HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Roma e Juventus ce la faranno a qualificarsi ai quarti di finale?
  Si, entrambe
  Solo la Roma
  Solo la Juventus
  No, nessuna delle due

La Giovane Italia
Editoriale

Roma padrona, adesso le scuse a Di Francesco e Monchi. Quello che Paratici non dice: l’asse di scambio Isco-Dybala è più di una possibilità per la Juventus. Lo spogliatoio vuole Sarri fuori: Inter, Roma o Milan se lo prenderebbero?

13.02.2019 07:56 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 31972 volte

Roma padrona, in Champions non perdona. Visto che bisogna adeguarsi a chi c’è al governo, allora si può riattare uno slogan politico usato da quella parte nell’epoca Tangentopoli per fotografare i giallorossi in Europa.
Tanto parlare, tanto condannare, e poi la Roma è stata una potenza all’Olimpico, con un risultato che le va strettissimo, e che non garantisce minimamente la qualificazione, anzi, è il più infido possibile nel doppio confronto.
Ma sarà quel che sarà, al Dragao si può benissimo perdere e uscire, ma intanto c’è questa serata che fa vedere cosa è questa Roma quando gioca da squadra. Che certo, non è avvenuto troppo spesso quest’anno. Ma tolta l’umiliazione di Coppa Italia, a ben vedere nonostante la crisi continua la Roma è pur sempre a solo 1 punto dalla zona Champions, ed era transitata confortabilmente agli Ottavi. E dunque, le peste e corna dette su Di Francesco, non può essere che fossero un’anticchia esagerate? Perché a ben vedere ancora più da vicino, la Roma in Champions non ha mai svaccato con Di Francesco, anzi è sempre stata all’altezza: in quasi due anni di campagne europee, è stata completamente messa sotto sul piano della prestazione solo al Bernabeu e all’Anfield Road, e ammetterete che lo si possa concedere. Per il resto, sempre come minimo dignitosa.
E visto che siamo in clima di conti da stilare, una domanda è lecito porsi: non passa settimana che non si tessano le lodi di Zaniolo, del futuro del calcio italiano per i prossimi 10 anni.
Ma se è così - ed è così - perché non se ne riconosce il merito a Monchi? Il direttore spagnolo è crocefisso da un anno e mezzo nella Capitale, con accuse inesatte su Salah prima, e poi sugli acquisti in generale. Ma era lui che l’anno scorso scovò un Under che nessuno conosceva. E le cessione milionarie non sono certo un vezzo, ma una direttiva a cui ha assolto al meglio delle possibilità.
E soprattutto, nessuno ma proprio nessuno aveva visto Zaniolo arrivare. Perché allora non dare atto a Monchi di aver messo a segno un colpo epocale, e per due spiccioli?

Nella ricca intervista di Walter Veltroni a Fabio Paratici sulla Gazzetta dello Sport abbiamo imparato molte cose su un personaggio lui sì lodato, e giustamente, dagli addetti ai lavori.
Abbiamo imparato che quindi, nonostante le smentite delle ancelle del potere, i foglietti trovati nel ristorante erano stati vergati da Paratici stesso con gli obiettivi di mercato (ma del resto lo immaginavamo che il buon Fabio fosse come noi, uno che si scrive le strategie come noi facciamo con quelle per l’asta del fantacalcio - ché il fantacalcio è cosa serissima).
E dunque si può evincere che prima o poi la Juventus ci proverà per Zaniolo, ma i 40 milioni segnati sul foglietto sembrano già approssimati per difetto. Così come dovremo aspettarci qualcosa per Milinkovic-Savic (perché quel Savic segnato accanto a Pjanic non ce la conta giusta, hai voglia a convincerci che si tratti di Stefan Savic, per 50 milioni poi, come no).
Ma è interessante aver appreso anche una dettaglio cui nessuno stranamente ha dato risalto: Paratici, e dunque la Juventus, ritengono Cristiano inferiore a Messi.
Per forza: il direttore della Juventus ha affermato che Dybala è migliorabile solo con Messi (aggiungendo ‘forse’), magari si riferiva solo a quelli esterni della Juve, magari no…
Ma provocazioni a parte, c’è una cosa che non ha detto: ovvero che il Real Madrid sta tentando di intavolare uno scambio tra Dybala e Isco. Lo spagnolo ormai è fuori dal Madrid, esautorato da staff tecnico e dirigenziale. Lui guarda all’Inghilterra sponda City, ma Florentino ha interesse verso Dybala, e vorrebbe fare uno scambio secco. Alla Juve interessa Isco, ma continua a valutare Dybala sui 110 milioni, un prezzo che oggi nessuno è disposta a sborsare (più facile prendere 18 milioni per Sturaro…), e allora per ora si rimane nel vorrei ma non posso.

