HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
Editoriale

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione!

17.01.2019 06:42 di Luca Marchetti   articolo letto 47233 volte
© foto di Federico De Luca

Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera.
Higuain, è evidente, è sempre più lontano dal Milan e sempre più vicino al Chelsea. Ma ancora il Milan non ha affondato definitivamente per Piatek, ha comunque una possibile carta di riserva (Batshuayi), e questo non pemette dunque la chiusura dell’affare che pare comunque aver superato uno degli ostacoli (anche se soltanto in giornata ci saranno ulteriori contatti): l’accordo in linea di massima sul prestito fra Juventus e Chelsea per il Pipita.
Quello che ieri ha meravigliato è stata l’assenza di Higuain alla foto ufficiale, con una motivazione (ufficiosa) per l’assenza prima e una ufficiale poi. Portata avanti anche da Gattuso, nelle interviste post partita, ma alla quale (con tutto il rispetto) crediamo poco. Per febbre non si salta una finale, non si salta una finale contro la tua ex Juve. Si salta, una finale, se questo può mettere a rischio un’operazione. Facciamo i maligni: a pensare male si fa peccato, è vero, ma qualche volta ci si prende. È sembrata da telenovela il susseguirsi di voci e congetture, l’analisi di ogni fotogramma di Higuain. Mentre Leonardo rimaneva a Milano senza andare a vedere dal vivo la prima finale della sua squadra: a fare cosa che non si possa fare al telefono? E poi ancora Higuain: prima non c’era nella foto, quindi la febbre, allora lui nella hall nelle instagram stories del Milan, poi in campo sorridente abbracciato ai compagni con il giubbino di pelle del Milan. Poi in panchina, quindi in campo. Poi nervosissimo a fine partita, in diretta tv, sembrava di rivedere una scena già vista. È stata molto probabilmente la sua ultima apparizione in rossonero. Da domani Milan Chelsea e Juventus spingeranno sull’acceleratore per incastrare tutte le operazioni in corso. Chelsea e Juve dovranno definire il prestito dell’argentino. Saranno sei i mesi di prestito per Higuain, con opzione per l’anno successivo che diventa obbligatoria al determinarsi di alcuni obiettivi personali e del Chelsea. Domani si provvederà a chiudere definitivamente, ma l’intesa c’è. Insisterà invece il Genoa per avere almeno 40 milioni di euro più bonus (visto che anche il West Ham è su Piatek) ed ecco perché il Milan non può non avere una pista alternativa: che è rappresentata da Batshuayi. La sua cessione al Monaco è stata infatti bloccata dal Chelsea nonostante fosse tutto praticamente già concordato. È evidente che Piatek al momento rappresenta la pista che Leonardo sta cercando di battere con più convinzione, ma bisognerà aspettare venerdì perché al di là dei contatti telefonici e dell’opera di intermediari non si è andati. Nessuna offerta ufficiale, insomma. E così mentre Morata ha praticamente chiuso con l’Atletico Madrid, il Milan aspetta gli ultimi ok anche da parte di Elliot per capire se questo tipo di investimento (un’altra acquisizione a 40 milioni più o meno) è consentito o meno (non tanto per la capacità d’acquisto di Elliot, quanto soprattutto per i discorsi relativi al FFP).
La Juventus si gode invece l’ennesimo trionfo, stavolta griffato Cristiano Ronaldo ed ha un sapore particolare, proprio perché in qualche modo si scavalca l’ennesimo muro. E se la Juve festeggia e torna a concentrarsi su campionato e soprattutto Champions, nel mercato c’è poco da fare. La situazione di Ramsey è completamente blindata. Il giocatore ha fatto le visite mediche a Madrid nei giorni scorsi e i suoi agenti hanno messo a posto anche il contratto. Non è stata presa in considerazione, almeno per il momento, la possibilità che si provi ad anticipare il suo arrivo.
Si fa molto difficile anche la partenza di Spinazzola (il Bologna infatti ha puntato Caceres, contendendolo al Parma) e quindi di conseguenza anche i rumors su Darmian perdono quota.
