HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

Roma padrona, adesso le scuse a Di Francesco e Monchi. Quello che Paratici non dice: l’asse di scambio Isco-Dybala è più di una possibilità per la Juventus. Lo spogliatoio vuole Sarri fuori: Inter, Roma o Milan se lo prenderebbero?

13.02.2019 07:56 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 32283 volte

Roma padrona, in Champions non perdona. Visto che bisogna adeguarsi a chi c’è al governo, allora si può riattare uno slogan politico usato da quella parte nell’epoca Tangentopoli per fotografare i giallorossi in Europa.
Tanto parlare, tanto condannare, e poi la Roma è stata una potenza all’Olimpico, con un risultato che le va strettissimo, e che non garantisce minimamente la qualificazione, anzi, è il più infido possibile nel doppio confronto.
Ma sarà quel che sarà, al Dragao si può benissimo perdere e uscire, ma intanto c’è questa serata che fa vedere cosa è questa Roma quando gioca da squadra. Che certo, non è avvenuto troppo spesso quest’anno. Ma tolta l’umiliazione di Coppa Italia, a ben vedere nonostante la crisi continua la Roma è pur sempre a solo 1 punto dalla zona Champions, ed era transitata confortabilmente agli Ottavi. E dunque, le peste e corna dette su Di Francesco, non può essere che fossero un’anticchia esagerate? Perché a ben vedere ancora più da vicino, la Roma in Champions non ha mai svaccato con Di Francesco, anzi è sempre stata all’altezza: in quasi due anni di campagne europee, è stata completamente messa sotto sul piano della prestazione solo al Bernabeu e all’Anfield Road, e ammetterete che lo si possa concedere. Per il resto, sempre come minimo dignitosa.
E visto che siamo in clima di conti da stilare, una domanda è lecito porsi: non passa settimana che non si tessano le lodi di Zaniolo, del futuro del calcio italiano per i prossimi 10 anni.
Ma se è così - ed è così - perché non se ne riconosce il merito a Monchi? Il direttore spagnolo è crocefisso da un anno e mezzo nella Capitale, con accuse inesatte su Salah prima, e poi sugli acquisti in generale. Ma era lui che l’anno scorso scovò un Under che nessuno conosceva. E le cessione milionarie non sono certo un vezzo, ma una direttiva a cui ha assolto al meglio delle possibilità.
E soprattutto, nessuno ma proprio nessuno aveva visto Zaniolo arrivare. Perché allora non dare atto a Monchi di aver messo a segno un colpo epocale, e per due spiccioli?

Nella ricca intervista di Walter Veltroni a Fabio Paratici sulla Gazzetta dello Sport abbiamo imparato molte cose su un personaggio lui sì lodato, e giustamente, dagli addetti ai lavori.
Abbiamo imparato che quindi, nonostante le smentite delle ancelle del potere, i foglietti trovati nel ristorante erano stati vergati da Paratici stesso con gli obiettivi di mercato (ma del resto lo immaginavamo che il buon Fabio fosse come noi, uno che si scrive le strategie come noi facciamo con quelle per l’asta del fantacalcio - ché il fantacalcio è cosa serissima).
E dunque si può evincere che prima o poi la Juventus ci proverà per Zaniolo, ma i 40 milioni segnati sul foglietto sembrano già approssimati per difetto. Così come dovremo aspettarci qualcosa per Milinkovic-Savic (perché quel Savic segnato accanto a Pjanic non ce la conta giusta, hai voglia a convincerci che si tratti di Stefan Savic, per 50 milioni poi, come no).
Ma è interessante aver appreso anche una dettaglio cui nessuno stranamente ha dato risalto: Paratici, e dunque la Juventus, ritengono Cristiano inferiore a Messi.
Per forza: il direttore della Juventus ha affermato che Dybala è migliorabile solo con Messi (aggiungendo ‘forse’), magari si riferiva solo a quelli esterni della Juve, magari no…
Ma provocazioni a parte, c’è una cosa che non ha detto: ovvero che il Real Madrid sta tentando di intavolare uno scambio tra Dybala e Isco. Lo spagnolo ormai è fuori dal Madrid, esautorato da staff tecnico e dirigenziale. Lui guarda all’Inghilterra sponda City, ma Florentino ha interesse verso Dybala, e vorrebbe fare uno scambio secco. Alla Juve interessa Isco, ma continua a valutare Dybala sui 110 milioni, un prezzo che oggi nessuno è disposta a sborsare (più facile prendere 18 milioni per Sturaro…), e allora per ora si rimane nel vorrei ma non posso.

Come i senatori del Chelsea: hanno fatto fuori Sarri. Non lo vogliono più, non lo seguono più, sperano che anche Marina lo licenzi. Il mister troppo presto ha cominciato a criticare la squadra, eppure non ha tutti i torti visto che il livello della rosa non è da oltre il quarto posto, pericolo di cui aveva già avvertito Conte. A questo punto, è altamente improbabile che Sarri il prossimo anno sia ancora l’allenatore del Chelsea.
E in una stagione così incerta, non si può certo essere sicuri in Italia di chi andrà e chi resterà. Anche se Di Francesco e Spalletti sembra difficile possano essere confermati (ingiustamente), mentre il destino di Gattuso è appeso al quarto posto o alla vittoria della Coppa Italia.
Con Sarri a disposizione, chi dovrebbe affrettarsi a prenderlo? La Roma piena di giovani come piace a lui? L’Inter ricca e ambiziosa come finalmente potrebbe volere? O il Milan 4 anni dopo, visto che nel marzo 2015 Galliani aveva già stretto un accordo informale con Sarri, salvo poi virare su Mihajlovic, che a sua volta aveva dato la sua parola al Napoli ma che De Laurentiis lasciò al palo proprio per prendersi Sarri? Tra 4 mesi avremo risposta…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Sarri cinico e spietato. Juve, ecco cosa ti manca. Maran top, merita una grande. Mazzarri flop, servono i fatti. C'era una volta il miracolo Catania. Lo Monaco, che errore il ritorno! 21.10 - Per lo spettacolo c'è tempo, adesso serve concretezza e fare molti punti per non tenere in gioco, o meglio tenere il più distante possibile, il nemico. La Juventus vista con il Bologna non ha brillato di luce propria ma ha portato a casa quello che doveva portare e si sta iniziando...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Insigne venga trattato da capitano (o si volti pagina). Mandzukic e l'accordo 'suicida'. In Serie A c'è un club perfetto per questo Zlatan Ibrahimovic 20.10 - Tutti i nodi vengono al pettine. Tutti i problemi, quando non li risolvi e provi solo ad accantonarli, ti tornano indietro più forti di prima. E' così nella vita, è così nel calcio. Prendete Lorenzo Insigne: lui non potrà mai dirlo, perché è napoletano e capitano del Napoli, ma in...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510