HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Il Napoli esonera Ancelotti e punta su Gattuso. Decisione giusta?
  Giusto cambiare, e Gattuso è la scelta giusta
  Giusto cambiarlo, ma Ancelotti non andava sostituito con Gattuso
  Sbagliata: bisognava andare avanti con Ancelotti

La Giovane Italia
Editoriale

Prima Marotta, poi Barella: ieri l'Inter ha risposto due volte a Conte (che è in una botte di ferro). Ma nel mirino c'era soprattutto il mercato: a gennaio Ausilio dovrà 'alzare i giri del motore'

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Politica presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
10.11.2019 08:11 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 49269 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Trentuno punti in dodici partite. Solo cinque lasciati per strada, di cui tre contro la Juventus. Il primo scorcio di Serie A dell'Inter di Antonio Conte si chiude con numeri da squadra che vuole lottare fino alla fine per la conquista dello Scudetto. Vuole provarci, anche a costo di sacrificare una Champions compromessa dopo quanto accaduto martedì sera al Signal Iduna Park. Una gara persa quando tutto portava in un'altra direzione, persa al termine di un secondo tempo orribile che ha vanificato una prima frazione pressoché perfetta. Forse anche per mascherare i suoi errori, per non parlare dell'assenza di un piano B quando la squadra va in evidente difficoltà, nel post-gara Antonio Conte ha dato vita a una conferenza stampa incandescente. In cui l'allenatore, forte di una posizione di forza, ha provocato senza mezze misure la società e anche la squadra.

La prima provocazione (a cui ieri ha risposto Marotta) - "Quello di martedì non è stato uno sfogo", ha detto sabato pomeriggio Antonio Conte che, alla vigilia della sfida contro l'Hellas Verona, ha ripetuto con più serenità gli stessi concetti esternati qualche giorno prima. In realtà, quanto avvenuto nella sala stampa del Westfalenstadion è stato molte cose. E' stato anche un attacco alle ambizioni della società, che in estate ha assecondato come nessun altro club le richieste del suo allenatore e che, agli albori di novembre, è stato tacciato di superficialità. E' stato accusato di non avere la stessa fame di vittoria del suo allenatore, nonostante il presidente Zhang pochi giorni fa abbia detto tutt'altro.
E allora ecco Giuseppe Marotta, che ha ribadito i concetti espressi dal numero uno dell'Inter nell'ultima Assemblea degli Azionisti. Con toni distensivi, da dirigente navigato: "Siamo sulla stessa lunghezza d'onda. La dirigenza è allineata con tutto quello che ha detto ma ci vuole un attimo di tempo".

La seconda provocazione (a cui ieri ha risposto Barella) - "A chi dobbiamo chiedere qualcosa in più? A Nicolò Barella che arriva dal Cagliari? A Sensi, acquistato dal Sassuolo?" Nell'ormai famoso post Borussia-Inter, Conte ha messo in dubbio la capacità del suo gruppo - composto da giocatori con poca esperienza europea - di incidere nelle gare che contano. Era un attacco diretto alla società per il mercato estivo (di cui parlerò più avanti), ma anche una provocazione non troppo velata alla squadra, che martedì sera nella seconda parte s'è consegnata nelle mani dei suoi avversari.
Per il suo allenatore, la squadra a Dortmund ha perso la testa. E' andata in apnea, col fiato ma anche con la testa. Un black-out evidente a cui il gruppo nerazzurro ha risposto con la prestazione di ieri. Di grande volontà, ma soprattutto di rara lucidità. La squadra in una gara molto delicata (perché dopo un ko, perché prima di una sosta) è riuscita a ribaltare un match che s'era incanalato su altri binari. L'ha fatto meritatamente, l'ha fatto continuando a produrre il suo gioco anche quando il gol non arrivava, nonostante le tante occasioni prodotte. L'ha fatto, soprattutto, con l'eurogol di Nicolò Barella. Uno splendido tiro a giro che aveva più o meno questo significato: "Si, puoi chiederlo a me".

Ma Antonio Conte è in una botte di ferro... - Prima di parlare dell'ultima provocazione, una digressione scontata ma quasi doverosa. Perché l'attacco non è stato visto dall'amministratore delegato come un attacco? Perché Marotta ha risposto solo ieri e l'ha fatto senza cavalcare in alcun modo la polemica? Perché l'ad nerazzurro ha scelto Conte per dare una scossa a tutto l'ambiente, a tutta la società. Lo conosce benissimo, sa come pensa e come agisce. E l'ha messo nelle condizioni migliori per agire, costruendogli un botte di ferro rappresentata dal suo contratto: triennale da undici milioni di euro a stagione. A queste cifre è follia anche solo valutare un esonero. Per intenderci, il secondo allenatore più pagato della Serie A guadagna la metà. E Maurizio Sarri non è certo l'ultimo arrivato.

