HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Italiane, chi va avanti in Champions League?
  Passerà solo la Juventus
  Juventus e Napoli
  Juventus, Napoli e Inter
  Juventus e Inter
  Juventus, Napoli e Atalanta
  Juventus, Atalanta e Inter
  Juventus, Atalanta, Napoli e Inter

La Giovane Italia
Editoriale

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
14.10.2019 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 13596 volte

Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare dall'altra parte del mondo e spesso tornano anche infortunati, come è accaduto a Zapata dell'Atalanta e Medel del Bologna. I club pagano per far infortunare i propri calciatori per l'amata Patria. Infantino dovrebbe rivedere un po' di cose e, tra queste, ci sarebbero anche le qualificazioni a Mondiali ed Europei. Meglio più partite insieme che due ogni due mesi. I campionati ne risentono. Il Milan ha cambiato e spera di aver svoltato con Pioli al posto di Giampaolo. E' la grande sconfitta dell'allenatore abruzzese, sicuramente. Aspettava la chance della vita. L'ha avuta, dopo la delusione Juventus, e se l'è giocata male in sette giornate. Sicuramente non sono sue tutte le colpe ma, anche Giampaolo è finito nel club prestigioso al momento sbagliato con una società che è una accozzaglia di nomi e senza una proprietà forte che intervenga quando c'è da intervenire. Giampaolo ci ha rimesso le penne ed è passato come il fesso della compagnia. Ha le sue colpe, certamente, ma distribuiamo almeno il 50% tra mister e 50% con la dirigenza rossonera. Buon lavoro a Pioli che quando subentra fa sempre bene. E' un buon allenatore, anche se il Milan ha bisogno di altro. Il Milan aveva bisogno di dare continuità al progetto e avrebbe dovuto continuare con Rino Gattuso. Avrebbero dovuto comprargli due calciatori, fare piazza pulita in automatico dei vari Montolivo e Bertolacci e avrebbe dovuto continuare con il suo 4-3-3 ormai consolidato con il gruppo. Gattuso ha detto no alla Sampdoria. Anche se ha tentennato dopo l'incontro con Ferrero a Milano. Ha fatto bene Rino a restare sulla sua posizione. Il lavoro al Milan e il flop di quest'anno dei rossoneri consacra e certifica la sua professionalità; insieme a quella del suo staff. Andare oggi alla Samp è un rischio che può correre un allenatore di vecchia data che non ha nulla da perdere perché la carriera l'ha fatta, vedi Ranieri, ma non un emergente che ha dimostrato di essere perfetto per una big e non può accontentarsi di andare a giocare per la salvezza con una squadra con limiti oggettivi. Quagliarella non è eterno. E' servito male ma ricorda un po' Di Natale ad Udine. Fabio ha 36 anni e calciatori di questa età staccano la spina da un anno all'altro senza che qualcuno ti possa avvisare. Non stiamo dicendo che Quagliarella farà un flop ma non può la Sampdoria contare tutti gli anni sui 20 gol di Quagliarella.
Sta scoccando l'ora della verità per Carlo Ancelotti a Napoli. In questi 16 mesi è la vera delusione della nostra serie A; sarà anche perché abbiamo aspettative elevatissime verso uno dei migliori allenatori del mondo degli ultimi 15 anni. Ancelotti è un vincente ma, a quanto pare, Napoli sta cambiando Ancelotti e non viceversa. La scorsa stagione è stata una mezza delusione, adesso è già a - 6 dopo 7 giornate dalla vetta della classifica. La mano dell'allenatore ancora non si è vista. Manca costanza a questo Napoli per fare qualcosa di unico, oltre alla singola vittoria di Champions con il Liverpool. Ancelotti ha vinto tutto, ovunque. Gli manca Napoli, vincere in Campania sarebbe qualcosa di unico ma di questo passo finirà senza successi. Il tempo è scaduto. Ora o mai più, altrimenti, difficilmente il prossimo anno resterà ancora a Napoli, dopo che questa estate qualche scricchiolio già c'è stato.
La scorsa settimana è stata quella delle polemiche che hanno coinvolto Gianluca Petrachi. Il Direttore Sportivo della Roma ha detto, in sintesi, che il calcio non è uno sport per signorine e giù via con insulti, interrogazioni parlamentari e titoli di giornali sportivi che si scandalizzavano per la frase del Direttore Sportivo della Roma. Questa frase la sentiamo da 50 anni ma, negli ultimi due anni, è diventata tabù. Petrachi ha poi ritrattato con una dichiarazione all'Ansa ma solo perché è stato costretto a farlo. In questo mondo e Paese di falsi bisognerebbe essere più coraggiosi e dire ciò che si pensa e non dire qualcosa per poi ritrattare. Nessuno, neanche Petrachi, ha insultato le donne. Ci mancherebbe. Le amiamo e guai a fare a meno delle donne. Le donne possono e devono riempire gli stadi, fare il tifo e stare su un divano a tifare per la propria squadra del cuore. Quando, invece, si parla di calcio giocato nessuno si scandalizzi se facciamo delle differenze tra calcio maschile e quello femminile. Sono due sport e due mondi diversi. Ciò non significa che si sta offendendo un intero sistema. Basta ipocrisia e soprattutto diciamo perché il sistema sta puntando molto sul calcio femminile, perché Infantino riserverà milioni e milioni di euro al femminile ignorando che c'è un mondo che aspetta soldi e organizzazione per sviluppare il calcio giovanile e migliorare le infrastrutture in diversi Paesi dove il calcio coinvolge il 90% della popolazione.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Cristiano Ronaldo è più grande della Juventus, e la Juve lo ha accettato. Ok il marketing, ma è venuto per la Champions League: per vincerla si perdona di tutto. Sarri-Allegri: dopo 3 mesi cosa è cambiato? 13.11 - Non è la prima volta che succede, e non è certo la fine del mondo del calcio, né tantomeno del mondo juventino, né tantomeno del mondo cristianoronaldiano. Un giocatore, stellare e acclamato, che esce in disaccordo per una decisione, e tira dritto per gli spogliatoi, incazzato per...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Ronaldo e gli effetti collaterali generati da un giocatore diverso dagli altri. Inter: la "pace" di Conte e i 2 colpi sul mercato. Milan: senza attacco non si va lontano, serve "quel" nome. E... bentornato Andrea 12.11 - Ben trovati. Sapete molto bene quanto da queste parti apprezziamo le pause per la Nazionale. Moltissimo. Ecco, esatto, in regime di “pausa” viene fuori un po’ di tutto: ci si annoia, saltano fuori le balle di mercato, si esasperano le polemiche e così via. In questo specifico caso...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, multali tutti: da Insigne ad Ancelotti. Inter, fai lo stesso con Conte. Marotta non guardi in faccia a nessuno. Cellino, te la sei cercata. Ibra? Poi mettiamo la scritta “completo” a Milanello 11.11 - La settimana vissuta dal Napoli, molto probabilmente, non la vivono molte squadre dalla serie A alla serie D. Una pessima gestione… di tutto. Una squadra amatoriale, una società senza personalità e dirigenti succubi del Presidente che non riescono a gestire il rapporto tra squadra-staff-proprietà....

