HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
Editoriale

Milan, così non va. Da Gonzalo a Piatek, segnale di debolezza. Visto Muriel? Balata e una Lega B allo sfascio. Lecce, esempio di mercato. Si scrive Juve, si legge Stabia

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
21.01.2019 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 26876 volte

Se la scorsa estate Leonardo e Maldini avessero portato al Milan Piatek al posto di Higuain avrebbero preso 3 su tutte le pagelle del mondo. Arrivò Gonzalo e si sprecarono i 7 per il grande affare fatto con la Juventus, ridando indietro quel pacco vecchio di Bonucci prendendo il futuro della Nazionale, Caldara, e Higuain. Cinque mesi dopo, lo stesso film dobbiamo leggerlo con i sottotitoli in inglese per dargli un significato diverso. Higuain se ne va, dopo aver deluso. Caldara non lo abbiamo mai visto e Bonucci ha ridato ulteriore solidità alla difesa della Juventus. Con il senno del poi siamo tutti bravi, con quello del prima tutti deficienti. Il Milan oggi vuole chiudere per Piatek. Ad agosto non sapevamo neanche chi fosse. 500.000 euro di ingaggio e costato 4 milioni di euro. Gli unici vincitori sono nello scouting del Genoa. E allora ci chiediamo: perché al Genoa hanno questi colpi di classe e al Milan non ci arrivano cinque mesi prima? Oggi paghi 40 milioni (più o meno, tra una cosa e l'altra) un ragazzo che in estate valeva 4 milioni di euro. Passi per i 2 milioni di ingaggio che possono starci. Attenzione: l'età gioca dalla parte di Piatek e, se dovesse confermarsi in rossonero, diremmo che Leonardo ha fatto l'affare del secolo; ma lasciateci qualche perplessità, in ottica presente, per una squadra che deve raggiungere il quarto posto e perde la sua stella. Anche se fosse rimasto Higuain sarebbe servita una punta; oggi che se ne va, ne servirebbero due. Sinceramente servono anche un regista e una mezzala; se ne sono perse le tracce, ma anche numericamente bisogna fare almeno un acquisto. Se Montolivo non viene più considerato da Gattuso idoneo neanche per entrare nello spogliatoio, se Bonaventura ha finito la stagione e non è stato sostituito e se Bertolacci se ne va, o si compra qualcuno oppure si va ad attingere dal centrocampo della Primavera rossonera. La verità è che il duo Leonardo-Maldini, colpa anche del fair play finanziario, sta facendo una fatica pazzesca. In estate sono stati bocciati tutti gli acquisti fatti, oggi addirittura Higuain che era l'unica salvezza delle trattative estive, e a gennaio la coppia dei dirigenti rischia di non centrare neanche un obiettivo: Ibra, Pato, Muriel, Sensi, Duncan... Stiamo, pur sempre, parlando del Milan. Quella società che andava in giro con la pecetta "Il club più titolato al mondo". In tutto ciò, almeno, abbiate la decenza di non dire a Gattuso che il Milan gioca male e soprattutto non chiedetegli il quarto posto. Bonaventura e Biglia infortunati da mesi, Conti, Musacchio e Caldara idem, con il resto della truppa che forse non arriva a fine anno.
Ho goduto, questa domenica, per Muriel e con Muriel. Vederlo, all'esordio a Firenze, e fare subito doppietta è la conferma assoluta che se questo ragazzo decide di dedicarsi solo al calcio è ancora in tempo per spaccare tutto. Luis è così: un fenomeno che non ha mai capito di esserlo. Lo prenderei a calci sette giorni alla settimana perché quando il Signore ti regala un dono devi sfruttarlo al 101%. Muriel non ha mai capito e saputo di essere un fenomeno ed è paradossale che, a fare carriera, sia stato il suo amico Cuadrado e non lui. Alt! Cuadrado è un grande calciatore ma se ha fatto più soldi e più carriera di Muriel è perché uno ha sfruttato la testa, l'altro l'ha lasciata troppo spesso sul comodino. Muriel è uno degli attaccanti più forti al mondo per come attacca gli spazi e la profondità. Corvino ha fatto un gran colpo e, sono certo, che in questi mesi viola, Pioli lo metterà nelle condizioni di superare la doppia cifra.