... E a gennaio a rispondere dovrà essere Ausilio - "Mi sono fidato e forse in alcune situazioni ho sbagliato a fidarmi". E ancora: "In estate siamo stati troppo superficiali". Oppure, come se non bastasse: "Quando siamo nel privato i dirigenti sono i primi a riconoscere che alcune situazioni potevano essere fatte meglio". Non c'è dubbio che gli attacchi più pesanti Antonio Conte li abbia riservati a chi si occupa del mercato. A chi ha sottovalutato le insidie di una stagione che per Conte è stata affrontata con una rosa numericamente non all'altezza. L'ha fatto senza mezzi termini, l'ha detto per lanciare anche un messaggio sottinteso ma non per questo meno chiaro: se l'Inter uscirà dalla Champions al termine della fase a gironi, lo farà perché non aveva una squadra adeguata a una campagna europea da protagonista. Messaggi a chi quel mercato lo dirige. A quel Piero Ausilio che a gennaio sarà chiamato ad 'alzare i giri del motore' per evitare di finire sul banco degli imputati qualora le cose non dovessero andare per il verso giusto.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Atalanta, sei una vera Dea. A Napoli, Gattuso e a capo. E Ibra che tiene tutti in bilico 12.12 - L'impresa dell'Atalanta ce la ricorderemo a lungo. Intanto perché è praticamente unica: provate voi a qualificarvi agli ottavi di finale dopo che nelle prime 4 partite avete messo insieme un solo punto. Dopo che il conto della competizione più importante d'Europa te lo hanno presentato...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ancelotti esonerato! Date i braccioli a Gattuso, perché la società affonda. L’Inter non ha attenuanti, quello che manca (ancora) a Conte. Sarri nel sacco di Inzaghi, come sempre: la Juventus può aiutare l’allenatore? 11.12 - Nella maniera più cruda e crudele, il Napoli alle 23.39 annuncia l’esonero di Carlo Ancelotti. Lui non si sarebbe mai dimesso, anche se oltre che dal club era arrivata anche la sfiducia dell’intero spogliatoio, sentitosi abbandonato a torto o a ragione dalla notte dell’ammutinamento....

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: il processo a Sarri nasconde i veri responsabili (ma non chiamiamola crisi...). Inter, il giorno più importante: in ballo ottavi e il nome "grosso" per gennaio. Milan: due (inattesi) valori aggiunti. Ibra: occhio alle sorprese 10.12 - Oggi procediamo con dei pensierini a caso. 1)      Messi salta Inter-Barcellona. Ottima notizia per Conte e per l’Inter, ovvio. Quanto al resto dell'ampio turnover, occhio: fa più paura un rincalzo che ha bisogno di visibilità di un titolare in gita di piacere. 2)      Conte...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Sarri, l'Immacolata e il primo giro di boa. Insigne, tempo scaduto. Fiorentina a pezzi. Spal, il problema non è... Semplici 09.12 - Silenzio. Stai a vedere che quest'anno non consegniamo lo scudetto, alla Juventus, a marzo e forse forse ci divertiamo un po' anche per la lotta al titolo. Un primo dato è, quasi, certo. Aveva ragione Max Allegri che vince anche quando non gioca.... vincente! Lo spettacolo non conta...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il preoccupante segnale Juve, crollata dopo l'uscita di Bentancur. La coperta corta dell'Inter che sogna a gennaio, il crollo del ciclo finito a Napoli. Fonseca e una nuova Roma, la Lazio che vuol fare il Leicester 08.12 - Sono stati due giorni densi di spunti di riflessione. L'apertura con l'Inter che patisce i freddi d'inverno con una coperta troppo corta per l'alta quota, o quanto meno per non andare in ipotermia da brame di gloria senza cadere. Fa bene Antonio Conte a chiedere, gli servono quantità...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, Cristiano Ronaldo resta almeno fino al 2021 e fissa gli obiettivi: Champions League e Pallone d’Oro. Per Demiral pronta l’offerta del Milan. Marotta e Paratici, che sfida per Tonali a giugno. Il Real Madrid su Koulibaly 07.12 - Ormai manca meno di un mese all’inizio del mercato e le strategie cominciano ad essere chiare. Parto dal futuro di Cristiano Ronaldo. Resterà sicuramene anche l’anno prossimo alla Juventus. Poi a fine 2021 farà le sue valutazioni, la Cina potrebbe essere un’ipotesi, ma ad oggi la...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Tonali alla Juventus, Kulusevski all’Inter a gennaio: patto di non aggressione. Conte e Sarri, ecco chi vincerà. Ibra al Milan, presto l’annuncio. Napoli, un compromesso per portare Ancelotti a fine stagione 06.12 - Il ricordo della vicenda Lukaku è ancora fresco e una volta di più Juventus e Inter si ritrovano sugli stessi obiettivi. Tonali piace all’Inter? Ma lo vuole anche la Juve. Kulusewski pronto per la Juve? Ma l’Inter non molla. Ovvio, quasi normale, che due grandi società e...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Gli intermediari, la FIFA e i soldi delle società 05.12 - Su 17896 trasferimenti internazionali in 3558 sono stati utilizzati intermediari (quasi il 20% del totale) per una spesa complessiva di 653,9 milioni di dollari in commissioni. Così recita il report Fifa, che prende in considerazione tutti i trasferimenti di tutto il mondo. Nella...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ibra-Milan: ecco cosa manca. Perché non si può criticare la mediocrità finora espressa da Sarri? Se la ride Allegri. Cristiano, ma perché? La Juve difende: la Champions val bene una messa Cristiana.Il miracolo di Conte all’Inter, chi disturba? 04.12 - Il passo Ibrahimovic l’ha fatto: la sua richiesta di 10 milioni netti per un anno e mezzo è stata in parte ridotta. Il Milan ha offerto 6 milioni netti per la metà stagione rimanente più la prossima, e 4 di bonus anche se si tratta di bonus complicati. Ibra ha deciso di controrichiedere...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: il problema (se c'è) non si chiama Sarri... Inter: la mossa di Conte è datata marzo 2019 (e a gennaio arrivano...). Milan: Ibra, un aiuto per Pioli. Cellino e DeLaurentiis: prendere esempio dal giovane Giulini. La lezione di Messi... 03.12 - Buonasera (se leggete di sera). Buongiorno (se leggete di giorno). Mortacci vostra (se non leggete, ma tanto non è il vostro caso, perché state leggendo). Siam qui a scrivere la consueta pappardella di fatti e fatterelli dal puro valore soggettivo. Del resto ognuno ha la sua idea...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510