HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Politano verso il Napoli, è l'acquisto giusto?
  Sì, dà un'alternativa all'irriconoscibile Callejon dell'ultimo periodo
  No, al Napoli sarebbe servito un giocatore diverso
  No, il campionato azzurro è compromesso, a prescindere dagli arrivi

La Giovane Italia
Editoriale

Prima Marotta, poi Barella: ieri l'Inter ha risposto due volte a Conte (che è in una botte di ferro). Ma nel mirino c'era soprattutto il mercato: a gennaio Ausilio dovrà 'alzare i giri del motore'

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Politica presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
10.11.2019 08:11 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 49465 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Trentuno punti in dodici partite. Solo cinque lasciati per strada, di cui tre contro la Juventus. Il primo scorcio di Serie A dell'Inter di Antonio Conte si chiude con numeri da squadra che vuole lottare fino alla fine per la conquista dello Scudetto. Vuole provarci, anche a costo di sacrificare una Champions compromessa dopo quanto accaduto martedì sera al Signal Iduna Park. Una gara persa quando tutto portava in un'altra direzione, persa al termine di un secondo tempo orribile che ha vanificato una prima frazione pressoché perfetta. Forse anche per mascherare i suoi errori, per non parlare dell'assenza di un piano B quando la squadra va in evidente difficoltà, nel post-gara Antonio Conte ha dato vita a una conferenza stampa incandescente. In cui l'allenatore, forte di una posizione di forza, ha provocato senza mezze misure la società e anche la squadra.

La prima provocazione (a cui ieri ha risposto Marotta) - "Quello di martedì non è stato uno sfogo", ha detto sabato pomeriggio Antonio Conte che, alla vigilia della sfida contro l'Hellas Verona, ha ripetuto con più serenità gli stessi concetti esternati qualche giorno prima. In realtà, quanto avvenuto nella sala stampa del Westfalenstadion è stato molte cose. E' stato anche un attacco alle ambizioni della società, che in estate ha assecondato come nessun altro club le richieste del suo allenatore e che, agli albori di novembre, è stato tacciato di superficialità. E' stato accusato di non avere la stessa fame di vittoria del suo allenatore, nonostante il presidente Zhang pochi giorni fa abbia detto tutt'altro.
E allora ecco Giuseppe Marotta, che ha ribadito i concetti espressi dal numero uno dell'Inter nell'ultima Assemblea degli Azionisti. Con toni distensivi, da dirigente navigato: "Siamo sulla stessa lunghezza d'onda. La dirigenza è allineata con tutto quello che ha detto ma ci vuole un attimo di tempo".

La seconda provocazione (a cui ieri ha risposto Barella) - "A chi dobbiamo chiedere qualcosa in più? A Nicolò Barella che arriva dal Cagliari? A Sensi, acquistato dal Sassuolo?" Nell'ormai famoso post Borussia-Inter, Conte ha messo in dubbio la capacità del suo gruppo - composto da giocatori con poca esperienza europea - di incidere nelle gare che contano. Era un attacco diretto alla società per il mercato estivo (di cui parlerò più avanti), ma anche una provocazione non troppo velata alla squadra, che martedì sera nella seconda parte s'è consegnata nelle mani dei suoi avversari.
Per il suo allenatore, la squadra a Dortmund ha perso la testa. E' andata in apnea, col fiato ma anche con la testa. Un black-out evidente a cui il gruppo nerazzurro ha risposto con la prestazione di ieri. Di grande volontà, ma soprattutto di rara lucidità. La squadra in una gara molto delicata (perché dopo un ko, perché prima di una sosta) è riuscita a ribaltare un match che s'era incanalato su altri binari. L'ha fatto meritatamente, l'ha fatto continuando a produrre il suo gioco anche quando il gol non arrivava, nonostante le tante occasioni prodotte. L'ha fatto, soprattutto, con l'eurogol di Nicolò Barella. Uno splendido tiro a giro che aveva più o meno questo significato: "Si, puoi chiederlo a me".

Ma Antonio Conte è in una botte di ferro... - Prima di parlare dell'ultima provocazione, una digressione scontata ma quasi doverosa. Perché l'attacco non è stato visto dall'amministratore delegato come un attacco? Perché Marotta ha risposto solo ieri e l'ha fatto senza cavalcare in alcun modo la polemica? Perché l'ad nerazzurro ha scelto Conte per dare una scossa a tutto l'ambiente, a tutta la società. Lo conosce benissimo, sa come pensa e come agisce. E l'ha messo nelle condizioni migliori per agire, costruendogli un botte di ferro rappresentata dal suo contratto: triennale da undici milioni di euro a stagione. A queste cifre è follia anche solo valutare un esonero. Per intenderci, il secondo allenatore più pagato della Serie A guadagna la metà. E Maurizio Sarri non è certo l'ultimo arrivato.

