Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaBresciaCagliariFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpalTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoCasertanaCataniaCatanzaroCesenaChievoFidelis AndriaGiana ErminioJuve StabiaLatinaLivornoNocerinaPalermoPerugiaPescaraPisaPordenonePotenzaRegginaSalernitanaSienaTernanaTrapaniTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali
live

Torino, Cairo: "I nomi per il post-Longo sono fantasie incredibili"

LIVE TMW - Torino, Cairo: "I nomi per il post-Longo sono fantasie incredibili"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
sabato 23 maggio 2020 14:08Serie A
di Emanuele Pastorella

Insieme al nuovo direttore sportivo granata c'è anche il presidente Urbano Cairo, che accompagnerà Davide Vagnati nella conferenza stampa di presentazione. A breve inizierà la conferenza dallo stadio Olimpico Grande Torino. Segui la diretta su TuttoMercatoWeb.com.

"E' bello tornare qui allo stadio, l'ultima volta che sono stato fu il 7 marzo per un'amichevole contro l'Alessandria. Mi ero detto di venire più spesso a Torino per stare con la squadra e incitare i ragazzi, poi purtroppo il problema è cresciuto ed è stato attuato il lockdown. L'8 marzo mi chiamò l'Ansa per chiedermi la mia opinione, io dissi che bisognava pensare al paese e non al campionato. La situazione è complicata, lessi un'intervista di Galli che diceva che il trend potesse essere il raddoppio dei contagi ogni 4 giorni. Feci un conto veloce, si rischiava di passare a quasi 100mila contagi al 27 marzo. E si rischiavano 50mila morti entro marzo. Bisognava chiudere tutto per arrestare il contagio. Il lokcdown è servito per arginare il contagio, tanti paesi non lo hanno fatto e ora stanno pagando le conseguenze e hanno avuto problemi notevolissimi. E' una situazione senza precedenti, bisogna tornare ai tempi della spagnola. E' una situazione grave anche dal punto di vista economico. Se riuscissimo ad arginare le cose, tutto sarebbe più controllato per ripartire in sicurezza".

Su Vagnati: "Siamo qui per presentarlo, sono contento di poterlo fare. Sono sincero: mi stava un po' sulle palle. Nel 2016 ci incontrammo quando il nostro portiere era Alfred Gomis: prendemmo Hart, con Vagnati si mise a trattare Petrachi. E' stata durissima, mi è stato subito antipatico. Ma quando incontro persone che mi fanno disperare dal punto di vista delle negoziazioni, mi è subito sembrato bravo. Nel tempo abbiamo fatto altre operazioni, come Bonifazi e Valdifiori. Ci siamo conosciuti e ne è nato un rapporto positivo. Ho pensato a lui per ciò che voglio per il prossimo anno, tutto è nato così. E' giovane, è affamato e voglioso di fare bene. Ma ha anche umiltà e atteggiamento giusto, non fa voli pindarici ma sta con i piedi per terra. Ci vuole sempre, è una caratteristica che piace anche ai nostri tifosi".

Come sta lavorando in questo periodo?
"Settimana prossima verrò a Torino per incontrare i ragazzi. Vogliono ricominciare bene, dobbiamo terminare il campionato facendo ciò che avevamo fatto nelle partite precedenti. Dobbiamo ritrovare compattezza. Non abbiamo tanti punti, ne abbiamo buttati via tanti, e dobbiamo ricominciare con quella fame che è fondamentale. Crediamo in Longo, l'ho scelto a febbraio e non ha avuto il tempo per lavorare. C'è grande fiducia e stima, l'ho sentito spesso. I nomi che leggo sono totalmente inventati e sono di fantasia: non essendoci notizie bisogna aiutarsi e lavorare di fantasia, qui è andata al di là dell'immaginabile. Siamo totalmente in appoggio a Longo".

