HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Qual è il colpo dell'estate 2019?
  Luis Muriel all'Atalanta
  Gary Medel al Bologna
  Mario Balotelli al Brescia
  Radja Nainggolan al Cagliari
  Franck Ribery alla Fiorentina
  Lasse Schone al Genoa
  Mariusz Stepinski all'Hellas Verona
  Romelu Lukaku all'Inter
  Alexis Sanchez all'Inter
  Matthijs De Ligt alla Juventus
  Aaron Ramsey alla Juventus
  Manuel Lazzari alla Lazio
  El Khouma Babacar al Lecce
  Ante Rebic al Milan
  Hirving Lozano al Napoli
  Matteo Darmian al Parma
  Henrikh Mkhitaryan alla Roma
  Emiliano Rigoni alla Sampdoria
  Francesco Caputo al Sassuolo
  Federico Di Francesco alla SPAL
  Simone Verdi al Torino
  Ilija Nestorovski all'Udinese

La Giovane Italia
La Giovane Italia

Filippo Ranocchia, talismano del Perugia con la Juve nel destino

La Giovane Italia vi porta alla scoperta dei nuovi talenti del calcio italiano, raccontandovi ogni giorno, alle 8:45, le storie dei giovani di casa nostra e dei club che scommettono su di loro
19.08.2019 08:45 di La Giovane Italia   articolo letto 9129 volte
© foto di Nicola Ianuale/tuttoSALERNITANA.com

Il Perugia firma il colpaccio, prendendosi un successo che vale il biglietto per i sedicesimi di Coppa Italia. Dopo aver rispettato il pronostico nel secondo turno contro la Triestina, la squadra del neo tecnico Massimo Oddo ieri ha sgambettato il Brescia, in un match infinito deciso soltanto ai tempi supplementari. Come nella gara precedente, tra gli umbri ha trovato spazio anche un giovane talento cresciuto in casa, un profilo che già da tempi non sospetti promette di essere una delle gemme più preziose mai uscite dal vivaio del club biancorosso.

Talento precoce - Filippo Ranocchia ha da poco compiuto diciotto anni, ma può già vantare un curriculum extralusso per un classe 2001. Cresciuto nella scuola calcio del Montemalbe, il Perugia se lo è assicurato in giovanissima età, portandosi a casa un ragazzo che ha dimostrato di avere un talento raro e i colpi da giocatore vero. L’affermazione con la Primavera nella stagione 2017-18, da sotto età, ha rappresentato il trampolino di lancio verso un’annata che lo ha già proiettato verso il calcio dei grandi. Lo scorso anno, infatti, Ranocchia lo ha vissuto in pianta stabile con la prima squadra del Perugia. Un’ascesa irresistibile, culminata con l’esordio in Serie B festeggiato lo scorso 30 marzo, contro il Livorno. Mister Nesta gli ha dato spazio addirittura nel playoff contro il Verona, certificando a tutti gli effetti le qualità di un talento che, non a caso, è già finito nell’orbita della Juventus. I bianconeri non hanno perso tempo, assicurandoselo al termine della scorsa sessione invernale di mercato, lasciandolo comunque in prestito al Perugia fino al 30 giugno 2020 per permettergli di maturare ulteriormente nell’ambiente che lo ha cresciuto. E la fiducia di Oddo, che gli ha concesso due spezzoni significativi di partita nelle prime due gare ufficiali della stagione, lascia già intravedere buoni presagi per un'annata nella quale il ragazzo sembra destinato a ritagliarsi uno spazio importanti nelle rotazioni del centrocampo del grifo.

Appunti bianconeri - Ranocchia è un centrocampista di qualità, capace di giocare sia da playmaker che da mezzala. Destro vellutato e tecnica individuale di altissimo livello, il 2001 umbro interpreta con grande personalità il suo ruolo nel cuore della mediana. Intelligenza tattica da una parte, sfrontatezza tecnica dall’altra. Non è raro vederlo prendersi responsabilità importanti, rischiando la giocata in verticale oppure spezzando il raddoppio con un dribbling per vie centrali, per creare una superiorità numerica fondamentale nella zona nevralgica del campo. Filippo non disdegna neppure qualche sortita in zona offensiva, diventando di fatto un trequartista “mascherato” capace anche di dettare l’ultimo passaggio. Caratteristiche che ha riportato senza timore reverenziale nei primi allenamenti con la prima squadra, mostrando così di avere la stoffa per ambire a categorie molto importanti. La precoce maturazione fisica lo ha supportato nella sua rapida ascesa verso il professionismo. Alto un metro e ottantatré, Filippo è dotato di una struttura muscolare che gli permette di reggere brillantemente i contrasti e la pressione avversaria, dote fondamentale in un ruolo delicato come il suo. Sempre nel vivo del match, con una presenza mentale rara per un diciottenne, Ranocchia ha mostrato tutte le sue qualità anche in azzurro, risultando l’unico classe 2001 ad essere convocato per la tournée in Giappone disputata dalla B Italia nel settembre 2018. Adesso lo attende la stagione della conferma, per definizione più complicata di quella della rivelazione. Il doppio successo di coppa lo ha già reso talismano del nuovo Perugia di mister Oddo, in attesa del campionato ormai alle porte. Da Torino, intanto, prendono appunti: il destino di Filippo è già a tinte bianconere.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie La Giovane Italia

Primo piano

Serie A, la classifica aggiornata: vola il Bologna, è aggancio alla Juve Si sono giocate oggi pomeriggio tre partite valide per la terza giornata di Serie A. Vittoria importante per il Bologna che batte in rimonta il Brescia e aggancia addirittura la Juventus al secondo posto. Primi tre punti per il Cagliari e per la SPAL che hanno battuto rispettivamente...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510