... E a gennaio a rispondere dovrà essere Ausilio - "Mi sono fidato e forse in alcune situazioni ho sbagliato a fidarmi". E ancora: "In estate siamo stati troppo superficiali". Oppure, come se non bastasse: "Quando siamo nel privato i dirigenti sono i primi a riconoscere che alcune situazioni potevano essere fatte meglio". Non c'è dubbio che gli attacchi più pesanti Antonio Conte li abbia riservati a chi si occupa del mercato. A chi ha sottovalutato le insidie di una stagione che per Conte è stata affrontata con una rosa numericamente non all'altezza. L'ha fatto senza mezzi termini, l'ha detto per lanciare anche un messaggio sottinteso ma non per questo meno chiaro: se l'Inter uscirà dalla Champions al termine della fase a gironi, lo farà perché non aveva una squadra adeguata a una campagna europea da protagonista. Messaggi a chi quel mercato lo dirige. A quel Piero Ausilio che a gennaio sarà chiamato ad 'alzare i giri del motore' per evitare di finire sul banco degli imputati qualora le cose non dovessero andare per il verso giusto.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Inter, i castelli non si costruiscono in sei mesi. Marotta show. Espellete l'Atalanta dalla serie A. Vile attacco alla LND, fuori dal campo 27.01 - Cosa puoi rimproverare all'Inter di oggi? Nulla. Semplicemente nel calcio ci vogliono tempo, pazienza, sacrificio ed equilibrio. Anche se porti Conte sulla panchina e Marotta a dirigere l'orchestra, non puoi pensare di vincere subito e scalfire la leadership della Juventus che vince...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Inter da 30, manca la lode con Giroud. La Juventus ha già fatto abbastanza, mentre il Milan deve capire cosa vuol fare da grande 26.01 - L'Inter era reduce dal mercato più costoso della propria esistenza. E ha deciso di rilanciare il guanto di sfida alla Juventus, tentando di dare una profondità di rosa che l'avversario ha già. Perché se è vero che è andato via Valentino Lazaro e che farà la stessa cosa con Matteo...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Eriksen a inizio settimana a Milano. Politano al Napoli. Conte avrà Giroud. Juventus, arriva Kurzawa con De Sciglio al PSG. Emre Can, il Borussia Dortmund pronto all’’assalto. La Roma prende Carles Perez 25.01 - Ormai è tutto fatto. Piccoli dettagli. Eriksen sarà un giocatore dell’Inter. A inizio settimana il centrocampista danese sarà a Milano per le visite mediche e la firma su un contratto di quattro anni e mezzo. Un’operazione che alla fine all’Inter costerà una cifra vicina ai 20 milioni...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Eriksen domenica a San Siro col Cagliari. Ora Llorente o Giroud. E Marotta non molla Allan. Politano e Mateta al Napoli, via Mertens e Callejon. Juve, cinquanta milioni per Tonali. Milan, Paquetà vuole il Psg. Roma su Januzaj e Mandragora 24.01 - Eriksen farà di tutto per vedere l’Inter dal vivo già domenica prossima, vuol essere a San Siro per la gara contro il Cagliari per inserirsi prima possibile nel mondo nerazzurro. Il danese è il colpo di gennaio, l’uomo di classe e di esperienza internazionale che può avvicinare l’Inter...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Politano Napoli, avanti con decisione: spunta anche Llorente. Via vai in casa Milan, la Fiorentina e le nuove idee. Due ritorni in difesa per Genova... 23.01 - Un'altra trattativa che procede spedita. E ancora una volta Politano protagonista. Dopo l'affare saltato con la Roma è il Napoli a farsi sotto con grandissima decisione. E dopo le chiacchierate al telefono (pre e post partita di coppa) il Napoli è passato ai fatti. Incontro con l'Inter...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

L’Inter alza l’offerta per Eriksen: 18 milioni. Apertura Spurs, ecco i dettagli. Altro che Politano, la Roma è già su Shaqiri. Manovre estere: Manchester United con 55 milioni per Bruno Fernandes 22.01 - Ci siamo. L’Inter avanza su più fronti per chiudere con manovra a tenaglia su Eriksen. Prima sul giocatore: accordo totalmente raggiunto, male che vada il danese arriverebbe a giugno. Ma soprattutto con il Tottenham, per avere Eriksen subito. E per questo l’Inter ha presentato una...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: una (non) novità di mercato e l'idea di Sarri su Ronaldo. Inter: la cifra per Eriksen, il piano per Moses e... un po' di calma. Milan: Ibra ma non solo Ibra. Napoli: sta accadendo qualcosa di grottesco 21.01 - Dieci giorni e finisce il mercato. Se questa notizia vi intristisce avete un problema. Procediamo. L’Inter ha giocato una partita discretamente brutta a Lecce. I padroni di casa hanno alzato le barricate in modo intelligente ed efficace, i loro avversari non hanno trovato alternative...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Marotta-Ausilio, una decisione per il bene dell'Inter. Napoli, crisi senza fine. Milan a 2 punte: serviva anche la fortuna. Lazio, che show 20.01 - Secondo pareggio di fila, questa volta più indigesto rispetto a quello precedente con l'Atalanta. Il Lecce si conferma fermagrandi. Al Via del Mare, dopo la Juventus, non passa neanche l'Inter. I problemi, però, restano. Per la corsa al titolo questi due punti pesano. Eccome. La settimana...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il naufragio della trattativa tra Inter e Roma è la triste fotografia di questo mercato. Le lacrime di Politano, lo sguardo di Spinazzola e il peso dei giocatori nel calcio di oggi 19.01 - Matteo Politano, con la sciarpa della Roma, aveva un sorriso grande come un sogno. Sulla pelle un tatuaggio: Matteo bambino, la sedici sulle spalle troppo larga per contenere tutte le speranze. Ai piedi un Super Santos, davanti San Pietro. Davanti Roma, casa, terra premessa e ora...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, Eriksen in dirittura d’arrivo, accelerata per Moses. Lazaro in uscita, Vecino ha mercato in Premier. Il Milan pensa a Olmo per il dopo Suso. Il Napoli insiste per Amrabat, Llorente e Ghoulam restano 18.01 - L’Inter è sempre più vicina ad Eriksen. Il giocatore ha già comunicato al Tottenham di volere andare via a gennaio e ha scelto il club nerazzurro. La cena di mercoledì sera tra Marotta e il suo agente ha suggellato definitivamente l’operazione. Ora serve solo limare un po’ la distanza...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510