HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2019/2020?
  Liverpool
  Paris Saint-Germain
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Tottenham
  Manchester City
  Juventus
  Atletico Madrid
  Napoli
  Borussia Dortmund
  Barcellona
  Inter
  Chelsea
  Ajax

La Giovane Italia
Editoriale

Pepe’ al Napoli, c’e’ l’accordo col Lille per 80 milioni. James, ci pensa Mendes. Dybala-Higuain, adesso chi parte? Offerta del Tottenham per la Joya, ma Sarri lo pensa falso nove. Dzeko, ci siamo. Lukaku, ultima settimana

26.07.2019 07:23 di Enzo Bucchioni   articolo letto 67758 volte
© foto di Federico De Luca

Il grande giro degli attaccanti sta per cominciare e a muovere la prima pedina potrebbe essere il Napoli che sta cercando di chiudere per l’ivoriano Pepè, del Lille, 24 anni. I suoi agenti ieri erano a Dimaro, hanno voluto parlare anche con Ancelotti per capire ogni dettaglio, compresa la collocazione tecnico-tattica del giocatore, prima di prendere la decisione finale. Il Napoli avrebbe infatti già in mano un accordo di massima con il Lille al quale andrebbero ottanta milioni (15 per cento all’Angers che ha lanciato Pepe’), una parte dei quali cash, un’altra in una rosa di giocatori da scegliere, messi a disposizione del Napoli e ancora da valutare. Il più probabile e gradito dovrebbe essere Ounas valutato 20 milioni.

Per chiudere l’operazione resta da convincere Pepè al quale sono stati proposti cinque milioni di euro per cinque anni di contratto più una commissione agli agenti di altri cinque milioni. Non sarà facile. Ma restano alla finestra anche il Manchester e l’Inter che su Pepè hanno gli occhi da tempo.

Il Manchester ha pensato all’ivoriano per sostituire Lukaku in procinto di passare all’Inter, mentre l’Inter ha pensato a Pepè qualora non dovesse arrivare al belga. Ora il Napoli è in netto vantaggio, c’è l’ok di Ancelotti e se arriverà in tempi stretti l’ok del giocatore, il Napoli avrebbe sistemato anche l’attacco. Con Milik, incedibile per Ancelotti, Pepè potrebbe far coppia anche in un classico 4-4-2 e non solo essere un’alternativa o un esterno del 4-2-3-1. Perché questa accelerata su Pepè? Probabilmente perché Giuntoli ha visto troppe difficoltà per arrivare a Icardi. L’Inter non è disposta a svendere (servono sessanta milioni) e Icardi non sarebbe stato un partner ideale per Milik, ma soltanto un’alternativa. Comunque l’opzione resta valida se non dovesse dire sì Pepè anche se nell’ambiente azzurro c’è molta fiducia.

Fiducia anche per James Rodriguez nonostante le fibrillazioni spagnole. Per il Real è sempre in vendita nonostante il grave ko di Asensio e il Napoli è tranquillo. Ha in mano da tempo il sì del giocatore e una garanzia: il super agente Mendes. E’ lui che sta lavorando come ponte fra due poli che non si attraggono, Florentino Perez e De Laurentiis. Il primo vuole vendere, il secondo chiede il prestito. Mendes sta mettendo in piedi una proposta buona per entrambi, basta dargli tempo.

Di tempo ha bisogno anche la Juve per capire come e dove sistemare troppi attaccanti in esubero. E nessuno vuole lasciare la Juve.

Higuain, ad esempio, ha ribadito di voler restare in bianconero respingendo le avances e la trattativa con la Roma. Solo questione di soldi e di buon’uscite? Assai probabile, ma il Pipita va convinto. E anche se qualcuno lo vedrebbe bene come spalla di Ronaldo, la decisione è presa. Da Higuain la Juve si aspetta una trentina di milioni per ammortizzare le perdite dai 93 milioni pagati tre anni fa al Napoli.

