HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Qual è il vostro miglior acquisto dopo il primo trimestre?
  Muriel (Atalanta)
  Nainggolan (Cagliari)
  Ribery (Fiorentina)
  Lukaku (Inter)
  De Ligt (Juventus)
  Hernandez (Milan)
  Kulusevski (Parma)
  Lozano (Napoli)
  Smalling (Roma)
  Caputo (Sassuolo)

La Giovane Italia
Editoriale

Juve: il problema (se c'è) non si chiama Sarri... Inter: la mossa di Conte è datata marzo 2019 (e a gennaio arrivano...). Milan: Ibra, un aiuto per Pioli. Cellino e DeLaurentiis: prendere esempio dal giovane Giulini. La lezione di Messi...

03.12.2019 08:19 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 32872 volte
© foto di Alessio Alaimo

Buonasera (se leggete di sera). Buongiorno (se leggete di giorno). Mortacci vostra (se non leggete, ma tanto non è il vostro caso, perché state leggendo). Siam qui a scrivere la consueta pappardella di fatti e fatterelli dal puro valore soggettivo. Del resto ognuno ha la sua idea (da “meglio il pandoro”, “No, il panettone” in giù) e quindi non fatevi il sangue amaro che non ne vale la pena.

Messi ha vinto il sesto pallone d'oro. C'è chi si indigna. Ok, forse c'è chi quest'anno a livello personale ha fatto meglio di lui, forse tra 50 anni ci renderemo conto che questo giocatore è stato talmente sopra tutti gli altri da meritarsi tutto e anche di più. Prendete il gol contro l'Atletico: basta quello per sbaragliare qualsivoglia classifica. Oh, opinione personale...

Si parla tanto dell’Inter capolista. L’Inter in testa alla classifica fa impressione. Non tanto per il primato (era già capitato negli ultimi anni), quanto per come è arrivato: 37 punti su 42 sono un’enormità, qualcosa di esagerato anche per i più accaniti fan di Antonio Conte. Il segreto è…. Boh, non c’è. Cioè, si parla tanto di “Conte che riesce a trasmettere il sacro fuoco ai suoi giocatori”, ma pare un po’ una banalità. Il dato di fatto è che la competitività dipende da allenamenti e applicazione, ma soprattutto dalla costruzione del gruppo. Il giorno in cui Conte ha detto “sì” a Marotta (fine marzo), l’ad nerazzurro ha subito acceso “la macchina”: "Facciamo tutto il possibile per realizzare i desideri del tecnico". Ci ha messo un po’, ha faticato, ha dovuto concedere prestiti “pericolosi”, ma alla fine, Dzeko a parte, ha consegnato al suo allenatore la squadra che desiderava, una squadra a “impatto zero” tra l'altro (fin qui nessun caso nello spogliatoio: una rarità). Un gruppo forse un filo risicato ma dove tutti hanno un senso e si sentono parte del progetto… in attesa dei rinforzi (per gennaio si continua a parlare di Vidal e Giroud, speranze anche per De Paul).
Ora, è tutto bellissimo e l’Inter vincerà ogni cosa? Guai a pensarlo. Date retta, gli stessi che ora sprecano aggettivi pomposissimi sono pronti a suonare il requiem in un amen, soprattutto se i nerazzurri dovessero interrompere l’avventura in Champions. Il segreto è il “basso profilo” e, va detto, in questo Conte è un maestro.

Sull’altro piatto della bilancia c’è la Juve, e chi sennò? Da 36 ore si parla dei bianconeri come di una squadra difettata, piena di problemi, guidata da un tecnico “capace solo in parte”. Le solite esagerazioni. I bianconeri stanno facendo enormi cose (zero sconfitte) e non può bastare un pareggio col Sassuolo per parlare di “piccola crisi” (giuro! C’è chi l’ha detto). La verità è che in serie A da troppi anni non siamo abituati a vedere due squadre capaci fin qui di fare percorso praticamente netto e la cosa sbilancia le valutazioni. La Juve non ha problemi rispetto al presente, semmai rispetto a quello che non è riuscita a fare la scorsa estate: voleva snellire la sua rosa a livello di ingaggi, voleva cambiare diversi giocatori. Non l'ha fatto: ci sono giocatori che guadagnano un sacco di soldi per non giocare, altri appena arrivati che giocano poco o niente. Ecco, il problema non è Sarri, né si deve parlare di squadra in difficoltà (sarebbe assurdo), al limite è giisto dire che a livello dirigenziale qualche errore è stato commesso, tutto qua.

