HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Vi convince la scelta della Roma di ripartire da Fonseca?
  Si, è il tecnico giusto per rilanciare il progetto
  No, è un azzardo

La Giovane Italia
Altre Notizie

Verso Fiorentina-Genoa, Frey: "Sarà sfida tra Lafont e Radu"

24.05.2019 20:26 di Tommaso Bonan   articolo letto 2138 volte

Il grande doppio ex di Fiorentina e Genoa, Sebastian Frey ha parlato del delicatissimo scontro salvezza tra i viola e il Grifone in programma domenica sera allo stadio Franchi ai microfoni del canale YouTube della Serie A. Ecco le sue parole: "Stiamo parlando di una partita che a livello di emozioni per me conta molto. Io ho indossato entrambe le maglie di queste squadre ma non nascondo che sono più affezionato alla Fiorentina perché ho fatto più anni là. La Viola è sempre stata abituata a traguardi importanti ma anche il Genoa in passato ha avuto campioni del calibro di Milito e Thiago Motta.

Il pensiero sulla Fiorentina - "La Fiorentina negli anni è andata un po' giù a livello di prospettive e ambizioni. Sarà una partita molto tosta quella del Franchi, perché il Genoa ha una sola carta da giocarsi e la squadra di Montella è psicologicamente ferita. Mi auguro che i due allenatori possano preparare a livello psicologico e non solo tecnico le loro squadre. La squadra che sarà pronta di testa, otterrà la salvezza".

Il pensiero su Prandelli i portieri - "Prandelli? L'ho avuto a Verona, Parma e Firenze: in pochi parlano di calcio come lui ma non basta solo questo a livello psicologico. Lafont e Radu? Sarà una sfida tra di loro, in prospettiva futura sono entrambi promettenti ma dovranno dimostrare il loro valore. Quella di domenica è una finale, ci si gioca la salvezza: bisogna essere decisivi e mi auguro che facciano il meglio entrambi".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Altre Notizie

Primo piano

I colpi di Perez spiegano la decisione di Zidane (che era la prima scelta di Agnelli). L'allenatore della Juve e una triste battaglia. Calcio europeo da riformare: serve un compromesso Ci sarà tempo e modo di parlare della Juventus, del nuovo allenatore e di un racconto che meriterebbe studi sociologici approfonditi e non di un banale editoriale. Ma prima c'è da raccontare chi ha già operato, anche perché spiega con i fatti la decisione dell'allenatore che, lo scorso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510