Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports

Mattia Zaccagni e l'anno della consacrazione. Dalla sua crescita dipende anche quella dell'Hellas

Mattia Zaccagni e l'anno della consacrazione. Dalla sua crescita dipende anche quella dell'HellasTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
giovedì 05 novembre 2020 09:30Serie A
di Luca Chiarini

Il calcio è un amante crudele, dalla memoria corta e spietatamente ammaliante. Cerca conferme, costantemente, e archivia in fretta tutti i tuoi successi. Non c'è nulla di più meritocratico di questo sport, ma ciò non basta ad escludere un rovescio della medaglia che può finanche risultare doloroso se non si è dotati degli strumenti mentali e caratteriali per codificarlo.

È un discorso che riguarda tutti, indistintamente e senza eccezioni o privilegi di sorta. Tutti, compreso Mattia Zaccagni. Uno che con tenacia e sudore è stato tra i grandi protagonisti della scorsa stagione dell'Hellas Verona. Uno che quel rovescio della medaglia l'ha inteso nella sua accezione più autentica, e s'è allineato di conseguenza sulla disposizione d'animo più corretta.

Non è un caso che il diretto interessato, dopo il tre a uno sul Benevento, abbia ammesso ai microfoni di Sky che questo "dev'essere l'anno della consacrazione". "Nella scorsa stagione ho imparato molte cose" ha aggiunto, con la lucida contezza di chi sa di dover compiere uno step in termini realizzativi e di incisività. Nel 19/20 il canterano gialloblù, pur andando in doppia cifra negli assist, ha messo insieme appena due reti. Due come le occasioni in cui è riuscito a mandare in porta i compagni in questo primo scorcio di campionato: in linea con il trend della scorsa stagione, dunque, ma ancora a secco nelle marcature.

La sensazione che hanno restituito le ultime due gare di Serie A, quelle con Juventus e Benevento, è quella di un calciatore più consapevole, più coinvolto e maggiormente responsabilizzato. Un giocatore di raccordo, in grado di legare il gioco e catalizzare le transizioni offensive. Ci sono tutti gli elementi affinché sbocci definitivamente un altro talento italiano. Manca soltanto la conferma dei numeri, quella più importante. Ma questo può essere davvero l'anno buono. Anche perché, dalla sua "consacrazione", dipende pure la crescita dell'Hellas.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000