HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
La Juventus non ha confermato Allegri: siete d'accordo?
  Si, il ciclo Allegri s'è esaurito
  No, bisognava andare avanti con Allegri

La Giovane Italia
Editoriale

Esclusivo: ecco cosa chiede Icardi all’Inter, e il precedente con Perisic! Terremoto a Torino: in anteprima i clamorosi eventi che hanno sconquassato la Juventus dopo Madrid, con Agnelli costretto a scongiurare Allegri!

06.03.2019 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 158435 volte

Raramente si sono visti giorni più incredibili di eventi nel calcio italiano ai massimi livelli, come quelli appena trascorsi. Non certo per quanto successo in campo, con un campionato che ormai da mesi ha già espresso il suo verdetto più importante. Si tratta di eventi non noti al pubblico, che altrimenti avrebbero monopolizzato i titoli non solo dei giornali sportivi. Mettetevi comodi, perché state per leggere qualcosa di incredibile.

Icardi e la Juventus, ma in questo caso non con nesso causale, come anticipato su Tuttomercatoweb la settimana scorsa. Le due notizie riguardano il Caso con la c maiuscola tra Icardi e l’Inter; e poi, quello che non è trapelato su Allegri, o quantomeno non nelle sue dimensioni, e che avrebbe tutti i crismi per addirittura fare ombra a ciò che sta succedendo ad Appiano, e sì che ce ne vuole.
Con ordine.

Partiamo da Icardi-Inter. Molto è noto, molto altro intravisto, parecchio non compreso, ma ciò che è indiscutibilmente chiaro è che siamo a una posizione di stallo. L’Inter rivuole Icardi in campo, Icardi non transige sull’offesa della fascia di capitano: è un cane che si morde la coda.
Inoltre, Spalletti ha una atteggiamento più aggressivo, Ausilio più inespugnabile, solo Marotta sembra procedere verso una politica conciliatoria, ma non basta.

E allora quello che alcuni hanno ipotizzato, è proprio quello che ha chiesto Icardi: vuole incontrare Steven Zhang, esporre a lui le sue ragioni, e sentirsi dire in faccia eventualmente di cosa lo si rimprovera. E eventualmente - ma siamo nelle ipotesi in questo caso - scendere a patti per il resto della stagione. Ma solo con la proprietà.

Ma Steven Zhang arriverà di presenza solo in occasione del derby, e in più in principio è stato risposto picche a Icardi su una tale eventualità. Eppure. Eppure non è detto.
Eppure c’è un precedente su cui alcune anime dell’Inter - ugualmente insoddisfatte di questa gestione del caso - hanno informato l’ex-capitano: infatti il presidente Steven Zhang a gennaio si riunì a cena in privato con Ivan Perisic, proprio nei giorni del malcontento del croato.
Una riunione che persuase Perisic, una riunione in cui pare si siano fatte delle promesse tanto in caso di offerte di altre squadre, quanto in caso di aumento di stipendio qualora i salari più alti fossero stati ritoccati, e che immediatamente conferì a Perisic un diverso potere nei confronti del resto della dirigenza.

Per questo motivo, la richiesta di Icardi di un incontro diretto con il presidente è diretta e ferma.
E attenzione, perché qualcosa si sta smuovendo: Marotta vuole risolvere la situazione, ed è previsto nelle prossime ore - per davvero, non come certi incontri paventati sui media e in verità mai andati in scena - un vertice tra il massimo dirigente e Wanda Nara, e stavolta senza rinvii o silenzi di sorta.
E potrebbe davvero essere l’ultima possibilità.