Come i senatori del Chelsea: hanno fatto fuori Sarri. Non lo vogliono più, non lo seguono più, sperano che anche Marina lo licenzi. Il mister troppo presto ha cominciato a criticare la squadra, eppure non ha tutti i torti visto che il livello della rosa non è da oltre il quarto posto, pericolo di cui aveva già avvertito Conte. A questo punto, è altamente improbabile che Sarri il prossimo anno sia ancora l’allenatore del Chelsea.
E in una stagione così incerta, non si può certo essere sicuri in Italia di chi andrà e chi resterà. Anche se Di Francesco e Spalletti sembra difficile possano essere confermati (ingiustamente), mentre il destino di Gattuso è appeso al quarto posto o alla vittoria della Coppa Italia.
Con Sarri a disposizione, chi dovrebbe affrettarsi a prenderlo? La Roma piena di giovani come piace a lui? L’Inter ricca e ambiziosa come finalmente potrebbe volere? O il Milan 4 anni dopo, visto che nel marzo 2015 Galliani aveva già stretto un accordo informale con Sarri, salvo poi virare su Mihajlovic, che a sua volta aveva dato la sua parola al Napoli ma che De Laurentiis lasciò al palo proprio per prendersi Sarri? Tra 4 mesi avremo risposta…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Allegri, questo è un addio. Zidane no al Chelsea per andare alla Juve. In corsa anche Deschamps. Tutta colpa di Dybala. Mou aspetta l’Inter. Sarri alla Roma si può 22.02 - Allegri, e adesso? La sconfitta con l’Atletico, clamorosa quanto inattesa, senza attenuanti, chiama pesantemente in causa l’allenatore bianconero. E’ vero che c’è la gara di ritorno, è altrettanto vero che la Juve ha nelle corde le rimonte clamorose, ma questa (purtroppo) sembra un’altra...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Juve: la pressione della Champions e una montagna da scalare Icardi: tra visite e fascia è iniziata la partita a scacchi 21.02 - La montagna da scalare più alta di quanto si possa immaginare. Nulla è impossibile nel calcio e i record sono fatti per essere battuti... però i numeri ti aiutano a capire quanto sia pesante il risultato arrivato ieri. Simeone non è mai uscito dalla Champions League dopo aver vinto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Icardi-Inter: forse non è solo ciò che ci hanno detto, e forse non è colpa di Marotta. Ecco la lotta di potere in cui si sono trovati in mezzo dirigente e giocatore. E ci sono già Chelsea e Juventus. Dybala a Madrid, e non giocherà nell’Inter 20.02 - Dire qualcosa che non sia stato ancora detto, scritto e pensato sul caso Icardi è quasi impossibile. E quasi tutti rimarranno della loro opinione, colpevolisti o innocentisti. Personalmente, penso che la società abbia sbagliato a togliere la fascia da capitano, a creare una frattura...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la mossa di Allegri per l’Atletico, quella di Paratici sul mercato. Inter: il ritorno di Icardi, il “metodo Marotta” e… la situazione Conte. Milan: Leonardo, gran doppietta. E su Cuneo-ProPiacenza… 19.02 - Buondì, la Roma sta giocando contro il Bologna, nel frattempo Wanda Nara brucia in un camino le foto di lei con Icardi. Pare sia un’usanza per scacciare le maledizioni. Io insisto: meglio i gin-tonic. Comunque, è stata una settimana molto intensa e tutti hanno parlato di un “caso”...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

A Cuneo, il funerale del calcio italiano. Leonardo, su Piatek a 35 milioni hai avuto ragione tu. Su Gattuso ti sei ricreduto. Caso Icardi, Wanda-Nera e, forse, Maxi Lopez non era così matto... 18.02 - Voi, giustamente, vorreste parlare della Juventus che si gioca la Champions, del Milan che sogna il ritorno nell'Europa che conta, del caso Icardi e del Napoli che prepara tre colpi per l'estate. Vi devo deludere. Non fregherà niente a nessuno ma sappiate che ieri c'è stato il funerale...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Icardi è il caso dell'anno, anche se tutti vorrebbero il rinnovo... ma il problema è Higuain. Mercoledì tocca (davvero) a Cristiano Ronaldo, il Napoli deve affidarsi al suo Re di Coppe 17.02 - Ci sono tre assunti nella vicenda Icardi. Sia Mauro che il club vorrebbero il rinnovo, ognuno alle sue condizioni. Nessuno ha mai avuto intenzione di pagare i 110 milioni della clausola rescissoria anche se potrebbero farlo nella prossima estate per via del giro di centravanti che...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Zaniolo, la Juve c’è ma la Roma è pronta a blindarlo fino al 2024. Anche il City su Dybala, il Real tratta Hazard. Per la difesa il Manchester United guarda in Italia. Nel mirino Koulibaly e Milenkovic. Il Napoli insiste per Lozano e Fornals 16.02 - La prima doppietta in Champions League ha solo confermato quello che è evidente da tempo. Nicolò Zaniolo ha tutto per diventare un grande giocatore. Ed inevitabilmente è già diventato uomo mercato. La Roma sta cercando di blindarlo anche perché sa bene che le sirene sono in agguato....

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Icardi andrà via, ma ora l’Inter punta al rinnovo. Chi paga 110 milioni? Tutte le colpe di Wanda. Punito dalla società, scaricato dallo spogliatoio. I tifosi contro l’argentino. Avanti con Lautaro. Le idee di Marotta per l’attacco 15.02 - E adesso come finirà? E’ questa la domanda delle domande che ruota e rimbalza fra l’Inter, Icardi, Wanda Nara, i compagni e i tifosi. Dopo la decisione della società di togliergli la fascia, degradare Maurito, e per reazione il suo rifiuto di seguire la squadra a Vienna, si sta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Capitani, fasce, rinnovi e cessioni: Icardi e Hamsik 14.02 - La notizia in casa Inter è di quelle che tengono l’attenzione alta per tutta la giornata, forse per tutta la stagione. Icardi non è più il capitano dell’Inter, Icardi non è convocato per la partita di Europa League contro il Rapid Vienna. Anzi di più: Icardi ha scelto di non andare...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Roma padrona, adesso le scuse a Di Francesco e Monchi. Quello che Paratici non dice: l’asse di scambio Isco-Dybala è più di una possibilità per la Juventus. Lo spogliatoio vuole Sarri fuori: Inter, Roma o Milan se lo prenderebbero? 13.02 - Roma padrona, in Champions non perdona. Visto che bisogna adeguarsi a chi c’è al governo, allora si può riattare uno slogan politico usato da quella parte nell’epoca Tangentopoli per fotografare i giallorossi in Europa. Tanto parlare, tanto condannare, e poi la Roma è stata una potenza...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510