HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Il Milan punta su Pioli: la scelta vi convince?
  Si, è l'allenatore giusto
  No, era meglio confermare Giampaolo
  No, serviva un altro allenatore

La Giovane Italia
Editoriale

Inizia il mercato, ecco cosa serve alla grandi. Juventus: indebolire l’Atletico prima della Champions? Inter: quel nome che ha tramortito la Juve… Napoli: il centrocampista che cambia la stagione. Milan: l’italiano da rilanciare

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
02.01.2019 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 39553 volte

Sedute al tavolo verde del calciomercato a santificare le giocate delle feste di Natale, le grandi del calcio italiano non hanno così tanti soldi da giocarsi tra tombola, baccarà e chemin de fer in famiglia.
Al di là del fatto che sia comunque complicato fare qualcosa a gennaio che incida davvero sulla squadra.
Ma c’è almeno un’esigenza particolare che le 5 grandi della Serie A proveranno a sanare in questa sessione. Eccole una per una, sapendo che per tre di queste 5 la mossa può essere vitale per entrare in Champions, e sempre che riescano un’altra volta a difendersi dall’assalto al potere della Lazio.

JUVENTUS: Ovvio che rispetto alle altre non sarebbe esatto parlare di esigenza in sé per sé. A ben guardare però c’è una debolezza nella Juventus, forse l’unica, per ora celata dall’ennesima annata monstre di Chiellini. Non è un caso che il capitano della Nazionale sia stato proprio il cucciolino gestito con cure più amorose possibili da Allegri: perché avanti Cristiano sarà insostituibile, ma di compagni all’altezza ne ha; a centrocampo i ricambi sono vari e differenti; in difesa invece la solidità del Chiello non la garantisce nessuno. E anche se le cifre della difesa juventina sono migliorate sensibilmente, tuttavia quando Chiellini non c’è il cambio è evidente, e lo è ancora di più se la sua assenza si accompagna per esempio alla presenza di Benatia. Comprare per comprare non ha ovviamente senso, perché con Bonucci, Benatia e Rugani i ricambi a livello quantitativo ce li hai. Munirsi per il presente o premunirsi per il futuro può probabilmente essere la via: e questo vuol dire andare su Diego Godin. L’operazione in stile parametro zero di Paratici è già avviata, servirebbero non meno di 6 milioni di € all’anno (minimo), e ci sarebbe da battere l’amore per l’Atletico e l’assalto del Manchester United. Non è probabile, ma è possibile. E il premio sarebbe doppio: perché portare via anzitempo un Godin in scadenza significherebbe minare l’Atletico prossimo avversario di Champions alle sue fondamenta, attentando alla devozione del proprio capitano.

INTER: La rosa non sarà forte come quella della Juve, ma è completa dal punto di vista numerico. Sta mancando soprattutto l’apporto qualitativo di Nainggolan, e in generale la capacità offensiva di creare palla a terra, tolto il rendimento di Politano. E occhio allora a un nome già trattato in estate da Ausilio, e poi colpevolmente abbandonato: Josip Ilicic, uno dei pochi con l’Atalanta capace di mettere sotto la Juve in questa metà stagione (finché è stato lasciato in campo). A Bergamo ovviamente non lo mollerebbero con piacere, ma è evidente come possa essere l’ultima occasione per lo sloveno per assaporare il grande calcio. E lo spazio nell’Inter ci sarebbe: pensate a un Icardi finalmente innescato palla a terra con assist a seguire, anziché con cross impossibili da arpionare in mezzo a difese schierate.

NAPOLI: Milik si è sbloccato, e se il polacco durerà allora in avanti la situazione è a posto. E anche il ripescaggio di Maksimovic, ambivalente al centro e a destra, risolve i problemi in difesa. Manca allora al Napoli l’apporto del centrocampo sottoporta: non è che in mezzo vada male, ma stanno mancando i gol degli incursori, anzi sta mancando proprio la presenza di un incursore da quando Hamsik è ormai definitivamente in posizione playmaker. Solo 9 i gol arrivati dal centrocampo: il settimo centrocampo per reti segnate, dietro anche la Fiorentina, che pure ha i suoi bei problemi per trovare la porta. E proprio dai Viola potrebbe arrivare il nome giusto: il Napoli è in fase esplorativa per Veretout, uno che darebbe aiuto anche sui calci piazzati. Trattativa molto costosa, ma De Laurentiis già in passato ha dimostrato di saper fare lo sforzo a gennaio.