Sembrava in rampa di lancio anche Dybala, l’offerta del Tottenham (90 milioni) da far tremare, ma anche la Joya ha detto no. Vuole rimanere alla Juve e diventa interessante la sua nuova posizione, Sarri infatti lo vede come falso nove, il centroavanti di movimento in grado di dialogare con Ronaldo, ma anche capace di andare in gol. Una nuova sfida in stile Mertens che affascina Dybala. Siamo certi che nuove proposte non lo metteranno in difficoltà e resisterà sui suoi no? Vediamo. Per ora no anche di Kean, corteggiato dall’Everton. La Juve prima vuol rinnovare il contratto in scadenza al giovane attaccante già nel giro della Nazionale, per poi mandarlo a giocare. La soluzione più gradita, però, sarebbe l’Italia, ma uno scambio con Icardi è giudicato inammissibile dall’Inter che invece gradirebbe Dybala. Tutto bloccato.

A proposito di Inter, con Pepè verso il Napoli, Marotta deve stringere per Dzeko e Lukaku. Ha avuto l’ok dei cinesi, si sta muovendo per la stretta finale. Non vuol dire nulla se la Roma ha fatto giocare Dzeko con la fascia di capitano, solo un modo per ribadire che il bosniaco costa venti milioni perché ritenuto importante. L’Inter non li vuol pagare tutti, poco più della metà, ma si aspetta soprattutto l’ok di Higuain. Se non arriva Higuain non parte Dzeko.

Per Lukaku ballano cinque milioni, da 75 a 80, e una quadra sarà trovata nella prossima settimana visto che il mercato inglese chiuderà nella prima decade d’agosto. Ora o mai più, anche se nelle ultime ore c’e’ da registrare un inserimento della Juve sul giocatore, una bella e buona manovra di disturbo Così Marotta, nel frattempo, è tornato a pensare a Federico Chiesa che è da sempre nel mirino Juve, bloccato da Rocco Commisso nuovo proprietario della Fiorentina, che lo ritiene incedibile, ma comunque al centro di una vicenda che non ha ancora la parola fine.

Se Chiesa dovesse chiedere di essere ceduto in maniera forte e chiara, comunque l’Inter c’è perché Marotta sta cercando di piazzare Perisic che non piace a Conte come esterno tutta fascia e pure Politano che non è sicuramente un pallino dell’allenatore. Con queste risorse in mano Marotta ora in stand by potrebbe puntare su Chiesa se dovessero esserci le condizioni giuste.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Conte mai così: che succede? Inter quasi fuori. A Napoli c’è squadra e società: non c’era invece il rigore, e un po’ di tifosi... Juventus: contro l’Atletico già decisiva, ecco perché. Atalanta con obbligo di qualificarsi 18.09 - Non era mai successo di vedere una squadra di Antonio Conte così. Chi scrive segue Conte da vicino da più di una decade, dal suo arrivo a Bari, e certo dalla Juve in poi non è certo un mistero da disvelare. Bene: mai una squadra di Conte aveva giocato in questa maniera, semplicemente...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

La Juve di Sarri (forse) non nascerà, ma Maurizio ha un piano. Milan: il problema di Giampaolo è nell’estate (e il mercato non c’entra). Inter: il lavoro di Marotta e...il pensiero di Conte. Napoli: c'è il Liverpool, alla faccia dei comunicati 17.09 - Buon martedì. Eccoci qui a parlare di calcio. Ho perso al fantacalcio perché hanno annullato il gol a Joao Pedro. Non si fa. Ma veniamo a noi. Il calcio fa ammattire tutti e infatti spuntano le polemiche come funghi. Spunta la polemica su Sarri che parla degli orari di giuoco “e poi...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