Tre considerazioni settimanali: la prima di carattere politico. Piange il cuore a vedere lo sfascio nella Lega di serie B. Nei mesi in cui De Siervo inizia a progettare il futuro per la Lega A, Ghirelli fa mille sacrifici per risolvere i problemi della Lega Pro e Gravina sta iniziando a cambiare la Federazione con Brunelli Direttore Generale, non possiamo avere una Lega di B gestita da Mauro Balata. Con il calcio non ha mai avuto contatti direttissimi e ruoli così delicati vanno affidati a professionisti del settore. Il campionato di serie B è diventato, in Italia, il meno considerato. Per fortuna che Dazn fa mille sacrifici e i dirigenti di Dazn sono bravi a sviluppare il prodotto, altrimenti la visibilità di questo campionato sarebbe pari a zero. Balata era stato chiamato in causa, da Lotito, per rinnovare con Sky. Ha trovato porte chiuse a Santa Giulia. A Cosenza, dopo cinque mesi, aspettano ancora la presentazione del calendario. Sarebbe dovuto essere uno show, alla fine, è stato fatto nello stanzino della Lega. E ditemi voi se il secondo campionato italiano di calcio, ogni settimana, può avere "riposa" nel calendario. Quando organizzo le partite a calcetto, se siamo in 9, decido di non giocare. Figuriamoci la B a 19 che cosa può essere. Poi ci lamentiamo che all'estero nessuno vede le partite della serie B italiana. Gli amici di Dazn hanno sia la B italiana sia la B inglese, la Championship, gli chiederei di mandarle in contemporanea per mostrare a Balata la differenza. Un Presidente che subisce e non crea valore non può essere considerato un manager vincente. Finora, dal suo insediamento, ha sbagliato ogni singola mossa e, anche se non è un suo problema, Gravina prima o poi dovrà mettere mano alla Lega B. Così non si può andare avanti. Presidente assente fisicamente e non solo. Perdere Bedin è stato un grave errore e, addirittura, Balata ci sta facendo rimpiangere Andrea Abodi. L'ex numero 1 della serie B sbagliava, ma almeno faceva. Qui siamo di fronte a disastri continui e, non è un caso, che i dipendenti della Lega si lamentino del proprio Presidente.
Tornando al calcio, due considerazioni su due società del Sud. In serie B vanno fatti i complimenti al Lecce che dimostra con i fatti di puntare alla promozione in serie A. Le chiacchiere le porta via "lu ientu". Aver trattenuto Lucioni e aver sottratto Tuminello al Pescara, diretta concorrente, ha fatto conquistare punti alla società e ha dato credibilità al "grande sogno giallorosso". Liverani è l'uomo giusto per una piazza che merita la serie A; perché aver visto il Lecce tanti anni in C, e anche adesso in B, è come andare nel miglior lido di Gallipoli e trovare sdraio e ombrelloni rotti. Lecce e Benevento sono le società che meritano la promozione. Palermo e Verona hanno grandi tifoserie alle spalle ma nel tempo entrambe hanno dimostrato che hanno ancora numerose lacune societarie. Ed è giusto che salga chi merita.
In serie A si scrive Juve e si legge Juventus, in serie C si scrive Juve e si legge Stabia. Altro che Juve B, in Lega Pro. Lo spettacolo juventino è di sede a Castellammare. 0-4 a Viterbo, grande calcio, cinismo e concretezza. Senza spendere l'ira di Dio, anzi, dando grande continuità al progetto dello scorso anno. Bravo il Presidente ad aver indovinato gli uomini giusti. Caserta in panchina e Polito alla scrivania. Fare calcio, al Sud, non è semplice. Questi ragazzi, in poco tempo, sono passati da fare i calciatori ad essere mister e direttore, rispettivamente. Chi fa la gavetta e vince giocando anche bene merita la promozione. La Juve Stabia è uno spettacolo prestato alla serie C. Parlare senza sapere è per tutti, parlare conoscendo è per pochi. La Viterbese è stata annullata dalle vespe. Punta e ammazzata. Camilli, per settimane, ha minacciato di ritirare la squadra se non avesse fatto il girone che diceva lui. Piuttosto che minacciare, pensi alle figure che rimedia contro gli avversari che lui stesso si è scelto. Una società basata e impiantata solo sulla bravura del suo DG, Diego Foresti, e non sulla follia di Camilli.
