HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Italiane, chi va avanti in Champions League?
  Passerà solo la Juventus
  Juventus e Napoli
  Juventus, Napoli e Inter
  Juventus e Inter
  Juventus, Napoli e Atalanta
  Juventus, Atalanta e Inter
  Juventus, Atalanta, Napoli e Inter

La Giovane Italia
Serie A

Il primo Milan di Pioli: due vere novità rispetto all'ultimo di Giampaolo

20.10.2019 20:05 di Ivan Cardia  Twitter:    articolo letto 12158 volte
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

A destra c’è Conti, ma Calabria è squalificato e quindi le valutazioni sono da rimandare a quando il numero 2 tornerà a disposizione. C’era grande attesa per il Milan di Stefano Pioli, che andrà visto concretamente in campo contro il Lecce questa sera, ma intanto (al netto del dubbio sul terzino destro e del rientrante Musacchio) offre due sostanziali novità rispetto all’ultimo Milan di Marco Giampaolo.

Leao e non Piatek. Invocato dal popolo milanista, per il nuovo tecnico rossonero il portoghese è un centravanti e non un attaccante di supporto, ruolo in cui pure è stato l’unico a brillare nella prima parte di stagione del Milan. L’operazione Krzysztof, intesa come rilancio del polacco, è rimandata a tempi migliori. Poi c’è Lucas Paquetá, che torna al posto di Bonaventura: in questo caso, aspettiamo di vedere quale sarà il concreto schieramento tattico del Diavolo, ma da formazione ufficiale dovrebbe giocare con Kessié e Biglia a centrocampo. Mezzala e non trequartista, in linea col passato. Avanza allora Calhanoglu, lui mai schierato in attacco da Giampaolo ma già visto in quel ruolo con Gattuso.

Nuove gerarchie che si disegnano? Alla prima gara, è ancora presto per dirlo, ma Pioli qualche indicazione delle sue l’ha già data. Ora tocca a chi va in campo, fare la differenza.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

Luca Serafini: Pioli e la rivoluzione silenziosa Se le panchine che Stefano Pioli ha imposto a Calabria, Rodriguez, Biglia, Suso, Kessie, Piatek, Leao saranno colte dai giocatori come istruttive e non punitive, c'è speranza che finalmente capiscano che la cultura del lavoro è un assunto necessario (come in qualsiasi attività della...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510