HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Come finirà il derby di Milano?
  Vincerà l'Inter
  Finirà in pari
  Vincerà il Milan

La Giovane Italia
Editoriale

Lukaku, Barella, Dzeko, Lazaro, Godin e Sensi: è già grande Inter. La Juve chiude con De Ligt e Rabiot e aspetta Zaniolo per Mandzukic. Napoli: preso Manolas, Diawara alla Roma, ora Veretout. Donnarumma al Psg, ma senza Areola

28.06.2019 07:23 di Enzo Bucchioni   articolo letto 72140 volte
© foto di Federico De Luca

Lazaro, Godin e Sensi presi, Barella e Dzeko ai dettagli, presentata l’offerta per Lukaku, è già grande Inter. E pensare che il mercato non è ancora ufficialmente cominciato e quasi sicuramente riserverà altri colpi per Conte. C’è la sensazione diffusa che l’Inter stia provando a colmare in fretta il gap che la separa ancora dalla Juventus e ci stia riuscendo. Non a caso Marotta ha puntato su Conte, l’allenatore più bravo nel breve a rimettere in marcia e fare rendere al massimo una squadra. E partendo da quello, si sta costruendo un gruppo a immagine e somiglianza dell’allenatore. Con Godin la difesa contiana è sistemata, praticamente una muraglia umana con Handanovic, Skriniar e De Vrij. Valentin Lazaro è l’esterno destro che porta qualità e quantità, è costato una ventina di milioni. C’è una alternativa a Politano. Ieri c’è stato un ulteriore contatto con il Sassuolo per Sensi e l’operazione è alla stretta finale, si ragiona sulla contropartita che dovrebbero essere i giovani Gravillon (che piace molto a De Zerbi) e Sala. Anche per Barella siamo a una pausa di riflessione, il Cagliari sta valutando quali scegliere tra i giocatori proposti e nel complesso dalla cifra fissata per la cessione (50 milioni) la percentuale cash e quella in contropartita tecnica. La prossima settimana la trattativa sarà ripresa e chiusa, non sembra preoccupare il sondaggio della Roma, il centrocampista è nelle mani nerazzurre. Più o meno lo stesso discorso vale per Dzeko che ha già detto si all’Inter, si valutano le contropartite e la Roma ha bisogno di aspettare gli incastri che verranno. Da ieri è partito massicciamente anche l’attacco a Lukaku. Marotta ha in mano l’ok del giocatore e il Manchester lo sa. La prima cifra sparata (70 milioni) è tanta roba, ma si tratta. C’è sempre l’idea di inserire come contropartita Icardi, ma il dialogo con Wanda è sempre inesistente e non sarà facile trovare un accordo. Icardi vuole restare all’Inter, si profila un muro contro muro che non conviene a nessuno, men che meno al giocatore che dopo aver perso la nazionale, ora rischia di compromettere la carriera.

Comunque resta la ferma intenzione di portare Lukaku a Milano proprio in virtù del fatto che il giocatore ha deciso e il Manchester lo sa benissimo. Pinamonti, invece, è stato ceduto definitivamente al Genoa, ma con recompra per l’Inter.

Grande Inter, dicevamo, e la sensazione è soprattutto dei tifosi che hanno sottoscritto i quarantamila abbonamenti in un lampo. La campagna è già sold out, si percepisce la voglia di Inter e dopo tre anni di Zhang, l’arrivo di Marotta in società e Conte, la Juve è più vicina. Molti pensano che anche il cambio in panchina e di filosofia di gioco fra Allegri e Sarri, senza discutere il valore dell’allenatore ex Chelsea, possa aver bisogno di un periodo di rodaggio per essere assorbito. Comunque la sensazione che il campionato sarà più equilibrato degli ultimi otto è forte, per l’interesse del calcio quasi un auspicio. Oltre all’Inter anche il Napoli si sta muovendo bene e se dovesse arrivate come ormai sembra uno come James Rodriguez, ci sarebbe un’altra bella spinta in alto.