A Sarri serve tempo ma Conte non ne concede. Inter concreta ma non bella. Cellino ci riprova con lo stadio... a Cagliari finì male. Samp, tra Vialli e Ferrero perde Di Francesco 16.09 - Se passi da Massimiliano Allegri a Maurizio Sarri devi preventivare che il passaggio possa risultare traumatico e, soprattutto, che ci voglia del tempo. Lo diciamo da due mesi: ai bianconeri, quest'anno, servirà tanta pazienza. Sarri è un allenatore vero e non impari i suoi schemi...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Il caso Mandzukic è chiaro: accetta il Qatar, aspetta la Cina o inguaia la Juventus?  La sicurezza di Koulibaly e la bacchetta magica di Conte. Il Milan riuscirà a ritornare grande? 15.09 - Doveva essere l'attacco di Mauro Icardi e Mario Mandzukic, sarà probabilmente di Gonzalo Higuain e Paulo Dybala. I due argentini erano sul mercato ad agosto, nella speranza di trovare una sistemazione e una plusvalenza. Due motivi diversi per la permanenza: il primo non voleva lasciare...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, Mandzukic verso  il Qatar. Per gennaio ipotesi scambio Emre Can-Rakitic. Inter, per il centrocampo idea Matic. De Paul, oltre alla Fiorentina  attenzione anche al Milan 14.09 - Gennaio è lontanissimo, ma il mercato non si ferma, mai. Anche perché la chiusura della sessione estiva ha lasciato alcune situazioni in sospeso. In casa Juventus ci sono due vicende aperte: Mandzukic e Emre Can. Il futuro dell’attaccante (escluso dalla lista Champions e assente anche...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Sarri seduto su un vulcano. Torna dove perse lo scudetto e chi esclude Matuidi o Rabiot? Khedira o Emre Can? E Dybala? Mandzukic sta in panca o va in Qatar? E Montella rischia già. Conte fra Lautaro e Sanchez 13.09 - Penso a Sarri e ancora una volta ho come la sensazione che esista davvero la Dea Eupalla, come sosteneva il mitico Gianni Brera del quale abbiamo parlato giustamente tanto in questi giorni. O se non esiste, credo che da qualche parte almeno si nasconda un Folletto malizioso capace...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Chi spende e chi vince: non sempre coincide, anzi... le classifiche in Europa e in Italia 12.09 - Manca poco meno di una settimana e poi inizierà anche la Champions League. E le ambizioni delle squadre che parteciperanno i "pronostici" possono arrivare anche da un'analisi economica. E ci viene in aiuto una ricerca fatta dal CIES, pochi giorni fa, che testimonia come la voglia...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

I problemi delle grandi. Juventus: difesa fragile, scontenti rumorosi. Inter: esterni in prova, l’Europa di Conte. Napoli: poca intensità, cazzimma da trovare. Roma: nazionali senza filtro, e senza storia. Milan: poche idee ma confuse 11.09 - Tra le sette piaghe bibliche inflitte all’umanità non c’era ancora la pausa per le Nazionali a settembre solo perché ancora in quel tempo non era iniziato il campionato, ma nell’anno 2019 di grazia del Signore la sosta di inizio settembre si piazza come indice di gradimento esattamente...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Balle da post-mercato: occhio alle fregature. Nazionale: la retorica ci ucciderà. Zhang-DeLaurentiis e la sfida per l’Eca: molto più di una poltrona. 10.09 - Rieccoci. Non è che ci sia molto da dire. Del resto siamo al 43242° giorno di pausa per la nazionale, una calamità capace di uccidere persino taluni virus rari. Durante la pausa per la nazionale c’è talmente poco da dire che il livello di balle raggiunge l’iperuranio. Per dire, il...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Adesso inizia il campionato. Figc-Lega, aria di bufera. Gli inglesi ci copiano. La tv della Lega, da sogno a (quasi) realtà 09.09 - Il vero campionato inizierà nel week end. Come sempre le Nazionali rovinano tutto e le prime due giornate vengono considerate "fase di rodaggio" poi si è chiuso il mercato e solo ora, tra infrasettimanali e Coppe, si parte seriamente. Dove la classifica inizierà, lentamente, a prendere...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510