Ma c’è un altro, incredibile, terremoto, che ha scosso la Juventus alla fondamenta. Perché pare che alla fine l’uscita di Marotta abbia avuto delle ripercussioni inimmaginabili.
Che Allegri andrà via a fine stagione a questo punto sembra ineluttabile, quasi ovvio (assurdo se paragonato allo scenario di due settimane fa).
Ma ciò che è successo era imprevedibile.
Subito dopo la disfatta di Madrid c’è stato un vertice tecnico a quattro: Allegri, Agnelli, Paratici, Nedved.
Una riunione in fondo normale dopo una partita simile, in cui si doveva analizzare la partita, ma che è finita per essere una sorta di processo all’allenatore.
Non nei toni, quanto nell’atteggiamento: Allegri si è sentito scaricato dalla società, come se avesse perso da solo e non si fosse tutti assieme nella vittoria quanto nella sconfitta.
In pratica Allegri più che spiegare, ha dovuto rendere conto delle sue scelte.

Un malcontento che è montato dentro l’indole solo apparentemente calma del mister, che dopo giorni di malessere - accoppiati alla valanga di insulti dell’opinione pubblica juventina - ha finito per provocare l’inimmaginabile.
La settimana scorsa Allegri ha comunicato alla società che aveva intenzione di dimettersi, con soluzione immediata!
Uno stato di crisi che ha portato il presidente Agnelli ad annullare le vacanze in Arabia (come riportato dal Corriere dello Sport) e a programmare un summit urgente per farlo recedere.
Una decisione rientrata solo temporaneamente, visto che Allegri non sente più il rapporto di fiducia, e accusa la Juventus di essere cambiata. Come? Proprio con l’uscita di Marotta.

E’ vero che l’ex dg svolgeva giorno per giorno i desiderata di Agnelli, però era un tramite continuo ma anche una presenza rassicurante e necessaria. Paratici è il mago indiscusso del mercato, ma non ha la gestione della squadra. Agnelli è il deus ex machina, ma non la presenza vicina e quotidiana.

Allegri lamenta di essere stato lasciato da solo, e adesso di essere accusato ingiustamente.
Inoltre, gli scontenti in rosa sono sempre più numerosi. I rimbrotti di Cristiano a Napoli sono già clamorosi, ma ci sono alcuni casi pronti a riesplodere: se Bonucci e Alex Sandro hanno un rapporto sempre più freddo, se Douglas Costa ormai è ai margini del progetto, c’è soprattutto Dybala che si sente al punto di non ritorno, e attende solo l’esito con l’Atletico per decidere del suo futuro.

Non a caso, girano le voci dei contatti con Conte (sponda Paratici) e Deschamps (sponda Agnelli), anche se Zidane rimane la priorità.

Ma il punto è che la Juventus trema alle fondamenta.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: per la panchina si sceglie tra Inzaghi e “il piano-Ronaldo” (due nomi). Inter: il contatto Marotta-Conte e l’orgoglio… a un passo dall’Abisso. Milan: il destino all’opposto di Gattuso. Allegri: il futuro non sarà al Bayern… 21.05 - Buondì. Diciamo alcune cose veloci. Facciamo una dozzina al massimo. 1) La serie A si ritrova con l’ultima giornata più bella da un sacco di tempo a questa parte e non sa nemmeno lei come ha fatto. Parliamoci chiaro: è più “colpa” che “merito” dei club coinvolti. 2) La Fiorentina...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Allegri: giusto l'addio. Alternative poche e confuse. Paratici-Inzaghi: ecco luogo e data dell'incontro. Caos serie B: vigliaccata al Palermo. Mercato, bravo Gravina. E Totti... 20.05 - Tra tre ore ho il volo per tornare a Milano. Vi scrivo da un Hotel di Londra, poche ore dopo aver visto il vero calcio. Ho pensato, nelle ultime ore, cento volte se davvero in Italia siamo convinti che quello nostro sia calcio. Sono stato a Wembley, sono stato ospite della finale...