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Prima Marotta, poi Barella: ieri l'Inter ha risposto due volte a Conte (che è in una botte di ferro). Ma nel mirino c'era soprattutto il mercato: a gennaio Ausilio dovrà 'alzare i giri del motore' 10.11 - Trentuno punti in dodici partite. Solo cinque lasciati per strada, di cui tre contro la Juventus. Il primo scorcio di Serie A dell'Inter di Antonio Conte si chiude con numeri da squadra che vuole lottare fino alla fine per la conquista dello Scudetto. Vuole provarci, anche a costo...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, Conte spinge per Vidal ma il Barcellona non molla e il centrocampista resta un rebus. Giroud per l’attacco. Napoli, Mertens e Callejon più vicini all’addio. Futuro di Insigne, Koulibaly e Allan da decifrare 09.11 - La sconfitta di Dortmund ha decisamente accelerato le strategie di mercato dell’Inter per gennaio. La sensazione però al momento è che non ci saranno grandi investimenti, programmati invece per l’estate. E allora proviamo a inquadrare cosa potrebbe succedere. Due sono i reparti in...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ibra al Milan: è fatta, lo dice la Mls. Inter-Conte, tutti i nomi di Marotta. Vidal e Kulusevski in pole. Napoli caos, De Laurentiis nei guai per Sarri. Mertens e Callejon via ora, Insigne e Koulibaly a giugno 08.11 - La bomba arriva dagli Usa a tarda ora: Ibra s’è accordato con il Milan. La rivelazione, non sappiamo fino a quanto voluta o semplice gaffe, arriva direttamente da Don Garber, commissioner della Mls, la lega americana. In una intervista il manager ha confessato il dispiacere per l’addio...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le conseguenze della Champions, due giornate di fuoco per Napoli e Inter. Sorride invece la Juve e spera ancora l’Atalanta… 07.11 - La Champions ha lasciato degli strascichi, più pesanti che mai, almeno poco pronosticabili alla vigilia. Partiamo da quello più scontato, anche se con un grado di difficoltà maggiore visto quello che abbiamo notato sul campo. La Juventus è per la sesta volta consecutiva agli ottavi...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Antonio Conte show: ecco l’incredibile sfogo a Dortmund. Avrà conseguenze? Quanto c’è di vero, e quanto è solo reazione? Occhio alle parole di Lautaro, forse ancora più importanti. E il precedente di Mourinho… 06.11 - Era partito piano, quasi arrendevole Conte. No, non parliamo del campo, lì anzi era stato il contrario, aveva domato il Westfalen nel Primo Tempo come raramente si è visto negli ultimi dieci anni. Parliamo del post-partita. Quasi rassegnato in principio nelle dichiarazioni: “Troppi...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Inter: un ringraziamento a “mamma e papà” prima di sfidare il muro giallo. Milan: c'è solo una strada per uscire dalla mediocrità e ha un nome. Napoli e Roma: attenti ai commentatori. Balotelli: ecco cosa manca. E sul Var... 05.11 - Eccoci. Mala tempora currunt. 1) Cioè, Balotelli si incazza. E c’ha ragione. E tutti dicono “c’ha ragione” ma poi c’è chi aggiunge “sì, c’ha ragione però…”. Però che? Il fatto è che sarebbe bello se per una volta a prendere a pallonate i senzacervello non fossero i calciatori...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Sarri ha ragione: così il Var ha stancato. Verratti a 17 milioni, un'impresa di Raiola. Ancelotti, -6.... Sartori il più grande esperto di calcio in Italia! Empoli e Samp, più rispetto per i giovani 04.11 - Parole sante, quelle di venerdì scorso di Maurizio Sarri. Vi faccio la sintesi delle puntate precedenti: il Var viene usato tanto e male, nel resto d'Europa sono più veloci e non è così invasivo. Era nato per evitare errori macroscopici. Come dare torto all'allenatore della Juventus....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510