HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Roma e Juventus ce la faranno a qualificarsi ai quarti di finale?
  Si, entrambe
  Solo la Roma
  Solo la Juventus
  No, nessuna delle due

La Giovane Italia
Serie A

Inter, caso Icardi: le cifre della discordia e gli scenari possibili

14.02.2019 07:15 di Gianluigi Longari  Twitter:    articolo letto 17640 volte
Fonte: Sportitalia
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Da una divergenza sulle cifre ad una rottura totale il passo è stato insospettabilmente breve. La verità sulla frizione tra le parti è storia recente, molto più della proposta dell’Inter a Wanda Nara da 6,5 milioni di euro a stagione per il prossimo quinquennio a fronte di una richiesta di 10. Distanze importanti, ma trattativa avviata. Come nella prassi, tutto sommato. Il punto di rottura è da ricercare altrove, nell’intransigenza che contraddistingue il nuovo corso della squadra nerazzurra affidato a Beppe Marotta. Un concetto applicato ed estendibile a tutti, senza nessuna via preferenziale nemmeno per chi della squadra è il giocatore certamente più rappresentativo e fino a qualche ora fa era anche il capitano.
Inaccettabili le accuse, costanti e sfrontate, di chi Icardi lo rappresenta, e conseguentemente amplifica la voce più assimilabile a quello che il gruppo lo dovrebbe trascinare, senza rischiare di affossarlo con personalismi fuori luogo. Discutibile la scelta di non condividere la decisione prima di renderla effettiva da parte di chi l’ha presa: uno schiaffo che ha colpito Icardi in pieno volto spingendolo alla reazione di pancia di disertare la trasferta di Vienna. Una prima conseguenza di scenari difficilmente prevedibili: perché la trattativa non si è interrotta e perché l’Inter vuole continuare a contare sul suo centravanti, nel presente e nel futuro. Anche se ha scelto di non farsi rappresentare da chi non mette a tacere accuse divenute evidentemente intollerabili, perché rivolte a dirigenza, allenatori e compagni.
Un punto di non ritorno che potrebbe significare divorzio, ma che di certo apre una discontinuità assoluta rispetto alla tolleranza ed alle punizioni abbozzate che avevano contraddistinto il passato. Ad Icardi la scelta se restare vittima o diventare scintillante simbolo di un nuovo corso che, questa volta, ha preso indubitabilmente il via.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Rassegna stampa

Primo piano

Izzo-Iago regalano la vittoria al Toro: 2-0 all'Atalanta, bagarre per l'Europa Si è da poco conclusa la sfida fra Atalanta e Torino. Dopo 90 minuti di battaglia, il Torino si è imposto 2-0 grazie alle reti di Izzo e Iago Falque LA DEA SPRECA, IL TORO SEGNA - Nel primo tempo è l'Atalanta a fare la partita, ma gli uomini di Gasperini sbagliano troppe palle...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510