HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Pallone d'Oro, qual è l'esclusione più sorprendente?
  Gareth Bale
  Edinson Cavanti
  Angel Di Maria
  Harry Kane
  Neymar
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sergio Ramos
  Luis Suarez
  Hakim Ziyech

La Giovane Italia
Editoriale

Una Champions da sballo e il dominio inglese. L’orgoglio italiano di Napoli e Inter e la rivoluzione in casa Real

14.03.2019 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 21368 volte
© foto di Federico De Luca

Ora abbiamo le favolose 8 d’Europa. E nei giorni in cui si discute tantissimo della Brexit, le squadre della Premier danno un chiaro indirizzo: in Champions vogliono dettare loro la legge. L’ultima volta che si era verificato un evento del genere era esattamente 10 anni fa: Arsenal, Manchester United, Liverpool e Chelsea. Arrivarono in 3 in semifinale e vinse il Barcellona, a Roma.
Come andrà a finire quest’anno sarà bello scoprirlo, già da oggi, quando saranno estratti gli accoppiamenti. Ma lo spettacolo e le emozioni che si sono respirate in questi ottavi di finale sono stati incredibili. Pensate che paradossalmente l’ottavo più “noioso” è stato quello fra Tottenham e Borussia Dortmund. Tutti gli altri hanno raccontato delle storie, hanno vissuto di rivincite o goleade, hanno fatto vivere serate magiche o da incubo.
Impossibile non vivere sull’onda lunga della superpartita della Juve di martedì: è stato detto tutto e non è possibile aggiungere qualcosa di originale. Rimane un unico grande dato (al di là delle capacità di Allegri): Cristiano Ronaldo. Lui stesso ha detto “sono stato comprato per partite come questa”: tutto quello che è stato detto e scritto nelle ultime due settimane è stato capovolto come la partita. Cristiano Ronaldo è stato il terminale straordinario e letale di una Juve feroce. Non sappiamo – perché è impossibile determinarlo – quanto CR7 abbia dato alla Juve (per mentalità, convinzione, esempio e naturalmente qualitò) e quanto la Juve abbia dato a CR7 (per nuovi stimoli, nuove sfide e ambizioni personali): ma il connubio tiene sia a livello economico che sul campo. Ora sotto con la nuova sfida: ma è evidente che questa Juve non ha più paura. E con questa determinazione fa paura a tutti. Anche se questo turno di Champions ha regalato una bella dose di autostima a molti, la Juve è lì in bella mostra con il suo Re pronto a riprendersi il trono, proprio nello stesso turno in cui i suoi ex compagni sono a leccarsi le ferite.
Ora l’orgoglio italiano è tutto sulle spalle di Napoli e Inter. I ragazzi di Ancelotti non hanno molti pensieri e molti problemi: l’andata ha parlato da sola. In questa vigilia si è parlato molto di più di Insigne e del suo umore (a proposito sposiamo in pieno la linea di Ancelotti e De Laurentiis) piuttosto che del Salisburgo. Non è un obbligo vincere l’Europa League: ma è un dovere provarci per continuare a crescere anche come club nella mentalità. Esattamente la novità che ha portato Ancelotti a Napoli.
In questo periodo abbiamo visto molti allenatori trovarsi in difficoltà, anche solo a livello mediatico. Giudicare il lavoro di Ancelotti facendo i confronti con l’ultimo anno di Sarri è concettualmente sbagliato: proprio perché uno è all’inizio del suo lavoro, l’altro era al culmine. Ma comunque bisogna essere consapevoli anche degli obiettivi del club. Per arrivare ai livelli della Juventus bisogna avere una programmazione impostata su binari diversi, bisogna imbroccare l’annata giusta di tutti (non solo della panchina) e soprattutto – come detto – continuare in questo processo di crescita che Ancelotti ha portato. E che continuerà con Cristiano Giuntoli nella direzione sportiva: il prolungamento del contratto è un attestato di fiducia molto importante e un’investitura altrettanto significativa.