Editoriale DI: Marco Conterio

Cosa c'è dietro l'addio di Allegri e nel futuro della panchina della Juventus. Anche se Zidane ha 'rovinato' i piani di Agnelli: tutto sui nuovi sogni e sui nomi della dirigenza 19.05 - Quel che è arrivato a parole ieri, ad Amsterdam, allo Stadium, non c'è stato nei fatti. L'appoggio costante a Massimiliano Allegri che negli ultimi giorni di vita bianconera sembrava un uomo solo al comando di una nave già in porto. Solo che la sua Juventus era un Titanic arrugginito,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli, Giuntoli insiste per Trippier e Lozano. Per la fascia sinistra occhio a Theo Hernandez, difficilissimo Grimaldo. Il Milan su Saint Maximin del Nizza. Sarri può lasciare il Chelsea, è il primo nome per il post Gattuso 18.05 - Il mercato del Napoli comincia a delinearsi. Saranno almeno 3 gli acquisti, uno per reparto. Un esterno difensivo, un centrocampista e una punta esterna. Ormai gli identikit cominciano ad essere abbastanza chiari. Per la difesa si continua a spingere per Trippier del Tottenham, ma...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non è convinto, ma la Juve non trova alternative forti. Il Milan ha le mani su Sarri. Gattuso alla Samp, Lampard al Chelsea. Gasp alla Roma, Inzaghi a Bergamo, De Zerbi alla Lazio. Montella già in discussione, si pensa a Giampaolo 17.05 - Il grande giro degli allenatori sta per cominciare, come in un grande puzzle i pezzi stanno andando al posto giusto. Cominciamo dalla Juve. Due giorni di confronto non sono bastati per prendere una decisione, Agnelli e Allegri si rivedranno oggi. Come andrà a finire? Allegri resta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La cena di Allegri e la serata di Simone Inzaghi 16.05 - Una serata particolare: un occhio alla partita, la finale di coppa Italia, i sogni inseguiti dall’Atalanta e realizzati dalla Lazio. Un altro al telefonino per capire se e cosa succedeva fra Agnelli e Allegri in questo incontro pieno di cortine fumogene, per evitare addirittura che...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Occhio a Spalletti: tentativo disperato per rimanere all’Inter, cambia le alleanze, e c’è stato quel colloquio prima del Chievo… Agnelli vuole convincere Guardiola con l’aiuto dell’Uefa. Roma: ecco l’alternativa straniera Fonseca 15.05 - Non è finita, finché non è finita. Questo deve avere pensato Luciano Spalletti negli ultimi giorni, in piena modalità John Belushi. E non pensando tanto alla lotta Champions, che è solo una delle due partite che si sta giocando, forse la più semplice. Perché Luciano sa che se entrerà...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri, i pretendenti al “trono” e l’incontro “nelle prossime ore”. Inter: Conte, Oriali e due mesi di parole. Milan: la colpa di Gattuso. Roma: Gasp in avvicinamento 14.05 - Buongiorno e buonasera a tutti, la parola d’ordine di oggi è “nelle prossime ore”. “Nelle prossime ore” è il salvacondotto che permette a tutti noi di non sbagliare mai. Quando si incontrano Allegri e Agnelli? Nelle prossime ore. E intanto tutti noi diventiamo sempre più vecchi....

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Montella, tranquillo. Lucci ti premierà con il Real. Non voglio scriverlo: Raiola ha ragione! Lecce, quando vince la meritocrazia. Foggia, la retrocessione della società. La Crema della D: i Conti...ni tornano 13.05 - Che strazio il campionato finito con così largo anticipo. Anche Roma-Juventus diventa inguardabile. Perché se è vero che lo spettacolo non manca, quando giocano due grandi squadre, è anche vero che il calcio non è il cinema e senza l'assillo del risultato non c'è pathos. Quest'anno...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Kolossal panchine: Agnelli voleva Zidane e Guardiola, si accontenterà di qualcun altro. Conte aspettava una super big, chissà se potrà diventarlo l'Inter 12.05 - È stata una settimana complicata. Di voci, incontri segreti e pochi fatti. Ma ci si avvicina al finale, come in Game of Thrones, dove tutto dovrà andare a posto o quasi. Le settimane passate possono essere le stagioni di una serie tv, partendo dall'addio di Zinedine Zidane al Real...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510