HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Roma, Totti lascia dopo 30 anni. Quale futuro ora per il Pupone?
  Reintegro nella Roma il prima possibile, non può esserci altra soluzione
  Direttore tecnico in un altro top club, che non sia la Lazio
  Carriera in federazione, sull'esempio di Riva e altri simboli azzurri
  Dirigente di alto profilo in Nazionale, la sua esperienza può far comodo a Mancini
  Un nuovo incarico all'estero, magari alla UEFA o alla FIFA

La Giovane Italia
Editoriale

Conte: firmato il precontratto! La Juventus sempre più avanti per Sarri. Cosa ci faceva Allegri a Londra il 7 maggio? Ecco chi c’era nello stesso albergo negli stessi giorni…

22.05.2019 17:33 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 145894 volte

Non c’è tempo per discettare e o poetare, il mercato allenatori è già sangue e sudore, e le notizie si accavallano.
Partiamo dalla prima. Lo posso annunciare in anteprima: Antonio Conte ha firmato per l’Inter!
Il segreto meno segreto del 2019, con l’accordo pendente da settimane, è adesso realtà. Per adesso si tratta solo di un precontratto, l’accordo completo verrà vergato dopo il responso sul conseguimento della Champions o meno. La cifra dovrebbe aggirarsi sui 10 milioni di €, il che significa che Antonio Conte all’Inter diverrebbe il secondo allenatore più pagato della storia in Italia, dopo gli 11 milioni di € all’anno che Mourinho guadagnava sempre all’Inter nell’anno del Triplete.
La svolta decisiva è stata circa la settimana scorsa: l’arrivo di Zhang jr. In Italia ha sbloccato essenzialmente la decisione, su cui dubbi non c’erano, ma che aveva bisogno della presenza dello stato maggiore per dare l’assenso a uno degli stipendi più alti mai pagati nella storia dell’Inter, inclusi i giocatori. La firma definitiva è prevista per martedi prossimo. Il precontratto dovrebbe includere anche una penale, nel caso che a breve qualcosa possa cambiare - ma è soltanto una precauzione. Per capirci, anche nel 2010 Benitez firmò un precontratto con il Real Madrid, che si premunì nel caso non fosse riuscito a ottenere Mourinho. Ad accordo raggiunto con il portoghese, Florentino Perez dovette saldare la penale all’allenatore spagnolo, nell’ordine dei 4 milioni di €. Una situazione straordinaria che non è minimamente paragonabile a quella Conte-Inter.

Con la Juventus non siamo ancora allo stadio raggiunto per l’Inter, ma la trattativa è estremamente avanzata. Sto parlando della notizia che ho dato in anteprima venerdì scorso durante il Live Show delle 17.00 su MC Sport Network: la Juventus sta lavorando nella direzione di Maurizio Sarri, e non è soltanto una ipotesi di lavoro o un colloquio, ma si tratta di una trattativa in stato molto avanzato.
Non a caso fino a venerdì scorso il nome di Sarri non era minimamente presente nel lotto dei possibili prossimi allenatori della Juventus, mentre da venerdì sera sistematicamente è entrato di prepotenza su tutte le prime pagine, e non come uno dei candidati ma come il favorito principale.
Venerdì pomeriggio la febbre Juve è andata fuori giri con l’incontro a Palazzo Parigi a Milano tra Fabio Paratici e l’agente Frank Trimboli, attivo sull’asse italo-inglese. Una modalità rara a dire il vero, perché quando la Juve chiude i grandi affari non lo fa certo dando così tanto nell’occhio. E’ partita la psicosi Guardiola, ma per mia parte onestamente non ho riscontri in merito. Anzi, ci sono un paio di dettagli da esplorare: il primo è che Frank Trimboli non è soltanto un agente e intermediario attivo con l’Inghilterra, ma è un amico di vecchissima data di Paratici, a cui il ds bianconero si è appoggiato per tantissime trattative, e che non incontra certo solo per lavoro. Ma soprattutto, Trimboli è estremamente ben inserito nel calcio londinese: il che certo potrebbe far pensare a Pochettino e al Tottenham dove cura gli interessi di alcuni, ma in verità è anche l’uomo di fiducia nel ponte con il Chelsea, e dunque si ritorna a Sarri.
A tutti i modi, a prescindere dalle ipotesi di mercato, confermo quanto dato in esclusiva venerdi: la trattativa avanzata della Juventus è con Sarri.

Ma attenzione perché Londra ritorna. Perché Sarri vorrebbe dire panchina vacante al Chelsea. E Allegri è ancora in giro. Ma il Chelsea potrebbe non essere l’unica panchina vacante. Sentite questa: lo scorso martedì 7 maggio (il giorno in cui Allegri si sarebbe dovuto giocare la semifinale di ritorno di Champions) Massimiliano Allegri ha dormito a Londra. In un albergo usualmente meta dell’élite assoluta del calcio mondiale. Non pare si sia recato a Liverpool la sera stessa a vedere Liverpool-Barcellona, invece nello stesso albergo ha avuto un colloquio lungo e fitto con Mino Raiola. Per carità, tutto può essere, e figuriamoci se Raiola e Allegri non possono parlare senza che questo abbia implicazioni di mercato. Ma il giorno dopo Raiola stesso si è incontrato con i massimi vertici di un paio di club di quelle elite, dovrebbero essere Chelsea e PSG. Perché la partenza di Sarri lascerebbe vacante il posto al Chelsea, ma in verità c’è possibilità che rimanga vacante anche quello al PSG. E Tuchel piace molto a Abramovich, mentre Allegri è gradito tanto in zona Stamford Bridge quanto al Parco dei Principi. Dunque potrebbe chiudersi il triangolo: Sarri-Juventus, Allegri-PSG, Tuchel-Chelsea.
Chi vivrà vedrà, per dirla alla Nedved.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Paratici fa le cose in grande. Ecco il viaggio di Sarri in Grecia... De Zerbi il prossimo Allegri/Giampaolo. Di Biagio, un fallimento annunciato. Ferrero-Vialli: un flop americano che disturba la Samp 24.06 - Fotografia di Fenomeno. Da calciatore nulla di trascendentale. Qualche giro per Novara, Lecco, Palermo, Savoia e Giugliano. Tanti (scarsi) come lui. Paratici? Chi? Poi sposta le scarpette con i chiodini nell'armadietto e con la valigia inizia fare giochi di prestigio. FP71. Il 71...

