HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Pallone d'Oro, qual è l'esclusione più sorprendente?
  Gareth Bale
  Edinson Cavanti
  Angel Di Maria
  Harry Kane
  Neymar
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sergio Ramos
  Luis Suarez
  Hakim Ziyech

La Giovane Italia
Serie C

Vicenza, Magalini si presenta: "Una sfida stimolante"

17.05.2019 23:35 di Daniel Uccellieri   articolo letto 3775 volte
© foto di Federico De Luca

Giornata di presentazioni in casa Vicenza. Oggi è stato presentato alla stampa il nuovo direttore sportivo biancorosso, Giuseppe Magalini: "È un piacere essere qui e vorrei fare un saluto a Werner perché so quanto ha dato in questi anni di lavoro. Vorrei aprire con un particolare, che però non è tanto particolare. Io sono un mantovano, non sono veronese come si scrive, abito a Roverbella, sono un mantovano di confine, ma ci tengo a precisarlo. Da Mantova lo reclamano (ride, ndr). Ringrazio la proprietà, la famiglia Rosso, sono qui con molto piacere. Sono qui con molto entusiasmo, confidavo in questa chiamata, quando Bedin mi ha contattato glielo ho anche detto, speravo di poter venire qui.

Una responsabilità essere qui? E’ una sfida stimolante, ma ho la giusta esperienza per accettarla, assorbirla, e gestirla. So cosa rappresenta Vicenza e cosa si aspettano i tifosi. Arrivare al Menti e trovare diecimila spettatori, non può che essere uno stimolo in più. Voglio dare il meglio di me e voglio riuscire a portare qualcosa di importante sotto il piano dei risultati. Quest’anno ho visto 6-7 partite della squadra, sia sotto la gestione Colella, sia con la gestione Serena. Conosco molto bene i giocatori, ma li conoscevo bene anche prima di questa esperienza. E’ una squadra che ha disputato un campionato al di sotto delle proprie possibilità e aspettative, chi c’è stato prima (Seeber, ndr) ha lavorato bene sotto un punto di vista tecnico, perché ci sono delle condizioni contrattuali che permettono di fare delle scelte e costruire qualcosa di nuovo. Ci sono diversi giocatori in scadenza, per questo si è facilitati nel costruire e altri sotto contratto, sui quali fare delle valutazioni. Ci sono diversi giocatori importanti, oltre Bizzotto e Giacomelli, che volevo già prendere anni fa dal Vicenza. Vogliamo fare una squadra di vertice, non è un compito facile, ma comunque importante, perché potremmo trovarci in un girone di assoluto spessore. Vogliamo però costruire una squadra che possa ambire ad un risultato importante. Se si vuole pensare ad un dopo occorre pensare a dei profili non troppo vecchi ma nemmeno troppo giovani che permettano, una volta raggiunto un traguardo, che non ci sia la necessità di rimescolare troppo le carte.

Di Carlo? Qui c’è ancora un altro allenatore, Colella che peraltro conosco. Oggi in carica c’è lui, se si arriverà ad un cambio di allenatore, lo prenderemo in considerazione. Di Carlo è un amico da molti anni, ma oggi è un discorso prematuro perché c’è un altro allenatore che sta ancora lavorando e quindi ora voglio parlare prima di tutto con Colella per confrontarci. Di Carlo quando l’ho preso a Mantova allenava la Primavera del Vicenza, quando lo presi mi davano del pazzo, andavo a vedere gli allenamenti e mi aveva conquistato. Poi abbiamo vinto e siamo stati bravi e fortunati. L’allenatore ideale devo condividere i progetti della società. Non abbiamo mai parlato di allenatori fino ad ora”.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie C

Primo piano

ESCLUSIVA TMW - Berthold racconta il BVB: "Non ha equilibrio. Inter favorita" L'Inter di Antonio Conte è pronta per la sua terza partita del girone di Champions League. Questa sera a San Siro arriva il Borussia Dortmund, in una gara quasi da dentro o fuori per i colori nerazzurri in Europa. Per provare a leggere la sfida in anticipo, TMW ha contattato l'ex...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510