HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

La Juventus ha chiesto Suarez, Rakitic e Dembelé! Icardi ha il numero di maglia all’Inter! Rimarrà?… Il Napoli ha pronta l’ultima offerta, ma stavolta vuole la certezza. Il PSG rifiuta la terza proposta del Barcellona per Neymar

21.08.2019 19:43 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 186003 volte

I conti devono tornare in casa Juventus, e allora la missione di Paratici a Barcellona ha preso pieghe inaspettate. Niente Neymar, come gira dalle voci messe in giro dalla famiglia del brasiliano per mettere pressione sul Barcellona (più in basso vi informiamo sulla risposta del PSG al Barça).

Invece Paratici ha lavorato di fantasia: fondamentalmente, non ci sono soldi da spendere né nelle casse della Juve né in quelle del Barcellona, ed entrambi hanno vari esuberi da smaltire, tutti con stipendi piuttosto pesanti. E in questo gioco a zero, l’unico segno più lo segnerebbero le plusvalenze degli scambi secchi. Per questo Paratici ha avanzato tre proposte al Barcellona, nelle quali la Juve riuscirebbe a uscire con la botte dei conti pieni, e con la moglie ubriacata dal realizzare acquisizioni del genere.
Perché la Juventus ha proposto al Barcellona uno scambio secco Dybala per Luis Suarez, convinta di riuscire ad alleggerire i problemi di sovraffollamento in attacco per i blaugrana, ma in verità sperando segretamente di mettere a segno un colpo pazzesco. Peccato che Suarez sia l’alter ego di Messi a Barcellona, e la proposta è stata respinta seccamente.
Non si è perso d’animo Paratici, che poi ha richiesto Rakitic: quella personalità unita alla qualità che in mezzo manca a Pjanic, e sapendo che il croato è ormai mal sopportato. Sul piatto è stato messo Emre Can, per realizzare un plusvalenza con i fiocchi. Uno scambio decisamente più assennato del precedente, ma che per ora non ha invogliato il Barça, non troppo compiaciuto dello stipendio altissimo di Emre Can, anche se si spera di poter convincere Bartomeu.
E non è tutto, perché nonostante l’infortunio che lo terrà fuori per un mese e mezzo, la Juventus ha chiesto anche Dembelé! Costato 120 milioni di € due anni fa, è stato richiesto uno scambio secco con Dybala, ascrivendo una valutazione simile per entrambi che varrebbe a Torino quasi quanto una Champions. Ma anche questa proposta è stata per ora respinta, perché il Barça non ritiene i due giocatori allo stesso livello, e perché non si è nemmeno mostrato particolarmente interessato a Dybala. Ma se al 20 agosto Paratici sta facendo le acrobazie per far quadrare i conti, allora si può stare sicuri che la partita non sia ancora chiusa, e gli ultimi 13 giorni che mancano riserveranno nuovi tentativi.

Ovvio, tutti credono che verrà fatto il volo last minute per Icardi (ribadiamo: è vero che l’operazione più sensata sarebbe uno scambio con Dybala, ma la Joya ha rifiutato entrambi gli approcci dell’Inter, e a oggi non ci sono ancora spiragli).
Ma nella telenovela Icardi c’è una nuovo sviluppo, apparentemente minore, ma che può essere molto significativo: si sa, Icardi ha perso il numero 9 assegnato a Lukaku, ma a sorpresa ha il suo numero di maglia! Non si può trovare sul sito dell’Inter o sullo shop online, ma non è lì che va cercato, perché non sono quelli i luoghi dell’ufficialità.
L’Inter ha dovuto comunicare alla Lega Calcio i numeri di maglia della rosa: e invece che non assegnare nulla a Icardi (certificando eventualmente l’esclusione anche qualora non sia ceduto) ha invece riservato per Mauro il numero 7. Andando magari incontro adesso a qualche motivo d’imbarazzo, perché l’arrivo sempre più probabile di Alexis Sanchez richiederebbe ovviamente la scelta del 7 per il Nino Maravilla, ed è tutto da vedere se si possa chiedere una deroga alla Lega.
Dunque l’ex capitano ha la sua maglia: forse solo una scelta temporanea, ma intanto lo spiraglio perché incredibilmente possa rimanere c’è.

E così si spiega anche la mossa del Napoli: perché De Laurentiis ha preparato la nuova, seconda e ultima e definitiva offerta per Icardi: dopo i 50 milioni rifiutati dall’Inter un mese fa - a fronte di una richiesta di 80 milioni - il Napoli ha deciso di rilanciare a 65 milioni, prendere o lasciare. Ma stavolta vuole farlo avendo in tasca già il sì di Icardi, anziché rischiare di esporsi a una nuova delusione. Il sì ancora non c’è, e se non dovesse arrivare a stretto giro, allora il Napoli non farà nemmeno lo sforzo.

Non si tratterebbe dell’unico clamoroso no di questi giorni di mercato. Anche il PSG ha appena respinto la terza proposta del Barcellona per Neymar, questa volta senza giocatori e senza soldi: ovvero il prestito a 15 milioni di € all’anno, con diritto di riscatto a 150 milioni tra un anno. Una offerta estremamente lontana dalle richieste dei parigini, e che potrebbe aver indispettito fatalmente la dirigenza del PSG. Vero, quando ci sono tutti questi milioni in ballo, si fa presto a mettere da parte l’orgoglio. Ma il tempo rimasto è ormai veramente poco…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

La colpa del Milan è dei milanisti: è una squadra da sesto posto, accettatelo! Lasciare a Pioli il tempo non dato a Giampaolo. L’Inter non fa sconti: giusto non pagare 4.5 milioni per favorire Spalletti (e il Milan)? 09.10 - L’unica cosa positiva di tutta questa storia a tinte rossonere è che un galantuomo come Stefano Pioli avrà la possibilità di rifarsi. Dopo aver dato alla città di Firenze quello che nessun contratto avrebbe potuto prevedere - uno straordinario slancio umano per tenere la testa alta...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510