HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Serie A, le panchine iniziano a scottare: chi subirà il primo esonero?
  Gian Piero Gasperini (Atalanta)
  Sinisa Mihajlovic (Bologna)
  Eugenio Corini (Brescia)
  Rolando Maran (Cagliari)
  Vincenzo Montella (Fiorentina)
  Aurelio Andreazzoli (Genoa)
  Ivan Juric (Hellas Verona)
  Antonio Conte (Inter)
  Maurizio Sarri (Juventus)
  Simone Inzaghi (Lazio)
  Fabio Liverani (Lecce)
  Marco Giampaolo (Milan)
  Carlo Ancelotti (Napoli)
  Roberto D'Aversa (Parma)
  Paulo Fonseca (Roma)
  Eusebio Di Francesco (Sampdoria)
  Roberto De Zerbi (Sassuolo)
  Leonardo Semplici (SPAL)
  Walter Mazzarri (Torino)
  Igor Tudor (Udinese)

La Giovane Italia
Editoriale

L'estate da globetrotter di Paratici, la frecciata sbagliata di Conte ad Ausilio. E' l'estate dei ds al centro del mercato: il nuovo corso di Parma, Bologna, Fiorentina e non solo

Nato a Firenze il 5 maggio del 1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. E' stato firma per Il Messaggero e per La Nazione, già speaker di Radio Sportiva e di RMC Sport
21.07.2019 08:11 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 50485 volte

Il mercato italiano che torna sulla mappa del calcio internazionale è già, di per se, una notizia. Importante, fondamentale. Un piccolo passo, la Juventus è il grande traino ma anche l'Inter del nuovo corso la sta seguendo su un'importante scia. Il lavoro dei direttori sportivi, Fabio Paratici e Piero Ausilio, in questo è fondamentale. Stanno cercando di accontentare i nuovi rispettivi allenatori e se per quanto riguarda Maurizio Sarri, da una gavetta e da una vita abituato a plasmare il materiale a disposizione, comunque in un crescendo di richieste e volontà, dall'altra Antonio Conte non è un cliente semplice per gli uomini mercato nerazzurri. Le dichiarazioni di due giorni fa sul mercato "da una parte ci sono le parole, dall'altra i fatti", poi "siamo in ritardo rispetto ai programmi", non sono certo frasi di cui stupirsi nel contenuto, per la fonte, ma certamente per la tempistica. In fondo, Ausilio sta seguendo e non poco le indicazioni del tecnico sul mercato: un esterno da lui vidimato, Valentino Lazaro. Un centrale difensivo bravo in ogni sistema, un leader, Diego Godin. Due centrocampisti di regia, giovani, da presente e futuro, Stefano Sensi e Nicolò Barella. Il mercato finisce il 2 settembre, ha ragione Paolo Maldini e, alla fine dei conti, tra le grandi Juve e Inter sono quelle che già hanno mosso passi importanti accontentando i rispettivi tecnici.

La lamentela sembra così fuori luogo e nei tempi sbagliati, perché troppo anticipati. Anche perché le riunioni, continue, da parte di Ausilio e Marotta, proseguono giornalmente. Non è un caso se la dirigenza sta incontrando step by step intermediari e agenti delle trattative più calde e importanti a Milano e se non è andata in Asia con la squadra. Solo che non dipende esclusivamente dall'Inter: Mauro Icardi è fuori dal progetto ma di proposte multimilionarie, o anche meno, non sono arrivate sulla scrivania nerazzurra. La Juventus è al lavoro, sullo sfondo il Napoli è interessato ma tatticamente guarda altri giocatori (James Rodriguez e Malcom), avendo già Arkadiusz Milik come punta pesante in rosa. Poi la Roma, ovvio. Perché Edin Dzeko è l'altro oggetto del contendere: 20 la richiesta, 12 l'offerta. Chi segue da vicino la trattativa è certo che sarà il primo tassello a muoversi, che il bosniaco sarà un giocatore di Conte dopo che lo aveva sfiorato senza raggiungerlo al Chelsea.

