HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Pallone d'Oro, qual è l'esclusione più sorprendente?
  Gareth Bale
  Edinson Cavani
  Angel Di Maria
  Harry Kane
  Neymar
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sergio Ramos
  Luis Suarez
  Hakim Ziyech

La Giovane Italia
Editoriale

A Sarri serve tempo ma Conte non ne concede. Inter concreta ma non bella. Cellino ci riprova con lo stadio... a Cagliari finì male. Samp, tra Vialli e Ferrero perde Di Francesco

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
16.09.2019 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 20227 volte

Se passi da Massimiliano Allegri a Maurizio Sarri devi preventivare che il passaggio possa risultare traumatico e, soprattutto, che ci voglia del tempo. Lo diciamo da due mesi: ai bianconeri, quest'anno, servirà tanta pazienza. Sarri è un allenatore vero e non impari i suoi schemi e non fai ciò che lui pretende in due settimane. La fase di apprendimento rischia di essere lunga e il campionato, purtroppo, non si ferma. Bisogna essere veloci e soprattutto fare punti. Il pareggio di Firenze non è un dramma. Nell'economia dell'intera stagione ci sta, eccome, il punto al Franchi. I dati allarmanti, se così si possono definire a settembre, sono altri. La condizione fisica, per ora precaria, la squadra ha perso subito Chiellini e appare troppo di cristallo. La verità è anche un'altra: rispetto agli ultimi anni la concorrenza si è rinforzata. Inter in primis, a ruota segue il Napoli. La Roma non è da scudetto ma con i fari spenti si lavora meglio. La Juventus di Firenze non ci è piaciuta. La Juventus ha spaventato tutti con quel black out contro il Napoli. Adesso arriva la prova Champions e non sono consentite pause di riflessione. 90 minuti di pausa, in un campionato così lungo, sono anche consentiti ma in Champions paghi salato il conto al primo minimo errore. La Juventus resta l'indiscussa favorita per lo scudetto. Anche se dovessero giocare le 11 "riserve" resterebbe la favorita. Ha due squadre per due competizioni. I ricambi di Sarri, in Italia, non li ha nessuno. Ora sta a lui sfruttare la rosa al meglio. Anche perché le polemiche, ai tempi di Napoli, contro la Juve sono registrate e se prima parlava di fatturato troppo elevato oggi non può invocare il caldo delle ore 15.00 come disparità di trattamento con l'Inter. Conte porta concretezza. Tre partite e tre vittorie. Senza brillare. Con l'Udinese si è vista una piccola Inter. Piccola e furba come Sensi. Candreva si becca un ceffone, da furbo manda De Paul negli spogliatoi, poi passa in vantaggio nel momento più brutto per un avversario, a cavallo tra primo e secondo tempo. Nella ripresa non si è vista una Inter stratosferica e in superiorità numerica per tutto un tempo non è stata in grado di chiudere la partita. Lukaku macchinoso e prevedibile deve essere servito diversamente. Bene Politano da seconda punta anche se resta la terza scelta in quel ruolo. Buon approccio di Sanchez, anche se occorrerà del tempo per vederlo come ai tempi d'oro. L'Inter per lo scudetto c'è ma sono fondamentali due condizioni: la Juventus dovrà perdere qualche colpo e l'Inter non potrà fare sconti a nessuno. Meglio vincere e giocare male che giocare bene e non vincere. Sempre.
A Brescia stanno iniziando a capire cosa è la serie A. Massimo Cellino ha riportato il club in serie A e un grande entusiasmo in città. Forse, il Presidente è stato fin troppo bravo ad aver portato in così poco tempo le rondinelle in A che non ha avuto neanche il tempo di organizzare la società. Il club sembra gestito da dirigenti di serie C: basti pensare alla presentazione di Balotelli in una stanza 3x2 dove non potevano neanche entrare tutti i giornalisti. Adesso Cellino torna con un suo cavallo di battaglia: lo stadio! A Cagliari finì male; speriamo solo che abbia imparato la lezione e abbia capito che la politica va sfruttata non accusata. Cellino ha riportato subito il Brescia tra i grandi ma occorre anche una organizzazione societaria. Sullo stadio vedremo come andrà a finire anche se, l'ultima cosa che avrebbe dovuto fare Cellino è scendere in campo per lo stadio. L'Italia non ha dimenticato che è stato "costretto" ad emigrare in Inghilterra e da quelle parti Cellino ce l'hanno rispedito al mittente. Come Presidente va apprezzato, come imprenditore del calcio deve fare più organizzazione tra i suoi collaboratori.
Vive un periodo nero la Sampdoria. Un'estate buttata a parlare di cessione del club e questi sono i risultati alla terza giornata. La Doria si sarebbe dovuta concentrare sul mercato; non solo quello in uscita ma anche in entrata. Di Francesco, dopo Roma, rischia di bruciarsi e a Genova non è consentito fallire; ne va della sua carriera. Ferrero perde troppo tempo a parlare dei futuri proprietari della Sampdoria ma la situazione non si sblocca mai in maniera definitiva. Chi ne risente sono i tifosi e soprattutto la squadra che va in campo scarica e viene colpita al minimo e primo errore. Zero punti... Zero assoluto. La Samp deve stare attenta perché quest'anno, al contrario delle passate stagioni, squadre materasso non ce ne sono. O meglio non dovrebbero essercene. E una big coinvolta rischia di restare con le penne bruciate non essendo abituata a giocare per certi obiettivi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: il non-rigore di De Ligt e gli obbrobri nel regolamento. Inter: la furia di Conte, l’idea Ibra e la “crisi Lukaku”. Milan: la scelta di Pioli (occhio a Suso…) e la “fuga” di Scaroni. Roma: il perché degli infortuni 22.10 - Dieci pensierini (e ce la caviamo così). 1) Il Milan domenica ha giocato una buona partita. Non in senso assoluto, per carità, ma visti i precedenti sette turni di campionato certamente sì. Pioli ha cancellato tre mesi di esperimenti impossibili (puntare al calcio di Giampaolo...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Sarri cinico e spietato. Juve, ecco cosa ti manca. Maran top, merita una grande. Mazzarri flop, servono i fatti. C'era una volta il miracolo Catania. Lo Monaco, che errore il ritorno! 21.10 - Per lo spettacolo c'è tempo, adesso serve concretezza e fare molti punti per non tenere in gioco, o meglio tenere il più distante possibile, il nemico. La Juventus vista con il Bologna non ha brillato di luce propria ma ha portato a casa quello che doveva portare e si sta iniziando...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Insigne venga trattato da capitano (o si volti pagina). Mandzukic e l'accordo 'suicida'. In Serie A c'è un club perfetto per questo Zlatan Ibrahimovic 20.10 - Tutti i nodi vengono al pettine. Tutti i problemi, quando non li risolvi e provi solo ad accantonarli, ti tornano indietro più forti di prima. E' così nella vita, è così nel calcio. Prendete Lorenzo Insigne: lui non potrà mai dirlo, perché è napoletano e capitano del Napoli, ma in...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510