HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Il Napoli esonera Ancelotti e punta su Gattuso. Decisione giusta?
  Giusto cambiare, e Gattuso è la scelta giusta
  Giusto cambiarlo, ma Ancelotti non andava sostituito con Gattuso
  Sbagliata: bisognava andare avanti con Ancelotti

La Giovane Italia
Serie A

Inter, Conte e quella sensazione di perenne insoddisfazione

02.11.2019 07:30 di Alessandro Rimi  Twitter:    articolo letto 8359 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Strategia e voglia di osare. Più la sfida appare impossibile, più Antonio Conte si esalta. Altrimenti che gusto c’è, sarebbe troppo facile, troppo banale. Per vincere partite dal coefficiente di difficoltà altissimo, servono perfezione e regolarità. Ad ogni costo, anche se questo comporta riscrivere il dna e la storia di una storica società: l’Inter. Era già successo con la Juventus, leader temuta e indiscussa poi divenuta “umile provinciale tutta corsa e intensità”, con la Nazionale, trasformata in corsa in un vero club nella forma e nella mentalità, quindi con il Chelsea storicamente fisico e prevedibile, grazie all’ex ct riprogrammato su un nuovo modello di tattica e libertà totale dei quinti (Pedro e Hazard). In ogni caso, Antonio ai nastri di partenza da allenatore è sempre stato sfavorito. Di sicuro mai è partito con l’etichetta di primo candidato al titolo. Infine, escluso la pur strepitosa parentesi in azzurro, ha sempre vinto. Nondimeno Conte difficilmente si è mostrato del tutto soddisfatto. Qualcosa ai suoi occhi, nel suo cuore, spesso non va per il verso giusto. Perché guai a non pensare a come migliorare un singolo, un gruppo, un percorso, una rosa. La sua squadra necessita di «andare a mille all'ora perché appena stacchiamo il piede dall'acceleratore è difficile vincere la partita». Ma è bene che Marotta intervenga per ripulire l’Inter dagli elementi inadatti (Borja in primis). Lo ha scelto lui Conte e se c’è un aspetto (mentale quanto caratteriale) che in passato l’ad ha appreso più di tutti è proprio la fame costante che in assoluto contraddistingue il tecnico interista. Facile pensare alla metafora del ristorante da cento euro. E ora, in qualche modo, questa fame toccherà saziarla.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

...con Materazzi “L’esonero di Ancelotti? È stato qualcosa di strano considerata anche la sua ultima partita. Le colpe non sono sue, credo siano stati fatti errori da parte di tutti. Paga l’allenatore, uno che ha vinto tutto”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Matteo Materazzi. Al posto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510