Il Milan si è ripreso al di là dei 3 punti a Parma: è una questione di gioco espresso e anche di "sensazioni visive". Pioli è stato bravissimo a ridare un senso al gruppo, ora però va aiutato con l'unico giocatore che può dare concretezza al gioco in fase realizzativa: Ibra e chi sennò? Arriverà? Le probabilità aumentano.

Quindi il Brescia. E Grosso. E Cellino. E Corini che, giustamente, torna al suo posto. Il problema di troppi presidenti è che troppo spesso non riescono a stare al loro posto e scelgono di essere sciagurati protagonisti.

Lo stesso errore lo sta commettendo De Laurentiis che, certo, non è aiutato dalla sua squadra ma a livello strategico ha sbagliato qualunque cosa e non sta facendo nulla per uscire dal guano.

Entrambi - Cellino e DeLa- dovrebbero prendere esempio da un collega molto meno esperto di loro: Giulini del Cagliari. Saper delegare, spesso e volentieri, è più importante che comandare.
 
Infine la Lazio. Della Lazio frega solo ai laziali. Capiamoci: questa non è un’offesa nei confronti del club di Lotito Claudio, semmai l’esatto opposto. Ogni santa estate procediamo al giochino cretino della “griglia di partenza”: "Per me arriva prima questa, seconda quest’altra, terza quell’altra, quarta “la sorpresa”, eccetera eccetera". E della Lazio ce ne fottiamo sempre. Tutti, anche tu. Ammettilo. Sapete quanto è costata la rosa della Lazio, attualmente terza in classifica dietro alle corazzate Inter e Juve? Molto poco. Prendiamo i titolari di Lazio-Udinese 3-0. Strakosha (75mila euro); Luiz Felipe (750mila euro), Acerbi (10,5 milioni), Radu (4,5 milioni); Lazzari (11 milioni), Milinkovic (18 milioni), Leiva (5,7 milioni), Luis Alberto (4 milioni), Lulic (3,25 milioni); Correa (15,3 milioni), Immobile (9,25 milioni). Totale: neanche 90 milioni. E con 90 milioni, a certi livelli, di giocatori (forse) ne prendi tre. Bravissimo Lotito (può non piacere ma sa fare calcio), straordinario Tare.

