HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2018/19?
  Barcellona
  Ajax
  Liverpool
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Leonardo non conosceva Higuain? Il Milan ha sopravvalutato il Pipita. Troppa ipocrisia su Wanda Nara: l'unico errore sarebbe quello di non comportarsi come gli altri procuratori

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Politica presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
20.01.2019 10:11 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 65650 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Gonzalo Higuain è stato il miglior centravanti visto in Italia dopo Zlatan Ibrahimovic. Ha riscritto la storia dei cannonieri della Serie A battendo nel 2016 il record di Nordhal che resisteva da 65 anni. Diciassette, poi 18, 36, 24 e 16 gol in cinque stagioni di Serie A, 111 in cinque campionati. Sono numeri, dati certi, da tenere in considerazione anche adesso, nei giorni in cui il Pipita è pronto a dire addio all'Italia nel modo peggiore possibile. Con una modalità per certi versi umiliante.
Pensare e organizzare un'uscita del genere era sceneggiatura complicata anche per Spike Lee. Ci ha pensato l'indole del Pipita, un carattere che rappresenta l'altro lato della luna. Il volto oscuro di un grande centravanti che però non è mai stato un campione.
Il campione è per definizione un trascinatore, leader tecnico ma anche carismatico. Senza scomodare Pelé o Maradona, campioni lo sono stati Gigi Riva o Andrés Iniesta. Trasformano le difficoltà in opportunità, cambiano il corso della storia. Tirano fuori il genio quando non sembrano esserci vie d'uscita e la pressione è pronta a schiacciarti da un momento all'altro.
La carriera del bomber sudamericano dalla pressione è stata invece logorata. Lo racconta il suo cammino con l'Argentina e lo accennò, in fondo, anche il suo triennio a Napoli. Higuain è uno straordinario finalizzatore, ma se la squadra si avvicina al baratro è il primo a precipitare.
L'errore di Leonardo è stato quello di sottovalutare questo aspetto. In estate il dirigente rossonero ha preso un grande centravanti pensando di aver preso un campione, credeva di poter cambiare col suo acquisto il corso della storia del Milan. Ma Higuain è tutt'altro calciatore: è il 9 perfetto se deve finalizzare il gioco nel Napoli di Sarri, se deve essere grande giocatore tra i grandi giocatori nella Juve di Allegri. Questo Milan è invece un discorso diverso, ha bisogno delle fondamenta e non della più succulenta ciliegina per la torta. E quando Leonardo, a margine della presentazione di Paquetà, striglia Higuain perché reo di non prendersi responsabilità all'altezza dello stipendio significa che non conosce la storia dell'argentino nato a Brest. Che è grande bomber e nulla più e che fa bene adesso ad attraccare in un porto sicuro come il Chelsea di Sarri.

Su Wanda Nara ormai da anni se ne leggono di cotte e di crude. Banalità nelle migliori delle ipotesi, offese non replicabili negli altri casi. La sua continua esposizione mediatica dà fastidio a una delle ultime roccaforti maschiliste della società e il suo essere procuratore di uno dei migliori numero 9 d'Europa non è visto di buon occhio da chi, dopo tanti anni in questo ambiente, non vede nemmeno col binocolo una procura così importante. E' diventata la manager di Mauro Icardi perché è la sua compagna, è vero, ma dove è la novità? Affidarsi a familiari è scelta molto comune, soprattutto tra i giocatori importanti. Quelli che brillano di luce propria e non hanno bisogno di canali particolari per sponsorizzarsi.
In queste settimane, Wanda Nara sta facendo né più né meno rispetto a quello che avrebbero fatto altri procuratori: tira acqua al proprio mulino. Ha stipulato nel 2016 un contratto con l'Inter molto intelligente e adesso ha il coltello dalla parte del manico perché con le condizioni attuali in estate ci sarà la fila di club disposti a pagare 110 milioni di euro per accaparrarsi Icardi. Dal Real Madrid in giù.

Legittimamente, per annullare o raddoppiare questa clausola Wanda Nara vuole raddoppiare l'ingaggio di Icardi, facendo anche in questo caso un ragionamento che è in linea con le logiche di qualsiasi procuratore: l'attaccante di Rosario è uno dei migliori 9 in Europa, guadagna cinque milioni di euro a stagione e tutti gli attaccanti che sono considerati al suo livello guadagnano il doppio o anche di più. Higuain ha accettato il Milan grazie a un'offerta da 9 mln a stagione, Cavani a Parigi di milioni ne guadagna circa 11, Lukaku a Manchester anche di più. Sono sopra i 10 milioni netti l'anno anche Lewandowski e Suarez.
Alla luce di questi dati, il ragionamento è molto semplice: se l'Inter pensa che Icardi valga (o possa valere a breve...) questi giocatori gli rinnovi il contratto a queste cifre, altrimenti dopo un tira e molla che va avanti da più di un anno c'è la possibilità che in estate Icardi cambi casacca. Perché c'è chi - come Florentino Perez - è disposto a concedere a Maurito un ingaggio così importante.
E' il ragionamento di qualsiasi procuratore, la classica logica di mercato. Può piacere o meno, ma è il più comune tra i ragionamenti che fanno i procuratori. E l'avessero fatto Mendes e Branchini, adesso saremmo tutti qui a elogiarli. Invece l'ha fatto Wanda Nara, 'colpevole' di non voler mantenere riservati i contatti e la trattativa, 'rea' di chiedere 10 milioni di euro a chi gliene offre sette. Manco fosse davvero una questione delicata: il calcio - ricorda spesso il buon Sacchi - resta sempre la più importante tra le meno importanti. Figurarsi una trattativa per un rinnovo di contratto...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: lo scudetto, le riflessioni sul futuro, un difensore in più e... la posizione di Allegri. Milan: l'Atalanta fa paura, ora Gattuso pretende risposte. Inter: i numeri di Spalletti e la "sfida" con Conte. Evviva Fognini, anche quando perde 23.04 - Ciao. La festa è finita e si torna a lavorare. Anzi no, molti fanno il megaponte fino all’1 maggio, alcuni fino al 2 giugno, altri non tornano proprio. Il megaponte è per molti, ma non per tutti. Non per noi “grandi eroi” di tuttomercatoweb che anche oggi ve ne diciamo di tutti i...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Basta spot elettorali! Il calcio italiano crolla in Europa ma noi pensiamo ai finti progressi. Juve, festa amara. Napoli, serviva Ancelotti per una stagione così? Pippo, vedi come vola il Bologna… 22.04 - Sabato pomeriggio avrei voluto vedere, al mare, la festa della Juventus e invece mi sono ritrovato senza calcio e sprofondato sul divano a rivedere un film nuovo che davano alla tv: Quo Vado! La scena più bella è quando Checco (a proposito, che fine hai fatto? Quando torni a regalarci...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Juve, le plusvalenze non fanno vincere la Champions. Il Milan se ne frega del fair play finanziario, l'Inter riparte da Spalletti? Conte, Tuchel, Sarri e altre leggende 21.04 - La festa Scudetto non è tale quando esci dai quarti di Champions League per mano dell'Ajax. E soprattutto quando potevi farlo una settimana prima, con un pari tranquillo a Ferrara, invece di inserire giocatori di Serie C oppure giovani. La formazione era più forte di quella della...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510