HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

La Juve e la panchina, Inter e Milan e l’ultima curva Champions

23.05.2019 17:29 di Luca Marchetti   articolo letto 38160 volte
© foto di Federico De Luca

Non si parla d’altro. Da giorni. Ed è inevitabile che sia così: quando la panchina di una delle squadre più importanti in Europa è ancora da assegnare è ovvio che ci sia grande fermento, soprattutto fra la tifoseria. Che non si fa prendere dal panico: sa che la società è solida e iperprofessionale e che non è possibile che abbia lasciato andare Allegri (al di là delle divergenze che potevano esserci sulla costruzione della squadra o del sentirsi o meno a fine ciclo) senza sapere da che parte dirigersi e senza non solo le idee ma anche qualcosa di più ben chiaro.
Ora continuare ad analizzare - seguendo la logica - la situazione ci porta soltanto a delle chiacchiere. Più (quelle di altri) o meno autorevoli (le mie). Rimaniamo nel campo delle opinioni, delle interpretazioni, delle sensazioni. Il motivo per cui la Juventus non abbia affondato il colpo lo sanno solo in pochissimi. Ed è estremamente difficile che questi tipi di strategia venga vanificata da fughe di notizie improvvise. I nomi sul tavolo, mediatico, sono ancora molti, si fa fatica ad escludere qualcuno, per paura che, invece, magari, non sia mai che, ma poi va a finire... insomma il ventaglio rimane ampio. Qualcuno pian piano l’abbiamo cominciato a sfilare. Conte sicuramente, visto che andrà all’Inter con o senza Champions. Ancelotti lo stesso (gradito da CR7), visto che il Napoli continuerà ad essere la sua casa visto che De Laurentiis ha formalmente esercitato la clausola di rinnovo. Non Deschamps che rimane fedele alla sua Francia. Non Mourinho che a quanto ci risulta non sia stato mai realmente contattato. C’è anche chi è più in ballo di altri: come naturalmente Sarri e S Inzaghi (non certo per l’amicizia con Paratici...), c’è chi potrebbe essere una tentazione come Pochettino ma poi bisognerebbe fare i conti con Levy, osso da sempre duro nelle trattative. C’è chi rimane un sogno e non trova conferme né ufficiali (e ci mancherebbe) né ufficiose. Insomma io rebus ancora non è risolto. Bisognerà aspettare una finale (Europa League o Champions)? O dipende da un accordo che non può essere divulgato?
Di sicuro gli indizi non possono arrivare dal mercato dei giocatori. Ramsey andava bene ad Allegri e non può che andar bene al prossimo allenatore. Stessa cosa dicasi per Millinkovic Savic, che di sicuro non è arrivato a Torino, ma che è tornato prepotentemente nei radar bianconeri. L’operazione chiaramente sarebbe piuttosto onerosa e in qualche modo tornerebbe anche alle considerazioni che Allegri aveva fatto il giorno dopo la sconfitta contro l’Atletico Madrid, ovvero che a centrocampo ancora alla squadra mancava qualcosa. In questo ambito si può anche incastonare la caccia (tramontata?)a Rabiot (altro parametro zero, ma con poche idee chiare). Come la necessità di prendere un difensore centrale, mantiene la Juventus ancora operativa (nonostante il vantaggio del Barcellona) su De Ligt.
In casa Inter di mercato questa settimana non si parla. Si parla solo della partita che di fatto vale la stagione e la qualificazione in Champions. Possono aver intuito le strategie di mercato in questa situazione? Nessuno può escluderlo ma ci rifiutiamo categoricamente di pensare che Spalletti abbia mollato o che i giocatori siano distratti. Spalletti è un professionista e lo sta diimostrando anche in questo frangente. Ha una missione e vuole portarla a termine, indipendentemente dal suo futuro. O pensate che gli convenga essere ricordato per aver perso la qualificazione all’ultima giornata? O i giocatori? La maggior parte saranno all’Inter la prossima stagione. E secondo voi preferiranno giocare la Champions o l’Europa League o anche loro essere additati come quelli che non ce l’hanno fatta? Poi ci sarà tempo per pensare al terzino di spinta, alla mezz’ala a Dzeko o Lukaku.
Stesso discorso al Milan. In molti si chiedono se rimarrà Gattuso o meno... come si diceva in un film (Ogni maledetta domenica) sono i centimetri che fanno la differenza fra la vittoria e la sconfitta, fra la vita e la morte. Se il Milan non dovesse andare in Champions lo farebbe, presumibilmente, per un punto. E questo punto poi bisognerebbe capire cosa pensa Gazidis di questo punto. Manca più nel lavoroche ha fatto Gattuso o in quello che ha fatot la società. Gattuso ha reso possibile che il Milan fosse a un solo punto dalla qualificazione in Champions o ha fatto in modo che questo Milan è arrivato addirittura quinto a un punto dalla quarta. La sensazione è che propenda più per la prima teoria, che la sincerità di Gattuso nei momenti cruciali della stagione sia stata convincente anche nella spiegazione di alcuni momenti critici. Mentre invece potrebbe esserci l’addio con Leonardo. Sia per i risultati, sia per una visione sul futuro del Milan. La linea di Elliot sarebbe quella di spendere (20/25 milioni come cifra indicativa) su giocatori giovani, massimo 24 anni. Insomma tanto per capirci la linea Paquetà o Piatek, per quanto le cifre siano diverse. Un Milan con lo sguardo al futuro. Nessun Higuain, insomma. O giocatori anche meno cari ma con meno prospettive di crescita.
Manca solo una giornata alla fine del campionato. Mancano solo 90 minuti e poi i verdetti saranno definitivi. In paradiso (Champions League) o all’inferno (serie B), poi sarà solo mercato. Sempre che non ci sia stato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Insigne venga trattato da capitano (o si volti pagina). Mandzukic e l'accordo 'suicida'. In Serie A c'è un club perfetto per questo Zlatan Ibrahimovic 20.10 - Tutti i nodi vengono al pettine. Tutti i problemi, quando non li risolvi e provi solo ad accantonarli, ti tornano indietro più forti di prima. E' così nella vita, è così nel calcio. Prendete Lorenzo Insigne: lui non potrà mai dirlo, perché è napoletano e capitano del Napoli, ma in...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510