Maurizio Sarri, dal canto suo, sta invece portando avanti una linea differente, aziendalista. Inevitabile. E' allo step più alto di una carriera sudata ed ha affidato il futuro del mercato bianconero nelle mani di Fabio Paratici. Contatti, riunioni. L'uomo mercato bianconero è una trottola: Parigi, Londra, Amsterdam. La sua è un'estate nuova, per un direttore di una grandissima: non solo attende alla corte, ma si sposta per dare segnali. Mandare messaggi. In soldoni: quando il direttore sportivo di un grandissimo club come la Juventus prende l'aereo per andare a chiudere una trattativa, da solo manifesta al club e al giocatore, al procuratore e all'intermediario, tutto il suo interesse. Una posizione di forza che Paratici si è guadagnato col tempo e che ha messo in mostra con Ramsey, Rabiot, De Ligt, ultimi di una lunga lista. Adesso aspetta, lui, un messaggio da Singapore. Il mittente? Gonzalo Higuain. Basta un sì, con la Roma è questione di dettagli. Le voci di Icardi in giallorosso raccontano sì di una possibilità al vaglio, di una trattativa che un altro uomo mercato al passo più importante della carriera come Gianluca Petrachi sta facendo, ma anche di un segnale per il Pipita. Alla Juve non ha la 9, non è il 9. E' in partenza, non come Icardi, fuori dal progetto, ma certamente fuori dalle prime gerarchie di Sarri. A lui la decisione, la Juventus gli ha già comunicato la propria volontà.

Appunti sparsi su questo pazzo, caldo, strano, mercato estivo. Eusebio Di Francesco chiede esterni agli uomini mercato della Sampdoria. E' l'estate dei tecnici nuovi in carica e subito pronti a mandar messaggi, impazienti: il mercato è così, lungo, purtroppo. Urge pazienza per tutti, anche per le liste e per le cessioni da mettere a segno. Sa, però, che Carlo Osti, Antonio Romei e il rientrante Riccardo Pecini sono al lavoro per garantire colpi di qualità: Emiliano Rigoni è ben più che una scommessa ma una certezza, in una rosa che cerca rinforzi per migliorare ancora l'ultima annata. Igli Tare sta costruendo la sua Lazio con profonda strategia: servivano due esterni, di qualità, presente e prospettiva, ha preso Jony e Manuel Lazzari. Dietro, un colpo, come Denis Vavro. Ora dovrà sì continuare a far fronte con le offerte per i gioielli, da Milinkovic-Savic a Luis Alberto e Correa, ma negli anni ha dimostrato di saperli sostituire ad hoc. Intriga molto il lavoro che stanno facendo da una parte Daniele Faggiano e il Parma, con soldi pesanti spesi per certezze (Roberto Inglese, Alberto Grassi) e giocatori pronti al salto importante (Yann Karamoh, Dejan Kulusevski). Dall'altra il Bologna: l'arrivo di Walter Sabatini, che sta lavorando, spiegano in Emilia, in una profonda sintonia e a braccetto con Riccardo Bigon, ha rilanciato l'entusiasmo di Joey Saputo. Il mercato è di quelli importanti e interessanti. Poi la Fiorentina: Daniele Pradè e Valentino Angeloni sono chiamati alla sfida più importante: rilanciare l'entusiasmo, che in una piazza come Firenze è sempre la cosa più difficile. I tempi si stanno allungando ma c'era da aspettarselo, col passaggio di proprietà avvenuto ben prima delle attese. Prima le cessioni, pure le svendite, poi gli acquisti, era la strategia premessa. Ora gli acquisti, promessi. Commisso e Firenze si fidano totalmente di loro.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Napoli, con il Liverpool il salto di qualità. Mertens e Callejon due rinnovi difficili. Sarri, ora l’obiettivo è trovare il giusto spazio a Dybala. Giampaolo-Conte, quanta pressione per il derby. Fiorentina, la proposta per blindare Chiesa 21.09 - È già tempo di campionato ma prima una veloce riflessione sula due giorni di Champions: Napoli e Juventus si confermano due certezze. Comincio da Insigne e compagni. Battere i campioni d’Europa non è cosa da tutti i giorni. Era successo anche l’anno scorso, sempre nella fase a gironi,...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter, Conte furibondo attacca tutti. Caccia alla talpa che ha raccontato la lite Lukaku-Brozovic. Il belga è un problema. Sanchez nel derby. Milan, basta esperimenti. E’ Suso l’enigma, serve Bonaventura. Juve, troppi gufi attorno a Sarri 20.09 - Dopo il pareggio con lo Slavia in Champions, Antonio Conte si è autodefinito pubblicamente “un asino”, ben sapendo che gli asini sono altri. E’ furibondo per quello che sta succedendo in campo e fuori dal campo, e non l’ha mandato a dire alla squadra chiamata a raccolta in un faccia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le risposte della Champions sui progetti delle italiane. Cosa funziona e cosa non va... 19.09 - Un progetto per crescere ha bisogno di tempo. E soprattutto le battute d'arresto (più o meno dolorose) fanno parte del processo. E' necessario mantenere i nervi saldi, la capacità di poter guardare oltre un orizzonte che vada oltre i 90 minuti. Lo dimostra anche questa due giorni...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Conte mai così: che succede? Inter quasi fuori. A Napoli c’è squadra e società: non c’era invece il rigore, e un po’ di tifosi... Juventus: contro l’Atletico già decisiva, ecco perché. Atalanta con obbligo di qualificarsi 18.09 - Non era mai successo di vedere una squadra di Antonio Conte così. Chi scrive segue Conte da vicino da più di una decade, dal suo arrivo a Bari, e certo dalla Juve in poi non è certo un mistero da disvelare. Bene: mai una squadra di Conte aveva giocato in questa maniera, semplicemente...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

