HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Una Champions da sballo e il dominio inglese. L’orgoglio italiano di Napoli e Inter e la rivoluzione in casa Real

14.03.2019 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 21214 volte
© foto di Federico De Luca

Ora abbiamo le favolose 8 d’Europa. E nei giorni in cui si discute tantissimo della Brexit, le squadre della Premier danno un chiaro indirizzo: in Champions vogliono dettare loro la legge. L’ultima volta che si era verificato un evento del genere era esattamente 10 anni fa: Arsenal, Manchester United, Liverpool e Chelsea. Arrivarono in 3 in semifinale e vinse il Barcellona, a Roma.
Come andrà a finire quest’anno sarà bello scoprirlo, già da oggi, quando saranno estratti gli accoppiamenti. Ma lo spettacolo e le emozioni che si sono respirate in questi ottavi di finale sono stati incredibili. Pensate che paradossalmente l’ottavo più “noioso” è stato quello fra Tottenham e Borussia Dortmund. Tutti gli altri hanno raccontato delle storie, hanno vissuto di rivincite o goleade, hanno fatto vivere serate magiche o da incubo.
Impossibile non vivere sull’onda lunga della superpartita della Juve di martedì: è stato detto tutto e non è possibile aggiungere qualcosa di originale. Rimane un unico grande dato (al di là delle capacità di Allegri): Cristiano Ronaldo. Lui stesso ha detto “sono stato comprato per partite come questa”: tutto quello che è stato detto e scritto nelle ultime due settimane è stato capovolto come la partita. Cristiano Ronaldo è stato il terminale straordinario e letale di una Juve feroce. Non sappiamo – perché è impossibile determinarlo – quanto CR7 abbia dato alla Juve (per mentalità, convinzione, esempio e naturalmente qualitò) e quanto la Juve abbia dato a CR7 (per nuovi stimoli, nuove sfide e ambizioni personali): ma il connubio tiene sia a livello economico che sul campo. Ora sotto con la nuova sfida: ma è evidente che questa Juve non ha più paura. E con questa determinazione fa paura a tutti. Anche se questo turno di Champions ha regalato una bella dose di autostima a molti, la Juve è lì in bella mostra con il suo Re pronto a riprendersi il trono, proprio nello stesso turno in cui i suoi ex compagni sono a leccarsi le ferite.
Ora l’orgoglio italiano è tutto sulle spalle di Napoli e Inter. I ragazzi di Ancelotti non hanno molti pensieri e molti problemi: l’andata ha parlato da sola. In questa vigilia si è parlato molto di più di Insigne e del suo umore (a proposito sposiamo in pieno la linea di Ancelotti e De Laurentiis) piuttosto che del Salisburgo. Non è un obbligo vincere l’Europa League: ma è un dovere provarci per continuare a crescere anche come club nella mentalità. Esattamente la novità che ha portato Ancelotti a Napoli.
In questo periodo abbiamo visto molti allenatori trovarsi in difficoltà, anche solo a livello mediatico. Giudicare il lavoro di Ancelotti facendo i confronti con l’ultimo anno di Sarri è concettualmente sbagliato: proprio perché uno è all’inizio del suo lavoro, l’altro era al culmine. Ma comunque bisogna essere consapevoli anche degli obiettivi del club. Per arrivare ai livelli della Juventus bisogna avere una programmazione impostata su binari diversi, bisogna imbroccare l’annata giusta di tutti (non solo della panchina) e soprattutto – come detto – continuare in questo processo di crescita che Ancelotti ha portato. E che continuerà con Cristiano Giuntoli nella direzione sportiva: il prolungamento del contratto è un attestato di fiducia molto importante e un’investitura altrettanto significativa.
Se non è obbligatorio per il Napoli, vale lo stesso per l’Inter. Si trova a giocarsi due partite molto importanti (in questo momento decisamente le più importanti della stagione) con una squadra decimata. Spalletti giustamente responsabilizza chi scende in campo, li carica. Non serve a nulla lamentarsi: prima Eintracht e poi Milan. Non c’è bisogno di dire altro. Come non c’è bisogno di aggiungere altro su Icardi. In questo momento alla squadra – paradossalmente – conviene veramente far finta che Icardi non ci sia. Il problema ancora non si è risolto (e chissà quando si risolverà): ma è una questione che per primo il centravanti argentino deve capire come risolvere. Le due direttrici sembrano piuttosto chiare: la linea della coerenza con le proprie scelte la società (il gruppo avanti a tutto), la linea dell’orgoglio l’ex capitano. E’ ormai (o almeno così sembra) una questione di principio. La sostanza è che l’Inter e Spalletti non lo hanno a disposizione, indipendentemente da che parte voi siate. E quindi fa bene l’Inter a concentrarsi su sé stessa, senza pensare a quello che sarebbe potuto essere se o a quello che avrebbe potuto fare se…
Di sicuro sarà un grande tema di mercato: su cui conteranno evidentemente anche queste scorie accumulato da ormai un mese.
