HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
Editoriale

Fabbri dalla rabbia di Totti agli errori dello Stadium. A fine gara, bravo Gattuso, perché i sottintesi e le mezze parole (come quelle di Reina) sono solo un danno

Nato a Firenze il 5 maggio del 1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato conduttore di Radio Sportiva ed è ora voce di RMC Sport.
07.04.2019 08:35 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 52887 volte

La fastidiosa costante è dover ribadire a chi crede e pensa che tutto sia indirizzato, regolato e sistemato, che qui non troverà terreno fertile e pure suggerire che il mondo è pieno di altre passioni. Un'altra è dover constatare che la Var è ancora piena di pecche, come per esempio il rapporto di forza tra arbitro e avar (l'arbitro al var). La terza è cercare di capire il perché della decisione dell'arbitro Fabbri. Che con la tecnologia non sembra molto avvezzo, urge sottolinearlo ai tifosi smemorati da bar social: è quello che fece sbottare Francesco Totti, a dicembre dopo la gara contro l'Inter della sua Roma. Contatto D'Ambrosio-Zaniolo netto, Rocchi non riceve indicazioni da Fabbri allo schermo. "Così si indirizzano le partite ma anche i campionati", disse il Pupone, che in parte può aver anche ragione anche se è interessante leggere quelle che sono le 'classifiche dei favori (errori a favore) arbitrali stagionali'. In testa chi c'è? La Roma. La Juventus, con ieri, ha un saldo positivo tra i 2 e i 3, nè favorito nè sfavorito c'è il Napoli, con un banale -1 le due milanesi al netto di quello di ieri.

Capisco la decisione di Fabbri, seppur credo abbia nettamente sbagliato: ha ritenuto congruo il movimento del braccio di Alex Sandro, le immagini a caldo non hanno aiutato profondamente e non traggano d'inganno i fermo immagine dove la palla impatta sul gomito. Il brasiliano, a detta e pensiero dell'arbitro, è in caduta e col braccio non commette fallo. Siamo in una terra oscura ma la realtà è che pure rivedere il fallo non gli ha fatto cambiare idea. E' stato coraggioso ma nel caso specifico l'errore c'è stato. Quello come una gestione sbagliata della gara, dei momenti di nervosismo, dei cartellini. E' andato nel pallone dopo quell'episodio e non è riuscito a riportare la sfida in carreggiata, mancando pure la gestione degli eccessi tra Musacchio, Romagnoli e soprattutto Mandzukic.

Nel post partita, poi, tanto di cappello alla lucidità che stavolta ha messo sul tavolo Gennaro Gattuso. "Sono un tesserato, non posso parlare e poi non fa parte del mio stile. Lo ripeto per l'ottava volta, la VAR è qualcosa di incredibile, mi piace tantissimo. Serve usarlo, avere il coraggio di fermare per tutto il tempo che ci vuole il gioco. Non so su che base hanno deciso di non dare il rigore ma non ne voglio parlare. Non cerco alibi. Oggi potevamo essere più bravi, abbiamo fatto due errori che ci sono costati cari. Ho fatto il calciatore, ero uno che tante volte le ingiustizie me le volevo sbrigare da solo. Dobbiamo essere più bravi a farci rispettare, a crescere. Non è corretto parlare di furti. Ci abbiamo messo del nostro e noi potevamo essere più fortunati". Pepe Reina, invece, ha deciso di sottintendere. "Quando esci da questo stadio esci sconfitto da tutti i livelli, quando ci sono delle decisioni 50 e 50, poche volte vieni premiato", , è il suo testuale in zona mista. Mette ancora sul tavolo la sudditanza? Sottintende, giustappunto, favoritismi e occhi di riguardo? Le parole non dette sono, da sempre, solo un danno. Come e più degli errori. Si abbia il coraggio delle proprie opinioni, se le accuse son fondate, nei confronti di chiunque s'intende. Altrimenti meglio tacere.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve, le plusvalenze non fanno vincere la Champions. Il Milan se ne frega del fair play finanziario, l'Inter riparte da Spalletti? Conte, Tuchel, Sarri e altre leggende 21.04 - La festa Scudetto non è tale quando esci dai quarti di Champions League per mano dell'Ajax. E soprattutto quando potevi farlo una settimana prima, con un pari tranquillo a Ferrara, invece di inserire giocatori di Serie C oppure giovani. La formazione era più forte di quella della...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, è Lukaku la prima scelta se parte Icardi. Dzeko e Zapata le altre ipotesi. Juventus, per il centrocampo si continua a monitorare Ndombele del Lione. Svolta Mertens, l’attaccante belga ora potrebbe rimanere. Giuntoli al lavoro per Callejon 13.04 - La fine del campionato è dietro l’angolo e una decisione deve essere presa per forza. La svolta tra l’Inter e Icardi sta per arrivare. L’addio resta l’ipotesi più probabile ma non scontata. Icardi è un grande bomber, ha 26 anni e ora più che mai è un’occasione di mercato per tante...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve, il Real vuole Kean. De Ligt, passi avanti. Conte, scatto della Roma. Un piano con Faggiano come ds. L’ombra del Qatar. Ma l’Inter vuole chiudere in fretta. Skriniar rinnova, Chiesa più lontano. Pioli-Fiorentina alle carte bollate 12.04 - La Juve deve fare in fretta a rinnovare il contratto di Moise Kean in scadenza fra un anno. Dopo la raffica di gol e le capacità tecniche e fisiche messe in mostra dal ragazzo del 2000, mezza Europa lo sta monitorando, ma in particolare è scattata l’attenzione del Real Madrid. Zidane...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510