (se leggete di giorno). Mortacci vostra (se non leggete, ma tanto non è il vostro caso, perché state leggendo). Siam qui a scrivere la consueta pappardella di fatti e fatterelli dal puro valore soggettivo. Del resto ognuno ha la sua idea...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

De Zerbi a scuola da Sarri... eh, scusate il contrario! Cambiare allenatore? In A e B (quasi sempre) un flop. Lo Monaco picchiato ma il calcio resta in silenzio 02.12 - Ci sono giorni che non sai cosa scrivere. Devi pensare mezz'ora prima di trovare qualche argomento interessante. Giorni, come questi, che devi tenere fuori mille argomenti e che vorresti toccare tutti. Ho scelto. Vorrei parlare di calcio ma non posso parlare solo di calcio. C'è una...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510