HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
Editoriale

Roma padrona, adesso le scuse a Di Francesco e Monchi. Quello che Paratici non dice: l’asse di scambio Isco-Dybala è più di una possibilità per la Juventus. Lo spogliatoio vuole Sarri fuori: Inter, Roma o Milan se lo prenderebbero?

13.02.2019 07:56 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 32237 volte

Roma padrona, in Champions non perdona. Visto che bisogna adeguarsi a chi c’è al governo, allora si può riattare uno slogan politico usato da quella parte nell’epoca Tangentopoli per fotografare i giallorossi in Europa.
Tanto parlare, tanto condannare, e poi la Roma è stata una potenza all’Olimpico, con un risultato che le va strettissimo, e che non garantisce minimamente la qualificazione, anzi, è il più infido possibile nel doppio confronto.
Ma sarà quel che sarà, al Dragao si può benissimo perdere e uscire, ma intanto c’è questa serata che fa vedere cosa è questa Roma quando gioca da squadra. Che certo, non è avvenuto troppo spesso quest’anno. Ma tolta l’umiliazione di Coppa Italia, a ben vedere nonostante la crisi continua la Roma è pur sempre a solo 1 punto dalla zona Champions, ed era transitata confortabilmente agli Ottavi. E dunque, le peste e corna dette su Di Francesco, non può essere che fossero un’anticchia esagerate? Perché a ben vedere ancora più da vicino, la Roma in Champions non ha mai svaccato con Di Francesco, anzi è sempre stata all’altezza: in quasi due anni di campagne europee, è stata completamente messa sotto sul piano della prestazione solo al Bernabeu e all’Anfield Road, e ammetterete che lo si possa concedere. Per il resto, sempre come minimo dignitosa.
E visto che siamo in clima di conti da stilare, una domanda è lecito porsi: non passa settimana che non si tessano le lodi di Zaniolo, del futuro del calcio italiano per i prossimi 10 anni.
Ma se è così - ed è così - perché non se ne riconosce il merito a Monchi? Il direttore spagnolo è crocefisso da un anno e mezzo nella Capitale, con accuse inesatte su Salah prima, e poi sugli acquisti in generale. Ma era lui che l’anno scorso scovò un Under che nessuno conosceva. E le cessione milionarie non sono certo un vezzo, ma una direttiva a cui ha assolto al meglio delle possibilità.
E soprattutto, nessuno ma proprio nessuno aveva visto Zaniolo arrivare. Perché allora non dare atto a Monchi di aver messo a segno un colpo epocale, e per due spiccioli?

Nella ricca intervista di Walter Veltroni a Fabio Paratici sulla Gazzetta dello Sport abbiamo imparato molte cose su un personaggio lui sì lodato, e giustamente, dagli addetti ai lavori.
Abbiamo imparato che quindi, nonostante le smentite delle ancelle del potere, i foglietti trovati nel ristorante erano stati vergati da Paratici stesso con gli obiettivi di mercato (ma del resto lo immaginavamo che il buon Fabio fosse come noi, uno che si scrive le strategie come noi facciamo con quelle per l’asta del fantacalcio - ché il fantacalcio è cosa serissima).
E dunque si può evincere che prima o poi la Juventus ci proverà per Zaniolo, ma i 40 milioni segnati sul foglietto sembrano già approssimati per difetto. Così come dovremo aspettarci qualcosa per Milinkovic-Savic (perché quel Savic segnato accanto a Pjanic non ce la conta giusta, hai voglia a convincerci che si tratti di Stefan Savic, per 50 milioni poi, come no).
Ma è interessante aver appreso anche una dettaglio cui nessuno stranamente ha dato risalto: Paratici, e dunque la Juventus, ritengono Cristiano inferiore a Messi.
Per forza: il direttore della Juventus ha affermato che Dybala è migliorabile solo con Messi (aggiungendo ‘forse’), magari si riferiva solo a quelli esterni della Juve, magari no…
Ma provocazioni a parte, c’è una cosa che non ha detto: ovvero che il Real Madrid sta tentando di intavolare uno scambio tra Dybala e Isco. Lo spagnolo ormai è fuori dal Madrid, esautorato da staff tecnico e dirigenziale. Lui guarda all’Inghilterra sponda City, ma Florentino ha interesse verso Dybala, e vorrebbe fare uno scambio secco. Alla Juve interessa Isco, ma continua a valutare Dybala sui 110 milioni, un prezzo che oggi nessuno è disposta a sborsare (più facile prendere 18 milioni per Sturaro…), e allora per ora si rimane nel vorrei ma non posso.

Come i senatori del Chelsea: hanno fatto fuori Sarri. Non lo vogliono più, non lo seguono più, sperano che anche Marina lo licenzi. Il mister troppo presto ha cominciato a criticare la squadra, eppure non ha tutti i torti visto che il livello della rosa non è da oltre il quarto posto, pericolo di cui aveva già avvertito Conte. A questo punto, è altamente improbabile che Sarri il prossimo anno sia ancora l’allenatore del Chelsea.
E in una stagione così incerta, non si può certo essere sicuri in Italia di chi andrà e chi resterà. Anche se Di Francesco e Spalletti sembra difficile possano essere confermati (ingiustamente), mentre il destino di Gattuso è appeso al quarto posto o alla vittoria della Coppa Italia.
Con Sarri a disposizione, chi dovrebbe affrettarsi a prenderlo? La Roma piena di giovani come piace a lui? L’Inter ricca e ambiziosa come finalmente potrebbe volere? O il Milan 4 anni dopo, visto che nel marzo 2015 Galliani aveva già stretto un accordo informale con Sarri, salvo poi virare su Mihajlovic, che a sua volta aveva dato la sua parola al Napoli ma che De Laurentiis lasciò al palo proprio per prendersi Sarri? Tra 4 mesi avremo risposta…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, è Lukaku la prima scelta se parte Icardi. Dzeko e Zapata le altre ipotesi. Juventus, per il centrocampo si continua a monitorare Ndombele del Lione. Svolta Mertens, l’attaccante belga ora potrebbe rimanere. Giuntoli al lavoro per Callejon 13.04 - La fine del campionato è dietro l’angolo e una decisione deve essere presa per forza. La svolta tra l’Inter e Icardi sta per arrivare. L’addio resta l’ipotesi più probabile ma non scontata. Icardi è un grande bomber, ha 26 anni e ora più che mai è un’occasione di mercato per tante...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve, il Real vuole Kean. De Ligt, passi avanti. Conte, scatto della Roma. Un piano con Faggiano come ds. L’ombra del Qatar. Ma l’Inter vuole chiudere in fretta. Skriniar rinnova, Chiesa più lontano. Pioli-Fiorentina alle carte bollate 12.04 - La Juve deve fare in fretta a rinnovare il contratto di Moise Kean in scadenza fra un anno. Dopo la raffica di gol e le capacità tecniche e fisiche messe in mostra dal ragazzo del 2000, mezza Europa lo sta monitorando, ma in particolare è scattata l’attenzione del Real Madrid. Zidane...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la legge di CR7 e le panchine che cambiano in Serie A 11.04 - Tiene duro la Juventus, CR7 ci mette sempre la sua firma per un gol che fra una settimana potrebbe valere moltissimo. La Juve tocca con mano la freschezza dei giovani talenti olandesi, ma ha assolutamente imparato la lezione impartita al Real Madrid negli ottavi di finale. Non ha...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510