Una delle squadre che Wanda evoca è il Real. Se Zidane vuole veramente Icardi a noi non è dato saperlo (non ci risultano movimenti ufficiali o ufficiosi): di sicuro il ribaltone in casa blanca è fragoroso e la prossima estate ci sarà una grande rivoluzione. Di nomi – multimilionari – ne girano in continuazione: serve ritornare in alto. Serve trovare il prossimo pallone d’Oro: orfani di Ronaldo e con un Messi così, il Real non è più centrale nel panorama europeo. E questo non può andar bene a Florentino…
La chiusura è con l’ennesimo cambio in panchina in serie A. Via Iachini ad Empoli, torna Andreazzoli. Di sicuro per Iachini è una brutta botta. Perché in cuor suo sapeva di aver fatto un buon lavoro e perché il calendario nelle prossime settimane regalava degli scontri diretti che potevano letteralmente cambiare la stagione dei toscani. Per affrontarli la società si è affidata al suo vecchio allenatore, a quello della promozione. Che ha un calcio diverso, più propositivo. Vista da fuori sembra una scelta di principio, se darà i frutti sperati lo vedremo a partire dal prossimo turno di campionato: c’è il Frosinone.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Icardi-Inter: telenovela finita? E un altro cambio in panchina: le difficoltà di un progetto 21.03 - Potremmo essere arrivati alla fine. Sicuramente alla fine delle cure. Icardi scende dal lettino delle cure fisioterapiche al ginocchio (day35) e dovrebbe essere guarito. Si allenerà con il gruppo, salvo sorprese. Si allenerà in realtà con quello che rimane del gruppo visto che molti...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Dybala ha detto no all’Inter! Ecco i dettagli. La Juventus può perderlo, ma ecco le squadre in Premier per Paulo. Real Madrid insiste per Icardi, e venerdì è lcardi-day: quello che succederà, da cui dipende il futuro 20.03 - Essere interista non è mai normale, come recita lo stesso inno nerazzurro. E così può capitare che al giovedì ti umilino in casa in Europa League, e poi alla domenica tu giochi uno dei derby più gagliardi degli ultimi anni e in una delle condizioni più difficili. Allo stesso modo,...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve vs. Uefa: la decisone su Ronaldo (e quella già presa a prescindere). Inter: i 5 segreti di una battaglia vinta col cuore (e l'incontro pre-derby di Icardi). Milan: su Gattuso il solito banco degli imputati (con un’incredibile compagnia) 19.03 - Complimenti per la trasmissione. La differenza tra la pausa per la nazionale e la pausa per la nazionale dopo una vittoria è che ti rompi le balle lo stesso, ma con una bella faccia di tolla stampata sul volto. Il qui scrivente c’ha la faccia di tolla, perché temeva di essere suonato...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Le scuse ad Allegri e le scuse di Spalletti: trova la differenza. Napoli, la strada per essere grande si fa in salita. Bologna, Sinisa ha smontato la testa. Gravina-Brunelli-De Siervo, asse contro Di Maio che vuole far perdere al calcio 2 miliardi 18.03 - La Toscana non è uguale in tutte le sue città. Firenze non è Livorno, Siena non è Pisa e Forte dei Marmi non è Grosseto. Ognuna di queste ha le sue bellezze. Anche i toscani sono diversi tra di loro. Ci sono quelli simpatici che fanno ridere e quelli che vogliono fare i simpatici...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il Mondo capovolto: la Juve clamorosamente tra le grandi favorite Champions. Ajax, talenti e delusioni cocenti. Messi o Cristiano Ronaldo? Lo scontro possibile e il derby di oggi. Tutto di un altro pianeta 17.03 - Adesso che il cerchio si stringe, su Tuttomercatoweb.com abbiamo aperto il sondaggio che di per se ha poco d'originale, tanto di banale ma che ha il gran dubbio della risposta finale. "Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?". Otto opzioni, di fatto i lettori ne stanno votando,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli: Insigne, Koulibaly e Allan restano. Per il centrocampo c’è Fornals, in attacco Lozano prima scelta. Per il futuro di Allegri bisogna aspettare ancora, Conte e Deschamps nomi da monitorare. Il Real ripensa a Milinkovic Savic 16.03 - I motori si stanno scaldando. La Primavera in arrivo sta accendendo il mercato. Il Napoli è sempre molto attivo. Ancelotti e la società sono convinti di poter crescere ancora e per questo l’obiettivo è tenere tutti i big. Non c’è alcuna volontà di prendere in considerazione offerte...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter fuori dall’Europa paga caro il caso-Icardi. Un capitano vero avrebbe giocato. Zhang furioso lo vuole sul mercato. Derby ad alto rischio. Spalletti via, Conte ha chiesto tempo. Il caso Mourinho. 15.03 - L’Europa League era uno degli obiettivi stagionali, ora per non fallire completamente la stagione, all’Inter non resta che la caccia alla Champions, con il Derby alle porte, in un momento complicatissimo. Questa situazione drammatica è il frutto amaro del caso Icardi che da oltre...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Una Champions da sballo e il dominio inglese. L’orgoglio italiano di Napoli e Inter e la rivoluzione in casa Real 14.03 - Ora abbiamo le favolose 8 d’Europa. E nei giorni in cui si discute tantissimo della Brexit, le squadre della Premier danno un chiaro indirizzo: in Champions vogliono dettare loro la legge. L’ultima volta che si era verificato un evento del genere era esattamente 10 anni fa: Arsenal,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Attenzione Icardi: contatto e offerta Real Madrid! E nel frattempo l’Inter proibisce l’incontro con Zhang Hanno ucciso Allegri. Allegri è vivo! Come può non essere la Juventus la favorita della Champions? 13.03 - Juve da Champions negli occhi di tutti, ma c’è la precedenza al notizione su Icardi. E anche se incombe il derby e l’attualità, attenzione alla novità. Nella giornata di lunedì il Real Madrid (proprio nelle stesse ore dell'arrivo di Zidane) ha contattato l’entourage di Icardi. Un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la scelta di Zidane e il futuro di Allegri… nel giorno del giudizio. Inter: la pace solo a parole tra Icardi e Spalletti. Roma: c’è un vero, grande acquisto 12.03 - La prima cosa che mi viene da scrivere è che Zidane è tutto tranne che rincoglionito. I rincoglioniti non sanno scegliere il momento giusto, lui ha mollato Madrid un anno fa, ha capito che questa per gli amici spagnoli sarebbe stata una stagione fetente, si è fatto l’anno sabbatico...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510