MILAN: In casa rossonera i problemi invece si sprecano, ma alla fine la questione si riassume nei limiti di rendimento, perché la rosa sarebbe anche varia, infortuni permettendo. Sta mancando il costruttore di gioco, ma quello non è facile da trovare, mentre paradossalmente può essere più semplice trovare gol e creatività in fase offensiva. Quella che sta colpevolmente non fornendo Calhanoglu, per intenderci. Ma il Milan avrà Paquetà, e se il brasiliano sarà subito performante allora la nuova presenza sarebbe subito evidente. Mancherebbe però un interno capace di raccordare il gioco e aiutare la manovra offensiva. Attenzione al lavoro intrapreso già quest’estate con il Torino per Baselli: i granata non sarebbero in principio totalmente contrari a un prestito con un importante diritto di riscatto, qualora sia legato anche a delle garanzie sulle presenze. E probabilmente il Milan non potrà permettersi molto di più.

ROMA: tra le tante cose che non hanno funzionato per i giallorossi, c’è il flop della difesa. Se Manolas sta provando a riprendersi, Fazio dall’altro lato sta completamente controbilanciando l’incredibile stagione 2017-18. I difensore centrali sono la merce più rara, chi ce li ha se li tiene o li vende a tantissimo, per questo è difficile che la Roma riesca fino alla fine a portarsi dal Porto il 20enne brasiliano Eder Militao, già protetto da una clausola da 50 milioni. Anche l’Atalanta è una bottega cara, ma il rapporto è già consolidato: e le relazioni per Gianluca Mancini hanno già mesi di vissuto alle spalle. Anche quello è un affare da troppi zeri per essere intrapreso senza un precedente finanziamento, magari provvisto dalla cessione di Pastore…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

La colpa del Milan è dei milanisti: è una squadra da sesto posto, accettatelo! Lasciare a Pioli il tempo non dato a Giampaolo. L’Inter non fa sconti: giusto non pagare 4.5 milioni per favorire Spalletti (e il Milan)? 09.10 - L’unica cosa positiva di tutta questa storia a tinte rossonere è che un galantuomo come Stefano Pioli avrà la possibilità di rifarsi. Dopo aver dato alla città di Firenze quello che nessun contratto avrebbe potuto prevedere - uno straordinario slancio umano per tenere la testa alta...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: 90 minuti semi-perfetti e un dato di fatto “pericoloso”. Inter: il mercato estivo, le prime critiche e la richiesta di Conte. Milan: Spalletti è il prescelto, Pioli l’alternativa (in grande ascesa), Giampaolo è già il passato 08.10 - Ciao. C’è la sosta: un grande classico ottombrino. Due belle settimane di rotture di balle e questa volta con una maglia verde in più, quella della Nazionale. Sapete cosa cambia la presenza della maglia verde rispetto alla noia mortale del “pausone”? Niente. Ma per annoiarci c’è gran...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Maldini, in cerca di esperienza e alla ricerca della classe (persa a Genova): ecco cosa è successo. A Firenze ho visto la luce... classe 1997 e non è Chiesa 07.10 - Siete pronti a leggere una bestemmia pubblica? Eccola: in tutto questo strazio, al Milan, il meno colpevole è Marco Giampaolo. Un allenatore bravo, un grande teorico, non sempre un eccellente pratico a tal punto che pochi anni fa per far ripartire la sua carriera è dovuto scendere...

Editoriale DI: Marco Conterio

Conte e la lezione dell'Inter alla Serie A. Sarri resta ancora una splendida scommessa. Che succede ad Ancelotti e al Napoli? 06.10 - Quanto conta un allenatore, nel rendimento di una squadra? Nelle partite e nei campionati? Domande, non risposte. Trovarle è sempre stata un arcano, quando sembrava d'avere il Graal è arrivato il santone a sovvertire le gerarchie. Un'annata a raccontare un altro percorso, un'altra...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Genoa-Milan, un sabato di passione. Ultima chiamata per Giampaolo ma l’eventuale sostituto resta un rebus. Ai rossoneri serve un leader alla Ribery. Inter, contro la Juventus  ancora fiducia a Lautaro, Ramsey la chiave tattica di Sarri 05.10 - C’è una partita che vale una stagione o quasi. Dopo 6 giornate di campionato Genoa-Milan è uno spartiacque per Andreazzoli e Giampaolo. Ed è incredibile soprattutto la situazione del Milan Il rendimento dei rossoneri è inspiegabile, 2 vittorie e 4 sconfitte, le ultime 3 consecutive,...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter, sfida totale alla Juve. Torna Lukaku con Politano, Ronaldo con Higuain e Ramsey. Sarri-Conte dall’Arezzo allo scudetto. Milan, confusione totale: Elliott deve vendere nonostante le smentite. Insigne, ecco cosa è successo con Ancelotti 04.10 - Sarri e Conte, due allenatori che dodici anni fa non riuscirono a salvare l’Arezzo dalla retrocessione in serie C, domenica si ritrovano a ragionare di scudetto. E’ un’altra bella storia o favola, fate voi, confezionata dal Dio del Pallone. Quell’anno si divisero il lavoro su una...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510