E la Juve che fa? Pensa in grande come sempre, ovvio. Gli attacchi li vuole respingere e preso Rabiot, siamo alla stretta finale con l’Ajax per De Ligt. Accordo totale con il giocatore, stipendio di dodici milioni bonus compresi, per cinque anni di contratto e clausola rescissoria e 150 milioni. Ma Paratici ha sempre in mano il suo foglietto nel quale ci sono i nomi di Chiesa e Zaniolo. Per Chiesa, in attesa dell’incontro con il padre-manager Enrico, c’è la ferma intenzione del nuovo proprietario della Fiorentina Rocco Commisso di non dare corso a vecchie intese dell’era Della Valle, vuole tenere il giocatore a Firenze. Per Zaniolo, invece, l’attenzione è sempre alta e Paratici sta per mettere sul piatto anche contropartite tecniche che possono interessare molto. La Roma cerca un portiere e la Juve ha Perin che lascerà il posto al ritorno di Buffon. La Roma deve sostituire Dzeko e la Juventus ha Mandzukic in uscita che potrebbe gradire i giallorossi. Sempre la Roma ha perso Manolas finito a rinforzare la difesa del Napoli, oggi l’affare alle firme, ma ieri ha preso Diawara a circa 18 milioni bonus compresi. Fonseca ha il regista basso che voleva.

Il Napoli con Manolas ha fatto un grosso colpo, con Koulibaly costituiranno una delle coppie più complete in circolazione. Forze fisica, anticipo, velocità e tecnica. L’addio a Diawara consente ora al Napoli di riprendere il discorso per Veretout. Il francese aveva già trovato con il Napoli un’intesa di massima, poi si è inserito il Milan, ma la preferenza resta Napoli. La Fiorentina chiede 25 milioni senza contropartite, ma il Napoli ha Inglese, l’attaccante sul taccuino di Pradè e Montella. Storia da scrivere. Da chiudere invece la storia con il Real per James Rodriguez, ma servono tempi tecnici, sulla bontà dell’acquisto garantisce Jorge Mendes e Ancelotti può stare tranquillo, avrà il suo dieci.

Il Milan, in attesa di certezze sul piano di rientro nel fair play finanziario, ha necessità di fare cassa. Il Psg vuole e non da oggi, Gigio Donnarumma, ma la proposta trenta milioni più Areola non piace. Bocciata. Se parte il portiere il Milan ha intenzione di affidarsi a Pepe Reina mettendo alle sue spalle un altro baby, quell’Alessandro Plizzari, 19 anni, che per molti è più forte o quanto meno non farebbe rimpiangere Donnarumma.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Le risposte della Champions sui progetti delle italiane. Cosa funziona e cosa non va... 19.09 - Un progetto per crescere ha bisogno di tempo. E soprattutto le battute d'arresto (più o meno dolorose) fanno parte del processo. E' necessario mantenere i nervi saldi, la capacità di poter guardare oltre un orizzonte che vada oltre i 90 minuti. Lo dimostra anche questa due giorni...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Conte mai così: che succede? Inter quasi fuori. A Napoli c’è squadra e società: non c’era invece il rigore, e un po’ di tifosi... Juventus: contro l’Atletico già decisiva, ecco perché. Atalanta con obbligo di qualificarsi 18.09 - Non era mai successo di vedere una squadra di Antonio Conte così. Chi scrive segue Conte da vicino da più di una decade, dal suo arrivo a Bari, e certo dalla Juve in poi non è certo un mistero da disvelare. Bene: mai una squadra di Conte aveva giocato in questa maniera, semplicemente...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

La Juve di Sarri (forse) non nascerà, ma Maurizio ha un piano. Milan: il problema di Giampaolo è nell’estate (e il mercato non c’entra). Inter: il lavoro di Marotta e...il pensiero di Conte. Napoli: c'è il Liverpool, alla faccia dei comunicati 17.09 - Buon martedì. Eccoci qui a parlare di calcio. Ho perso al fantacalcio perché hanno annullato il gol a Joao Pedro. Non si fa. Ma veniamo a noi. Il calcio fa ammattire tutti e infatti spuntano le polemiche come funghi. Spunta la polemica su Sarri che parla degli orari di giuoco “e poi...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