La Juve di Sarri (forse) non nascerà, ma Maurizio ha un piano. Milan: il problema di Giampaolo è nell’estate (e il mercato non c’entra). Inter: il lavoro di Marotta e...il pensiero di Conte. Napoli: c'è il Liverpool, alla faccia dei comunicati 17.09 - Buon martedì. Eccoci qui a parlare di calcio. Ho perso al fantacalcio perché hanno annullato il gol a Joao Pedro. Non si fa. Ma veniamo a noi. Il calcio fa ammattire tutti e infatti spuntano le polemiche come funghi. Spunta la polemica su Sarri che parla degli orari di giuoco “e poi...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

A Sarri serve tempo ma Conte non ne concede. Inter concreta ma non bella. Cellino ci riprova con lo stadio... a Cagliari finì male. Samp, tra Vialli e Ferrero perde Di Francesco 16.09 - Se passi da Massimiliano Allegri a Maurizio Sarri devi preventivare che il passaggio possa risultare traumatico e, soprattutto, che ci voglia del tempo. Lo diciamo da due mesi: ai bianconeri, quest'anno, servirà tanta pazienza. Sarri è un allenatore vero e non impari i suoi schemi...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Il caso Mandzukic è chiaro: accetta il Qatar, aspetta la Cina o inguaia la Juventus?  La sicurezza di Koulibaly e la bacchetta magica di Conte. Il Milan riuscirà a ritornare grande? 15.09 - Doveva essere l'attacco di Mauro Icardi e Mario Mandzukic, sarà probabilmente di Gonzalo Higuain e Paulo Dybala. I due argentini erano sul mercato ad agosto, nella speranza di trovare una sistemazione e una plusvalenza. Due motivi diversi per la permanenza: il primo non voleva lasciare...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, Mandzukic verso  il Qatar. Per gennaio ipotesi scambio Emre Can-Rakitic. Inter, per il centrocampo idea Matic. De Paul, oltre alla Fiorentina  attenzione anche al Milan 14.09 - Gennaio è lontanissimo, ma il mercato non si ferma, mai. Anche perché la chiusura della sessione estiva ha lasciato alcune situazioni in sospeso. In casa Juventus ci sono due vicende aperte: Mandzukic e Emre Can. Il futuro dell’attaccante (escluso dalla lista Champions e assente anche...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Sarri seduto su un vulcano. Torna dove perse lo scudetto e chi esclude Matuidi o Rabiot? Khedira o Emre Can? E Dybala? Mandzukic sta in panca o va in Qatar? E Montella rischia già. Conte fra Lautaro e Sanchez 13.09 - Penso a Sarri e ancora una volta ho come la sensazione che esista davvero la Dea Eupalla, come sosteneva il mitico Gianni Brera del quale abbiamo parlato giustamente tanto in questi giorni. O se non esiste, credo che da qualche parte almeno si nasconda un Folletto malizioso capace...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Chi spende e chi vince: non sempre coincide, anzi... le classifiche in Europa e in Italia 12.09 - Manca poco meno di una settimana e poi inizierà anche la Champions League. E le ambizioni delle squadre che parteciperanno i "pronostici" possono arrivare anche da un'analisi economica. E ci viene in aiuto una ricerca fatta dal CIES, pochi giorni fa, che testimonia come la voglia...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510