HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Pallone d'Oro, qual è l'esclusione più sorprendente?
  Gareth Bale
  Edinson Cavanti
  Angel Di Maria
  Harry Kane
  Neymar
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sergio Ramos
  Luis Suarez
  Hakim Ziyech

La Giovane Italia
Editoriale

Esclusivo: ecco cosa chiede Icardi all’Inter, e il precedente con Perisic! Terremoto a Torino: in anteprima i clamorosi eventi che hanno sconquassato la Juventus dopo Madrid, con Agnelli costretto a scongiurare Allegri!

06.03.2019 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 159970 volte

Raramente si sono visti giorni più incredibili di eventi nel calcio italiano ai massimi livelli, come quelli appena trascorsi. Non certo per quanto successo in campo, con un campionato che ormai da mesi ha già espresso il suo verdetto più importante. Si tratta di eventi non noti al pubblico, che altrimenti avrebbero monopolizzato i titoli non solo dei giornali sportivi. Mettetevi comodi, perché state per leggere qualcosa di incredibile.

Icardi e la Juventus, ma in questo caso non con nesso causale, come anticipato su Tuttomercatoweb la settimana scorsa. Le due notizie riguardano il Caso con la c maiuscola tra Icardi e l’Inter; e poi, quello che non è trapelato su Allegri, o quantomeno non nelle sue dimensioni, e che avrebbe tutti i crismi per addirittura fare ombra a ciò che sta succedendo ad Appiano, e sì che ce ne vuole.
Con ordine.

Partiamo da Icardi-Inter. Molto è noto, molto altro intravisto, parecchio non compreso, ma ciò che è indiscutibilmente chiaro è che siamo a una posizione di stallo. L’Inter rivuole Icardi in campo, Icardi non transige sull’offesa della fascia di capitano: è un cane che si morde la coda.
Inoltre, Spalletti ha una atteggiamento più aggressivo, Ausilio più inespugnabile, solo Marotta sembra procedere verso una politica conciliatoria, ma non basta.

E allora quello che alcuni hanno ipotizzato, è proprio quello che ha chiesto Icardi: vuole incontrare Steven Zhang, esporre a lui le sue ragioni, e sentirsi dire in faccia eventualmente di cosa lo si rimprovera. E eventualmente - ma siamo nelle ipotesi in questo caso - scendere a patti per il resto della stagione. Ma solo con la proprietà.

Ma Steven Zhang arriverà di presenza solo in occasione del derby, e in più in principio è stato risposto picche a Icardi su una tale eventualità. Eppure. Eppure non è detto.
Eppure c’è un precedente su cui alcune anime dell’Inter - ugualmente insoddisfatte di questa gestione del caso - hanno informato l’ex-capitano: infatti il presidente Steven Zhang a gennaio si riunì a cena in privato con Ivan Perisic, proprio nei giorni del malcontento del croato.
Una riunione che persuase Perisic, una riunione in cui pare si siano fatte delle promesse tanto in caso di offerte di altre squadre, quanto in caso di aumento di stipendio qualora i salari più alti fossero stati ritoccati, e che immediatamente conferì a Perisic un diverso potere nei confronti del resto della dirigenza.

Per questo motivo, la richiesta di Icardi di un incontro diretto con il presidente è diretta e ferma.
E attenzione, perché qualcosa si sta smuovendo: Marotta vuole risolvere la situazione, ed è previsto nelle prossime ore - per davvero, non come certi incontri paventati sui media e in verità mai andati in scena - un vertice tra il massimo dirigente e Wanda Nara, e stavolta senza rinvii o silenzi di sorta.
E potrebbe davvero essere l’ultima possibilità.

Ma c’è un altro, incredibile, terremoto, che ha scosso la Juventus alla fondamenta. Perché pare che alla fine l’uscita di Marotta abbia avuto delle ripercussioni inimmaginabili.
Che Allegri andrà via a fine stagione a questo punto sembra ineluttabile, quasi ovvio (assurdo se paragonato allo scenario di due settimane fa).
Ma ciò che è successo era imprevedibile.
Subito dopo la disfatta di Madrid c’è stato un vertice tecnico a quattro: Allegri, Agnelli, Paratici, Nedved.
Una riunione in fondo normale dopo una partita simile, in cui si doveva analizzare la partita, ma che è finita per essere una sorta di processo all’allenatore.
Non nei toni, quanto nell’atteggiamento: Allegri si è sentito scaricato dalla società, come se avesse perso da solo e non si fosse tutti assieme nella vittoria quanto nella sconfitta.
In pratica Allegri più che spiegare, ha dovuto rendere conto delle sue scelte.

Un malcontento che è montato dentro l’indole solo apparentemente calma del mister, che dopo giorni di malessere - accoppiati alla valanga di insulti dell’opinione pubblica juventina - ha finito per provocare l’inimmaginabile.
La settimana scorsa Allegri ha comunicato alla società che aveva intenzione di dimettersi, con soluzione immediata!
Uno stato di crisi che ha portato il presidente Agnelli ad annullare le vacanze in Arabia (come riportato dal Corriere dello Sport) e a programmare un summit urgente per farlo recedere.
Una decisione rientrata solo temporaneamente, visto che Allegri non sente più il rapporto di fiducia, e accusa la Juventus di essere cambiata. Come? Proprio con l’uscita di Marotta.

E’ vero che l’ex dg svolgeva giorno per giorno i desiderata di Agnelli, però era un tramite continuo ma anche una presenza rassicurante e necessaria. Paratici è il mago indiscusso del mercato, ma non ha la gestione della squadra. Agnelli è il deus ex machina, ma non la presenza vicina e quotidiana.

Allegri lamenta di essere stato lasciato da solo, e adesso di essere accusato ingiustamente.
Inoltre, gli scontenti in rosa sono sempre più numerosi. I rimbrotti di Cristiano a Napoli sono già clamorosi, ma ci sono alcuni casi pronti a riesplodere: se Bonucci e Alex Sandro hanno un rapporto sempre più freddo, se Douglas Costa ormai è ai margini del progetto, c’è soprattutto Dybala che si sente al punto di non ritorno, e attende solo l’esito con l’Atletico per decidere del suo futuro.

Non a caso, girano le voci dei contatti con Conte (sponda Paratici) e Deschamps (sponda Agnelli), anche se Zidane rimane la priorità.

Ma il punto è che la Juventus trema alle fondamenta.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Sarri cinico e spietato. Juve, ecco cosa ti manca. Maran top, merita una grande. Mazzarri flop, servono i fatti. C'era una volta il miracolo Catania. Lo Monaco, che errore il ritorno! 21.10 - Per lo spettacolo c'è tempo, adesso serve concretezza e fare molti punti per non tenere in gioco, o meglio tenere il più distante possibile, il nemico. La Juventus vista con il Bologna non ha brillato di luce propria ma ha portato a casa quello che doveva portare e si sta iniziando...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Insigne venga trattato da capitano (o si volti pagina). Mandzukic e l'accordo 'suicida'. In Serie A c'è un club perfetto per questo Zlatan Ibrahimovic 20.10 - Tutti i nodi vengono al pettine. Tutti i problemi, quando non li risolvi e provi solo ad accantonarli, ti tornano indietro più forti di prima. E' così nella vita, è così nel calcio. Prendete Lorenzo Insigne: lui non potrà mai dirlo, perché è napoletano e capitano del Napoli, ma in...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510