A Sarri serve tempo ma Conte non ne concede. Inter concreta ma non bella. Cellino ci riprova con lo stadio... a Cagliari finì male. Samp, tra Vialli e Ferrero perde Di Francesco 16.09 - Se passi da Massimiliano Allegri a Maurizio Sarri devi preventivare che il passaggio possa risultare traumatico e, soprattutto, che ci voglia del tempo. Lo diciamo da due mesi: ai bianconeri, quest'anno, servirà tanta pazienza. Sarri è un allenatore vero e non impari i suoi schemi...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Il caso Mandzukic è chiaro: accetta il Qatar, aspetta la Cina o inguaia la Juventus?  La sicurezza di Koulibaly e la bacchetta magica di Conte. Il Milan riuscirà a ritornare grande? 15.09 - Doveva essere l'attacco di Mauro Icardi e Mario Mandzukic, sarà probabilmente di Gonzalo Higuain e Paulo Dybala. I due argentini erano sul mercato ad agosto, nella speranza di trovare una sistemazione e una plusvalenza. Due motivi diversi per la permanenza: il primo non voleva lasciare...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, Mandzukic verso  il Qatar. Per gennaio ipotesi scambio Emre Can-Rakitic. Inter, per il centrocampo idea Matic. De Paul, oltre alla Fiorentina  attenzione anche al Milan 14.09 - Gennaio è lontanissimo, ma il mercato non si ferma, mai. Anche perché la chiusura della sessione estiva ha lasciato alcune situazioni in sospeso. In casa Juventus ci sono due vicende aperte: Mandzukic e Emre Can. Il futuro dell’attaccante (escluso dalla lista Champions e assente anche...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Sarri seduto su un vulcano. Torna dove perse lo scudetto e chi esclude Matuidi o Rabiot? Khedira o Emre Can? E Dybala? Mandzukic sta in panca o va in Qatar? E Montella rischia già. Conte fra Lautaro e Sanchez 13.09 - Penso a Sarri e ancora una volta ho come la sensazione che esista davvero la Dea Eupalla, come sosteneva il mitico Gianni Brera del quale abbiamo parlato giustamente tanto in questi giorni. O se non esiste, credo che da qualche parte almeno si nasconda un Folletto malizioso capace...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Chi spende e chi vince: non sempre coincide, anzi... le classifiche in Europa e in Italia 12.09 - Manca poco meno di una settimana e poi inizierà anche la Champions League. E le ambizioni delle squadre che parteciperanno i "pronostici" possono arrivare anche da un'analisi economica. E ci viene in aiuto una ricerca fatta dal CIES, pochi giorni fa, che testimonia come la voglia...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

I problemi delle grandi. Juventus: difesa fragile, scontenti rumorosi. Inter: esterni in prova, l’Europa di Conte. Napoli: poca intensità, cazzimma da trovare. Roma: nazionali senza filtro, e senza storia. Milan: poche idee ma confuse 11.09 - Tra le sette piaghe bibliche inflitte all’umanità non c’era ancora la pausa per le Nazionali a settembre solo perché ancora in quel tempo non era iniziato il campionato, ma nell’anno 2019 di grazia del Signore la sosta di inizio settembre si piazza come indice di gradimento esattamente...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Balle da post-mercato: occhio alle fregature. Nazionale: la retorica ci ucciderà. Zhang-DeLaurentiis e la sfida per l’Eca: molto più di una poltrona. 10.09 - Rieccoci. Non è che ci sia molto da dire. Del resto siamo al 43242° giorno di pausa per la nazionale, una calamità capace di uccidere persino taluni virus rari. Durante la pausa per la nazionale c’è talmente poco da dire che il livello di balle raggiunge l’iperuranio. Per dire, il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510