Editoriale DI: Marco Conterio

Tutto su De Ligt, Pogba, Benatia, Rabiot: Paratici e Juventus scatenati. L'Under 21 vittima dei suoi errori e la lezione di Di Biagio a Zaniolo e Kean 23.06 - Se non puoi batterli, acquistali. O almeno se non ci sei riuscito una volta, due, nelle terribili notti d'Olanda. La Juventus vittima del gioco ammaliante e abbagliante di Erik ten Hag e del suo giovane, imberbe ma muscoloso e decisivo capitano Matthijs de Ligt. Forte, fortissimo....

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, colpo Sensi, anche Barella e Dzeko in arrivo, passi avanti per Lazaro. James Rodriguez vuole solo il Napoli, si lavora agli accordi con il Real Madrid. Per Manolas ore caldissime, Diawara la chiave per sbloccare la situazione 22.06 - Il mercato è ormai entrato nel vivo. Tutte le big sono molto attive. Comincio dall’Inter che ha preso Sensi. Un’operazione praticamente chiusa nel pomeriggio di ieri. Un prestito oneroso a 5 milioni di euro con diritto di riscatto a 22. Nell’affare al Sassuolo anche il giovane Vergani...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Rabiot il regalo per Sarri. Pogba, il Manchester non molla. Dybala e Douglas ok, ma la Juve non giocherà come il Napoli. Milan: asse col Real, ottimismo per Ceballos. Adl, dopo James il piano per Manolas. Lazzari no Viola, è della Lazio 21.06 - Sarà Rabiot il primo regalo per Maurizio Sarri. Ieri Paratici non l’ha detto espressamente, ma interpretando le sue parole, il lungo corteggiamento dovrebbe aver fatto effetto e la mamma-agente ha detto sì all’offerta bianconera. E’ una storia che parte da lontano, la Juve è sempre...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Milan missione a Madrid, Juve e Napoli è già iniziata soprattutto sul mercato a suon di trattative. Roma su Bartra, su Lazzari esce allo scoperto la Fiorentina... 20.06 - Comincia l'avventura di Giampaolo in casa Milan (due anni di contratto più l'opzione per il terzo) e contestualmente Maldini e Boban, anche loro freschi di ufficialità, faranno il loro primo viaggio alla casa blanca. Un incontro, il primo, per conoscersi "ufficialmente" con il Real...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Sarri-Juventus-Guardiola: chi se ne frega delle guerre tra giornalisti. La questione importante è un’altra: rimangono tre misteri molto strani, tre domande che necessitano una risposta 19.06 - Stanno scorrendo fiumi di inchiostro che sigillano quello che è stato un esaltante e allo stesso tempo aberrante mese di calciomercato su Maurizio Sarri alla Juventus, con le relative grigliate del fumo prodotto su Guardiola. Nella guerra della primogenitura della notizia eviterò...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

La Juve di Sarri: un obiettivo, un sacrificio e un pizzico di Pep. Inter: la telefonata di Conte. Milan: Giampaolo è giusto se... Roma: Totti e il destino delle bandiere 18.06 - Eccoci qua tutti belli freschi dopo il Sarri day. Anzi, il Sarri-Annuncio, perché il Sarri day vero e proprio è in programma giovedì. Leopardi, antico poeta molto gobbo e sofferente, parlerebbe oggi di "quiete dopo la tempesta", ma non siam qui a fare letteratura spicciola e neppure...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve, finalmente Sarri: un progetto nuovo e affascinante. Totti, hai fatto la scelta giusta. Napoli, con Manolas e James inizieresti a ragionare da grande. Milan, benvenuto Giampaolo ma quanti rischi 17.06 - Finalmente è finita una telenovela lunga un mese; giorno più giorno meno. La Juventus ha avuto sempre le idee chiare, forse poteva fare chiarezza pubblica un pò prima, avrebbe potuto spegnere le voci (false) che rimbombavano sul web ma, giustamente, il club più quotato in Italia avrà...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

I colpi di Perez spiegano la decisione di Zidane (che era la prima scelta di Agnelli). L'allenatore della Juve e una triste battaglia. Calcio europeo da riformare: serve un compromesso 16.06 - Ci sarà tempo e modo di parlare della Juventus, del nuovo allenatore e di un racconto che meriterebbe studi sociologici approfonditi e non di un banale editoriale. Ma prima c'è da raccontare chi ha già operato, anche perché spiega con i fatti la decisione dell'allenatore che, lo scorso...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, riflettori puntati su Sensi e Veretout, in difesa Andersen e Lovren da monitorare, per la fascia sinistra c’è Mario Rui. Suso in partenza. Il Napoli pensa a Fares, per l’attacco uno tra James Rodriguez e Lozano 15.06 - Comincia a muoversi il mercato del Milan. Con l’arrivo di Giampaolo in panchina, di Massara come ds, di Boban in società e con il primo acquisto Krunic, il club rossonero ha sistemato già tanti tasselli. Ora deve costruire in maniera completa la squadra. Gli obiettivi più concreti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510