HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2019/2020?
  Liverpool
  Paris Saint-Germain
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Tottenham
  Manchester City
  Juventus
  Atletico Madrid
  Napoli
  Borussia Dortmund
  Barcellona
  Inter
  Chelsea
  Ajax

La Giovane Italia
La Giovane Italia

Luca Ranieri, un gol Mondiale per sognare in grande

La Giovane Italia vi porta alla scoperta dei nuovi talenti del calcio italiano, raccontandovi ogni giorno, alle 8:45, le storie dei giovani di casa nostra e dei club che scommettono su di loro
24.05.2019 08:45 di La Giovane Italia   articolo letto 5798 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Comincia col piede giusto la spedizione dell’Italia al Mondiale Under 20, che ha preso il via ieri in Polonia. Gli azzurrini del c.t. Paolo Nicolato si sono presi i tre punti nella gara d’esordio contro il Messico, mettendo subito in chiaro le loro ambizioni in quello che, sulla carta, è il girone più impegnativo della prima fase del torneo. Subito avanti con un gran gol di Frattesi, i ragazzi di Nicolato sono stati raggiunti nel finale del primo tempo dal colpo di testa di De La Rosa. C’è voluto allora il colpo che non ti aspetti per sbloccare l’equilibrio: una zampata vincente che porta la firma di Luca Ranieri, talento emergente che vuole mettere la ciliegina sulla torta di una stagione che lo ha visto ottimo protagonista.

Ciao fascia, divento centrale - Per il difensore classe ’99, la prima annata tra i professionisti è stata un successo dal punto di vista personale. Certo, il suo Foggia non è riuscito ad evitare la retrocessione in Serie C (in attesa delle decisioni dei tribunali, sportivi e non, che potrebbero riaprire uno spiraglio per la salvezza del club pugliese). Ma le prestazioni del ragazzo di scuola Fiorentina sono state davvero degne di nota, tanto da valergli il terzo posto nel ranking del campionato cadetto curato da La Giovane Italia. Ranieri ha messo insieme 29 presenze in Serie B, in una stagione che lo ha visto compiere la definitiva metamorfosi da laterale di sinistra a centrale di difesa. Col Foggia lo si è visto impiegato con ottimi risultati come braccio mancino del terzetto difensivo, ma la buona prova all’esordio nel Mondiale Under 20 ha confermato la sua adattabilità anche da centrale di una linea a quattro (ruolo che aveva iniziato a ricoprire già nel suo ultimo anno con la Primavera viola). La qualità del suo piede mancino, ottima fonte di gioco dalle retrovie grazie ad una trasmissione del pallone pulita ed efficace, e le sue buone doti fisiche gli hanno permesso di spostarsi verso il centro del campo, lasciando la prediletta fascia sinistra. Il metro e ottantasei di altezza e una discreta elevazione gli consentono di dire la sua nel gioco aereo, anche se per completare definitivamente il passaggio da terzino a centrale dovrà lavorare nella rapidità e nella frequenza di passi nel breve. L’allungo, invece, è già da giocatore fatto e finito, grazie agli anni passati a solcare la fascia. La grande personalità e il carattere estroverso gli hanno permesso di reggere con serenità le pressioni del primo campionato da professionista, che lo ha visto crescere anche sul piano dell’agonismo e della gestione delle situazioni all’interno della gara.

Cartolina Mondiale - Il pomeriggio del debutto al Mondiale è destinato a rimanere a lungo nei ricordi del giocatore nativo di La Spezia. Il suo gol ha infatti lanciato l’Italia verso i tre punti, permettendo ai suoi di fare subito un passo importante verso la qualificazione agli ottavi di finale, primo obiettivo della spedizione azzurra in Polonia. Un graffio da attaccante consumato, con un controllo efficace per domare il tiro-cross di Pellegrini seguito da una stoccata mancina in diagonale che non ha lasciato scampo al portiere avversario. Un gol festeggiato con un’esultanza rabbiosa, anche se per trovare la vera foto della partita di Ranieri ci dobbiamo spostare nell’altra metà campo, quella difensiva. Il doppio cinque con Tripaldelli, per celebrare la conquista di una rimessa dal fondo negli ultimi secondi di recupero, dà l’idea della feroce determinazione del giovane difensore azzurro, in un’istantanea che incarna alla perfezione lo spirito col quale l’Italia Under 20 si è presentata al via di questa rassegna iridata. La Fiorentina, intanto, osserva con attenzione e studia per lui un possibile ritorno in viola. Ma Luca, per il momento, è concentrato sul presente: c’è un Mondiale tutto da vivere, che promette davvero bene dopo un inizio da assoluto protagonista.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie La Giovane Italia

Primo piano

Lo strano caso di Dries. In scadenza e sempre più al centro del progetto Chi la dura, la vince. Dries Mertens questa sera contro il Liverpool ha corso a vuoto per 80 minuti. Ha svariato su tutto il fronte offensivo per non dare punti di riferimento alla retroguardia avversaria producendo - quasi fino alla fine - scarsi risultati. Difficile fare la differenza...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510