Se non è obbligatorio per il Napoli, vale lo stesso per l’Inter. Si trova a giocarsi due partite molto importanti (in questo momento decisamente le più importanti della stagione) con una squadra decimata. Spalletti giustamente responsabilizza chi scende in campo, li carica. Non serve a nulla lamentarsi: prima Eintracht e poi Milan. Non c’è bisogno di dire altro. Come non c’è bisogno di aggiungere altro su Icardi. In questo momento alla squadra – paradossalmente – conviene veramente far finta che Icardi non ci sia. Il problema ancora non si è risolto (e chissà quando si risolverà): ma è una questione che per primo il centravanti argentino deve capire come risolvere. Le due direttrici sembrano piuttosto chiare: la linea della coerenza con le proprie scelte la società (il gruppo avanti a tutto), la linea dell’orgoglio l’ex capitano. E’ ormai (o almeno così sembra) una questione di principio. La sostanza è che l’Inter e Spalletti non lo hanno a disposizione, indipendentemente da che parte voi siate. E quindi fa bene l’Inter a concentrarsi su sé stessa, senza pensare a quello che sarebbe potuto essere se o a quello che avrebbe potuto fare se…
Di sicuro sarà un grande tema di mercato: su cui conteranno evidentemente anche queste scorie accumulato da ormai un mese.
Una delle squadre che Wanda evoca è il Real. Se Zidane vuole veramente Icardi a noi non è dato saperlo (non ci risultano movimenti ufficiali o ufficiosi): di sicuro il ribaltone in casa blanca è fragoroso e la prossima estate ci sarà una grande rivoluzione. Di nomi – multimilionari – ne girano in continuazione: serve ritornare in alto. Serve trovare il prossimo pallone d’Oro: orfani di Ronaldo e con un Messi così, il Real non è più centrale nel panorama europeo. E questo non può andar bene a Florentino…
La chiusura è con l’ennesimo cambio in panchina in serie A. Via Iachini ad Empoli, torna Andreazzoli. Di sicuro per Iachini è una brutta botta. Perché in cuor suo sapeva di aver fatto un buon lavoro e perché il calendario nelle prossime settimane regalava degli scontri diretti che potevano letteralmente cambiare la stagione dei toscani. Per affrontarli la società si è affidata al suo vecchio allenatore, a quello della promozione. Che ha un calcio diverso, più propositivo. Vista da fuori sembra una scelta di principio, se darà i frutti sperati lo vedremo a partire dal prossimo turno di campionato: c’è il Frosinone.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: il non-rigore di De Ligt e gli obbrobri nel regolamento. Inter: la furia di Conte, l’idea Ibra e la “crisi Lukaku”. Milan: la scelta di Pioli (occhio a Suso…) e la “fuga” di Scaroni. Roma: il perché degli infortuni 22.10 - Dieci pensierini (e ce la caviamo così). 1) Il Milan domenica ha giocato una buona partita. Non in senso assoluto, per carità, ma visti i precedenti sette turni di campionato certamente sì. Pioli ha cancellato tre mesi di esperimenti impossibili (puntare al calcio di Giampaolo...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Sarri cinico e spietato. Juve, ecco cosa ti manca. Maran top, merita una grande. Mazzarri flop, servono i fatti. C'era una volta il miracolo Catania. Lo Monaco, che errore il ritorno! 21.10 - Per lo spettacolo c'è tempo, adesso serve concretezza e fare molti punti per non tenere in gioco, o meglio tenere il più distante possibile, il nemico. La Juventus vista con il Bologna non ha brillato di luce propria ma ha portato a casa quello che doveva portare e si sta iniziando...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Insigne venga trattato da capitano (o si volti pagina). Mandzukic e l'accordo 'suicida'. In Serie A c'è un club perfetto per questo Zlatan Ibrahimovic 20.10 - Tutti i nodi vengono al pettine. Tutti i problemi, quando non li risolvi e provi solo ad accantonarli, ti tornano indietro più forti di prima. E' così nella vita, è così nel calcio. Prendete Lorenzo Insigne: lui non potrà mai dirlo, perché è napoletano e capitano del Napoli, ma in...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510