Alla prossima.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: il processo a Sarri nasconde i veri responsabili (ma non chiamiamola crisi...). Inter, il giorno più importante: in ballo ottavi e il nome "grosso" per gennaio. Milan: due (inattesi) valori aggiunti. Ibra: occhio alle sorprese 10.12 - Oggi procediamo con dei pensierini a caso. 1)      Messi salta Inter-Barcellona. Ottima notizia per Conte e per l’Inter, ovvio. Quanto al resto dell'ampio turnover, occhio: fa più paura un rincalzo che ha bisogno di visibilità di un titolare in gita di piacere. 2)      Conte...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Sarri, l'Immacolata e il primo giro di boa. Insigne, tempo scaduto. Fiorentina a pezzi. Spal, il problema non è... Semplici 09.12 - Silenzio. Stai a vedere che quest'anno non consegniamo lo scudetto, alla Juventus, a marzo e forse forse ci divertiamo un po' anche per la lotta al titolo. Un primo dato è, quasi, certo. Aveva ragione Max Allegri che vince anche quando non gioca.... vincente! Lo spettacolo non conta...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il preoccupante segnale Juve, crollata dopo l'uscita di Bentancur. La coperta corta dell'Inter che sogna a gennaio, il crollo del ciclo finito a Napoli. Fonseca e una nuova Roma, la Lazio che vuol fare il Leicester 08.12 - Sono stati due giorni densi di spunti di riflessione. L'apertura con l'Inter che patisce i freddi d'inverno con una coperta troppo corta per l'alta quota, o quanto meno per non andare in ipotermia da brame di gloria senza cadere. Fa bene Antonio Conte a chiedere, gli servono quantità...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, Cristiano Ronaldo resta almeno fino al 2021 e fissa gli obiettivi: Champions League e Pallone d’Oro. Per Demiral pronta l’offerta del Milan. Marotta e Paratici, che sfida per Tonali a giugno. Il Real Madrid su Koulibaly 07.12 - Ormai manca meno di un mese all’inizio del mercato e le strategie cominciano ad essere chiare. Parto dal futuro di Cristiano Ronaldo. Resterà sicuramene anche l’anno prossimo alla Juventus. Poi a fine 2021 farà le sue valutazioni, la Cina potrebbe essere un’ipotesi, ma ad oggi la...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Tonali alla Juventus, Kulusevski all’Inter a gennaio: patto di non aggressione. Conte e Sarri, ecco chi vincerà. Ibra al Milan, presto l’annuncio. Napoli, un compromesso per portare Ancelotti a fine stagione 06.12 - Il ricordo della vicenda Lukaku è ancora fresco e una volta di più Juventus e Inter si ritrovano sugli stessi obiettivi. Tonali piace all’Inter? Ma lo vuole anche la Juve. Kulusewski pronto per la Juve? Ma l’Inter non molla. Ovvio, quasi normale, che due grandi società e...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Gli intermediari, la FIFA e i soldi delle società 05.12 - Su 17896 trasferimenti internazionali in 3558 sono stati utilizzati intermediari (quasi il 20% del totale) per una spesa complessiva di 653,9 milioni di dollari in commissioni. Così recita il report Fifa, che prende in considerazione tutti i trasferimenti di tutto il mondo. Nella...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ibra-Milan: ecco cosa manca. Perché non si può criticare la mediocrità finora espressa da Sarri? Se la ride Allegri. Cristiano, ma perché? La Juve difende: la Champions val bene una messa Cristiana.Il miracolo di Conte all’Inter, chi disturba? 04.12 - Il passo Ibrahimovic l’ha fatto: la sua richiesta di 10 milioni netti per un anno e mezzo è stata in parte ridotta. Il Milan ha offerto 6 milioni netti per la metà stagione rimanente più la prossima, e 4 di bonus anche se si tratta di bonus complicati. Ibra ha deciso di controrichiedere...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: il problema (se c'è) non si chiama Sarri... Inter: la mossa di Conte è datata marzo 2019 (e a gennaio arrivano...). Milan: Ibra, un aiuto per Pioli. Cellino e DeLaurentiis: prendere esempio dal giovane Giulini. La lezione di Messi... 03.12 - Buonasera (se leggete di sera). Buongiorno (se leggete di giorno). Mortacci vostra (se non leggete, ma tanto non è il vostro caso, perché state leggendo). Siam qui a scrivere la consueta pappardella di fatti e fatterelli dal puro valore soggettivo. Del resto ognuno ha la sua idea...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

De Zerbi a scuola da Sarri... eh, scusate il contrario! Cambiare allenatore? In A e B (quasi sempre) un flop. Lo Monaco picchiato ma il calcio resta in silenzio 02.12 - Ci sono giorni che non sai cosa scrivere. Devi pensare mezz'ora prima di trovare qualche argomento interessante. Giorni, come questi, che devi tenere fuori mille argomenti e che vorresti toccare tutti. Ho scelto. Vorrei parlare di calcio ma non posso parlare solo di calcio. C'è una...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

L'Inter aveva ragione: la cessione di Icardi era necessaria per fare il salto di qualità. Per gennaio già presa un'altra decisione non banale: Marotta non torna sui suoi passi 01.12 - Ma l'Inter ci ha davvero guadagnato? Ma era davvero necessario vivere e alimentare per mesi il caso Icardi, scaricarlo ben prima di darlo via, e puntare su Romelu Lukaku? Sicuri che la priorità fosse il centravanti? La scorsa estate i dubbi su quanto fatto da Giuseppe Marotta, sul...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510