Cosa ne pensa di questa rosa e del campionato che sta facendo?
"Dobbiamo far rendere al meglio i giocatori. Negli anni passati le rose hanno dato probabilmente più di quanto avessero, tranne forse l'ultimo anno di Ventura. Con Mihajlovic eravamo partiti bene, con Mazzarri l'anno scorso un campionato di grande livello. Quest'anno abbiamo iniziato prima, con l'inciampo di Wolverhampton che era la squadra peggiore che ci potesse capitare, e in campionato troppi up and down: rispetto agli investimenti fatti e al monte stipendi, non ha dato quanto ci saremmo aspettati. Tutti hanno responsabilità, anche la società, ma non so cosa sia successo. Eravamo rafforzati rispetto a un anno fa e abbiamo visto soltanto a sprazzi le qualità che abbiamo. Con la maglia del Toro non arrivano automaticamente i punti, anzi forse è più difficile".

Quali sono le sensazioni sul futuro del campionato?
"Navighiamo a vista, sono ripresi gli allenamenti collettivi. Bisogna capire quali saranno le decisioni del Governo sulla ripartenza e se ci potrà essere, e poi altri cose nel caso in cui ci fosse un altro stop. Si leggono tante cose, deve essere tutto ben codificato e regolamentato per potersi organizzare. Cambiare le regole in corso non è mai una cosa giusta, i play-off e play-out avvengono in altri campionati e altri sport e non condivido il fatto di modificare le cose. Non penso sia giusto. Vedremo cosa succederà, oggi è difficile dirlo".

Come mai ha cambiato ds a stagione in corso?
"Anche prima della fine di maggio è il momento in cui un ds comincia a lavorare per la nuova stagione. Si può decidere di tenere tutti i giocatori, ma ci vuole la capacità di gestire chi magari ha vedute diverse. Non è più il calcio di una volta che le rose restavano le stesse per diversi anni. Ringrazio la Spal per avere lasciato subito libero Vagnati, così può conoscere tutto l'ambiente fin da subito. C'è bisogno del suo supporto fin da subito, credo sia un buon modo per ricominciare per chiudere bene e ripartire ancora meglio".

Questo stop ha mandato magari un messaggio sbagliato ai giocatori?
"Io sono uno positivo che ha mantenuto una grande attività essendo nel settore dell'informazione, ma è giusto vedere cosa c'è intorno. Se dovessimo ripartire, dovrà esserci una determinazione feroce da parte di tutti: bisogna fare le cose al meglio, presentarsi alla prima partita nelle condizioni migliori. E cambiare marcia rispetto agli up and down che abbiamo avuto fino a oggi. Dovremo dare tutti l'anima, come fossimo un sol uomo, per ottenere il risultato migliore".

Come sarà un calcio senza tifosi?
"Non mi fa effetto, mi adatto velocemente alle situazioni e ai momenti. Speriamo di poter riprendere al più presto una vita normale, ma è una situazione senza precedenti. E' dall'8 marzo che ogni sera vado al Corriere per stare vicino al Direttore dandogli il mio appoggio. Tutti devono sapere che il loro editore è in prima linea, questo è un valore importante. Dobbiamo adattarci al meglio alle situazioni. Il popolo italiano è stato straordinario, ha avuto grande coscienza civica. Il nostro paese potrà ripartire bene, abbiamo imprenditori con grande creatività. Tutto riprenderà alla grande, io ci credo e continuo a lavorare in questa direzione".

Come gestirete i calciatori in scadenza?
"Abbiamo Ansaldi e De Silvestri, Vagnati è in contatto con loro e cercheremo di concludere con loro al meglio e di prolungare con entrambi. Ciò che conta è gestire bene quelli che abbiamo e tutti loro devono dare qualcosa in più. Devono riabilitare una stagione che poteva essere meravigliosa ma non lo è stato. C'è ancora a disposizione un terzo di campionato, una sorta di mini-torneo, in cui si possono fare bene le cose. Ma per avere risultati bisogna lavorare in maniera incredibile, riprendere il discorso della scorsa stagione".

Ore 14.08 - Termina la conferenza stampa di Urbano Cairo.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246
Aut. Lega Calcio Serie A e Serie B num. 53

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000