HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
L'Italia di Mancini può vincere l'Europeo?
  Sì: ha dimostrato di essere all'altezza delle migliori
  Sì ma solo con un sorteggio favorevole
  Serve un miracolo, è ancora presto
  No: il girone era facile e il vero valore è sempre lo stesso

La Giovane Italia
Serie A

La frecciata di Cristiano Ronaldo a Massimiliano Allegri

21.10.2019 16:30 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 24819 volte
Fonte: dal nostro inviato all'Allianz Stadium di Torino
La frecciata di Cristiano Ronaldo a Massimiliano Allegri

Una domanda e si sfila le cuffie, Cristiano Ronaldo da Madeira. Niente traduzione, l'italiano lo capisce ma parla in inglese. L'escamotage è da intervistato scafato, da chi sul futuro dice che "l'età è un numero" e non risponde a chi gli chiedeva se farà tutti i quattro anni alla Juventus. Da chi quando gli si chiede di Dybala, Higuain, Matuidi, generalizza e mai specifica, al grido de "l'importante è la squadra", e poi vincere, comunque, altro che partecipare. Non era in conferenza stampa da un anno, dai tempi del caso Mayorga e da Manchester, dalla terra in cui l'ha consacrato prima dell'esplosione madrilena. Si è seduto accanto a Maurizio Sarri, oggi, in una scena che sembra ora consuetudine ma che è storia di Olimpo e polvere, gavetta e benedizione divina. Che s'incrociano, Ronaldo in tutta la sua perfezione, Sarri in quel che è sempre stato. L'allenatore con la tuta, che dell'immagine non ha mai fatto un'ossessione, tutt'altro.

La frecciata ad Allegri Che è sottaciuta ma ben gridata, sorriso e orecchino brillanti. "Abbiamo più fiducia. Abbiamo più occasioni. Siamo più offensivi". Poi il carico. "Abbiamo cambiato per migliorare". Da Allegri a Sarri, figli di un gioco diverso, non maggiore o minore, però sicuramente differente negli addendi per adesso e nel risultato chissà. Il pragmatismo del livornese, uno in più e buonanotte ai giochisti, la filosofia di Sarri il cui gioco è sinfonia, crescendo, occasioni e tritacarne. Ronaldo ha messo nel mirino il gioco, perché sì vincere e non partecipare, ma pure convincere e divertirsi. La definizione di my exhibitions, più volte usata, è esemplificativa. Personale e personalizzata. Ronaldo che si diverte, Ronaldo che dà spettacolo. Non vincere col solo scopo di farlo ma con tutto quel che al portoghese regala gioia. "Segnare, far gol, vincere le partite".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

Biasin: Mourinho torna ad allenare E venne il giorno, il sacro giorno che, curiosamente, quest’anno non combacia col Natale, bensì con il 20 di novembre. Sì, si tratta di un nuovo Natale per quelli come noi che credono nell’Iddio Josè Mourinho (San-to su-bi-to!). E, sì, questo è un pezzo vergognosamente di parte e...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510