HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

Serie A in Cina? Vogliamo rasentare il ridicolo. Lecce, 7 bellezze. Catania, che flop. Tesser, un mago per tutti

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
25.03.2019 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 17587 volte

Solo al pensiero mi viene da prendere una tachipirina mille perché mi sale la febbre all'improvviso. Gravina dice: "La serie A in Cina? Per no". Miccichè della Lega Calcio lo segue. Facciamo una cosa: per ora... e mai la serie A non si tocca. Anche perché se vai in Cina devi portare i big match Milan-Inter, Juventus-Napoli e Roma-Lazio. Non credo che i cinesini, e non sono le formine che si mettono in campo durante gli allenamenti, si accontentino del big match Empoli-Frosinone. La visita italiana del boss cinese Xi Jinping ha fatto male a qualcuno. La serie A non ha bisogno di riempire gli stadi cinesi, li riempiamo anche in Italia (vedete il record di incasso dell'ultimo derby di Milano) e anche se ci coprono di soldi diciamo NO. Non ammazzate l'ultima cosa che resta agli italiani. C'è il turismo (che da un pò perde soldi anche quello), abbiamo le belle città, la pizza, la pasta al sugo e il calcio. La Lega e la Federazione non devono rispondere... "Per ora NO". Risposta sbagliata, Jerry. La risposta esatta è "MAI". Tre letterine semplici semplici. In Italia hanno già distrutto il calcio anni fa. Siamo senza stadi, eravamo così belli quando potevamo avere solo tre stranieri e l'Italia si imponeva nel Mondo con coppe e Nazionale. In Cina hanno i soldi ma lasciamo che Zhang venga da noi e si scomodi con il suo volo privato senza farci delle assurde fantasie di esportare un qualcosa che funziona solo perché è "roba nostra".
Quando non c'è il campionato è una noia pazzesca. Dovremmo parlare di mercato ma, di questi tempi, sarebbe farlo tanto per fare quindi meglio rinunciare. Analizziamo quello che succede ai piani di sotto e facciamo delle riflessioni. Il 7-0 del Lecce sull'Ascoli conferma due cose: la squadra di Liverani ha fame e merita la promozione in serie A. Pubblico, squadra e società non meritano la B e devono accorciare i tempi per essere stati a lungo in una maledetta serie C che non apparteneva ai salentini. Il 7-0, nel calcio, conferma però anche che gli avversari erano forse andati al mare a Gallipoli. Più che una partita pensavano fosse una gita. Pessimo Ascoli. Il Lecce non è primo ma ha dimostrato di essere tra le squadre più costanti della serie B. Il Brescia è una sorpresa e arrivare fino in fondo non sarà facile. Sicuramente due piazze, come Brescia e Lecce, farebbero bene alla prossima serie A. Liverani è il valore aggiunto di questa squadra.
Il Catania di oggi sembra un pò il Lecce di qualche anno fa, quando non riusciva ad uscire dall'inferno della serie C. Ci aspettavamo un miracolo immediato da Pietro Lo Monaco, dirigente esperto e sempre sul pezzo ma, questa è la conferma, che è più difficile vincere in C che fare buoni campionati in A. Finora il Catania ha deluso, quest'anno si era ripreso alla grande ma la gara di ieri a Reggio Calabria l'ha steccata clamorosamente. Puoi perdere, certo, ma perdere senza giocare non può essere da squadra che vuole tornare in B. Al Granillo, gli etnei neanche si sono presentati eppure ci sono tifosi e società che hanno tutto per uscire da questa categoria che non appartiene al Catania. La nota lieta è il Granillo che torna a riempirsi: di persone ed entusiasmo. La nuova proprietà ha cambiato tutto. Innanzitutto la mentalità: da casa, guardando la partita su Sportitalia, si respirava un'aria diversa e vedere Reggio Calabria di nuovo calda per la sua Reggina vale forse più del 3-0 sul campo.
C'è un mago in C che, probabilmente, avrebbe meritato un'altra carriera e altra fortuna. Attilio Tesser, al primo colpo, centra l'obiettivo. Era successo a Cremona, dalla C alla B, a Novara con il doppio salto dalla C alla A e adesso Pordenone. Vincere, in un posto non abituato a vincere, è sempre molto complicato. Il Pordenone gioca bene ma soprattutto è cinico. Tesser ha capito quello che molti suoi colleghi ancora non hanno capito. In C serve vincere. Tifosi e addetti ai lavori guardano solo il risultato. Per lo spettacolo recarsi al cinema o sul divano di casa.
Scendendo ancora di un piano, in serie D, è festa per il Lecco che straccia il girone e vola in C. Testa a testa stupendo tra Mantova e Como e le grandi delusioni Modena, Messina, Reggio Audace (per gli amici Reggiana) e Cesena, con il ritardo dell'Avellino e il Bari che pensa già alla costruzione della squadra per la C per continuare la scalata in B, in soli due anni. Bella la favola Pergolettese, dell'esordiente Matteo Contini. Anche se ieri ha sprecato un jolly che poteva indirizzare definitivamente la stagione.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Insigne venga trattato da capitano (o si volti pagina). Mandzukic e l'accordo 'suicida'. In Serie A c'è un club perfetto per questo Zlatan Ibrahimovic 20.10 - Tutti i nodi vengono al pettine. Tutti i problemi, quando non li risolvi e provi solo ad accantonarli, ti tornano indietro più forti di prima. E' così nella vita, è così nel calcio. Prendete Lorenzo Insigne: lui non potrà mai dirlo, perché è napoletano e capitano del Napoli, ma in...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510