Dicevamo della Juve della Campania. Prendi Torromino a gennaio, ridai valore a Troest in difesa dopo la retrocessione di Novara, punti su Canotto e Melara e scommetti su El Ouazni. Regia affidata a Calò e squadra che con il 4-3-3 ormai si trova a meraviglia. Lo scorso anno Caserta andò, parzialmente, in confusione quando non riusciva a far coesistere Simeri e Paponi. Di fatto o giocava l'uno o l'altro perché entrambi sono prima punta e metterli esterni sarebbe stata, e lo fu, una forzatura. Caserta ha dimostrato intelligenza e crescita professionale. Oggi la Juve Stabia deve continuare di questo passo e riconquistare una serie B che il campo sta dicendo di essere più che meritata.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, è Lukaku la prima scelta se parte Icardi. Dzeko e Zapata le altre ipotesi. Juventus, per il centrocampo si continua a monitorare Ndombele del Lione. Svolta Mertens, l’attaccante belga ora potrebbe rimanere. Giuntoli al lavoro per Callejon 13.04 - La fine del campionato è dietro l’angolo e una decisione deve essere presa per forza. La svolta tra l’Inter e Icardi sta per arrivare. L’addio resta l’ipotesi più probabile ma non scontata. Icardi è un grande bomber, ha 26 anni e ora più che mai è un’occasione di mercato per tante...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve, il Real vuole Kean. De Ligt, passi avanti. Conte, scatto della Roma. Un piano con Faggiano come ds. L’ombra del Qatar. Ma l’Inter vuole chiudere in fretta. Skriniar rinnova, Chiesa più lontano. Pioli-Fiorentina alle carte bollate 12.04 - La Juve deve fare in fretta a rinnovare il contratto di Moise Kean in scadenza fra un anno. Dopo la raffica di gol e le capacità tecniche e fisiche messe in mostra dal ragazzo del 2000, mezza Europa lo sta monitorando, ma in particolare è scattata l’attenzione del Real Madrid. Zidane...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la legge di CR7 e le panchine che cambiano in Serie A 11.04 - Tiene duro la Juventus, CR7 ci mette sempre la sua firma per un gol che fra una settimana potrebbe valere moltissimo. La Juve tocca con mano la freschezza dei giovani talenti olandesi, ma ha assolutamente imparato la lezione impartita al Real Madrid negli ottavi di finale. Non ha...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

L’assenza di Chiellini è più pesante di quella di Cristiano Ronaldo. Ma è la Champions della Juventus: anche così Allegri può vincere. Conte dentro, Icardi fuori: perché l’Inter deve decidersi, e presto 10.04 - Senza Chiellini contro l’Ajax non mancherà solo uno dei migliori tre difensori del mondo. Mancherà il condottiero, ancora prima che il capitano, quello che è capace di trascinare l’esercito fuori dal fuoco di fila. Si teme uno stop che possa includere anche il ritorno, ma il Chiello...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Inter: Conte in avvicinamento (e non arriva da solo...). Milan: la "finale" di Gattuso e un futuro già scritto. Juve: le polemiche e il campionato vinto a ottobre. Salvate il Var dagli arbitri! 09.04 - Parto con una primizia: lo scudetto è andato, assegnato, lo vince la Juve. Sarà per quei 323423423 punti di vantaggio sulla seconda. E allora parliamo d'altro, di una roba noiosa ma che ci tocca affrontare: parliamo di arbitri. E di Var. E di arbitri al Var. E di designatori che mandano...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Retroscena Kean: quando a gennaio doveva essere ceduto per 20 milioni. Gattuso non fa miracoli. Rosa corta e inadeguata. Mercato: Inter in "Paul". Napoli, Ancelotti "vede" Pussetto e Perisic fa le valigie per l'Inghilterra 08.04 - Accostarlo oggi al Frosinone sembrerebbe follia ma se a gennaio si parlava di Moise Bioty Kean in Ciociaria non c'era nulla di sconvolgente. Il ragazzo non giocava, aveva bisogno di minuti e Raiola, con Capozucca, mise in piedi un'operazione già battezzata dalla Juventus. Una sorta...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510