L’oggetto del desiderio del Milan invece è rientrato a Genova con il resto della squadra dopo il ritiro in Spagna e si è allenato normalmente. Quindi almeno dal suo lato nessuna accelerazione concreta. Il Genoa come detto per privarsene vuole più di 40 milioni che però al momento non sono ancora arrivati (anche se il West Ham ci sta pensando eccome).
Il Genoa comunque un attaccante lo potrebbe comprere a prescindere. È un investimento per il futuro, da circa 2 milioni di euro. Karol Swiderski, anche lui polacco, classe ’97 dello Jallegonia. Già 8 gol in 17 partite quest’anno. E nel frattempo non molla Krunic visto che è stata alzata ancora l’offerta, Preziosi arrivato a 9+1 di bonus, ma l’Empoli non vorrebbe privarsene e il giocatore avrebbe detto allo staff tecnico di restare fino a giugno.
L’Inter in attesa di parlare con Icardi, ha cominciato di nuovo a parlare di rinnovo di contratto con Skriniar: un segnale di come l’Inter stia facendo il massimo per trattenere il giocatore. Il Napoli continua a parlare con Schalke e Eintracht di Rog mentre la questione Lobotka rimane in stand by. Il Parma non si ferma più: dopo Kucka nel mirino c’è El Kaddouri (prestito con obbligo di riscatto) e punta Minelli del Rende, difensore classe 99 come investimento per il futuro. Per la difesa oltre a Caceres, Rispoli e Sala. Per l’attacco le piste italiane sono Falcinelli e Matri.
Le richieste del Chelsea per Zappacosta frenano le ambizioni della Lazio: 3 milioni per il prestito e 15 per l’obbligo di riscatto è considerato troppo (considerato poi anche lo stipendio del giocatore. Il Sassuolo ha chiuso per Lucioni, piace Brugman se dovesse andar via Sensi (ma piace anche al Cagliari), in uscita soltanto uno fra Peluso (Cagliari) e Dell’Orco (Empoli) potrà essere accontentato...
Cagliari e Bologna continuano a lavorare allo scambio Falcinelli-Farias. Da definire la questione legata ai bonus che spetterebbero al Sassuolo in seguito all’accordo che lo ha portato al Bologna 6 mesi fa. Piace anche Parigini del Torino.
L’Empoli oltre a Dell’Orco del Sassuolo punta a Bani del Chievo, ma ancora non c’è accordo fra le due società. Ecco perché alla fine potrebbe spuntarla Andreolli, in uscita da Cagliari. In attacco piacciono Kownacki e Falcinelli (che Iachini ha già avuto). L’Atalanta prova a vincere la concorrenza dell’Hoffenheim per Tom Dele Bashiru, centrocampista del City, classe 99.
Altro che telenovela...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, è Lukaku la prima scelta se parte Icardi. Dzeko e Zapata le altre ipotesi. Juventus, per il centrocampo si continua a monitorare Ndombele del Lione. Svolta Mertens, l’attaccante belga ora potrebbe rimanere. Giuntoli al lavoro per Callejon 13.04 - La fine del campionato è dietro l’angolo e una decisione deve essere presa per forza. La svolta tra l’Inter e Icardi sta per arrivare. L’addio resta l’ipotesi più probabile ma non scontata. Icardi è un grande bomber, ha 26 anni e ora più che mai è un’occasione di mercato per tante...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve, il Real vuole Kean. De Ligt, passi avanti. Conte, scatto della Roma. Un piano con Faggiano come ds. L’ombra del Qatar. Ma l’Inter vuole chiudere in fretta. Skriniar rinnova, Chiesa più lontano. Pioli-Fiorentina alle carte bollate 12.04 - La Juve deve fare in fretta a rinnovare il contratto di Moise Kean in scadenza fra un anno. Dopo la raffica di gol e le capacità tecniche e fisiche messe in mostra dal ragazzo del 2000, mezza Europa lo sta monitorando, ma in particolare è scattata l’attenzione del Real Madrid. Zidane...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la legge di CR7 e le panchine che cambiano in Serie A 11.04 - Tiene duro la Juventus, CR7 ci mette sempre la sua firma per un gol che fra una settimana potrebbe valere moltissimo. La Juve tocca con mano la freschezza dei giovani talenti olandesi, ma ha assolutamente imparato la lezione impartita al Real Madrid negli ottavi di finale. Non ha...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510