HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Chi volete come centravanti dell'Italia a Euro2020?
  Ciro Immobile
  Andrea Belotti
  Mario Balotelli

La Giovane Italia
A tu per tu

...con Caserta

“Juve Stabia, che gioia la B. Promozione per mio zio e mio fratello, mi hanno guidato dall’alto. Futuro? Presto per parlarne. Conte e Marino i miei riferimenti. Palermo, paga sempre l’allenatore”
24.04.2019 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 8640 volte
© foto di Federico Gaetano

La Juve Stabia è in Serie B. Vittoria targata Fabio Caserta, allenatore e guida per la formazione stabiese. “È una soddisfazione personale, ho iniziato da poco e vincere un campionato in una piazza come Castellammare, considerato che c’erano altre squadre più attrezzate, è motivo d’orgoglio”, dice a TuttoMercatoWeb l’allenatore delle Vespe.

Quando avete capito di poter conquistare la promozione?
“Fine febbraio. Contro il Catanzaro avremmo potuto perdere la partita e rimettere tutto in gioco, invece siamo stati bravi a pareggiare. Sapevamo che non era facile. I ragazzi sono stati bravi. E non abbiamo subito il calo che poteva starci”.

Il suo modello da allenatore?
“Ogni allenatore che ho avuto mi ha dato qualcosa, ad esempio Pasquale Marino. E mi è sempre piaciuto il modo di rendere tutti partecipi di Antonio Conte che ho avuto all’Atalanta. Grinta, carattere, tutte qualità che devi essere bravo a trasmettere alla tua squadra”.

Futuro: si vede ancora alla guida della Juve Stabia?
“Voglio finire bene e vincere l’ultima partita in casa. Poi avremo anche la Coppa. È presto per parlare del futuro, ci sarà tempo”.

Normale avere maggiori ambizioni...
“Come ho fatto da calciatore, non mi pongo limiti neanche adesso. Il futuro passa dal presente, non dalle chiacchiere. Da allenatore voglio arrivare più in alto possibile. Mi piace lavorare, stare sul campo, avere un bel rapporto con i calciatori”.

Aver smesso da poco è un vantaggio?
“Beh, si. Poi i risultati sono la medicina migliore. Ho instaurato con i miei calciatori un rapporto di rispetto dei ruoli, sono stati bravi”.

Chi altro andrà in Serie B?
“Ai playoff non ci sono favoriti. Dipende dalle condizioni fisiche e mentali. Tra le squadre non c’è un grande divario, sono tutte ben attrezzate. Il Trapani gioca bene, il Catania ha costruito una squadra per vincere. Poi occhio al Monza, che è una corazzata”.

Uno sguardo alla A: chi per il quarto posto?
“L’Atalanta vista contro il Napoli ha mostrato un bel gioco. Vincere a Napoli non capita spesso, la Dea sta facendo un grandissimo campionato. Così come Gattuso sta facendo un lavoro eccezionale, da inizio anno sento parlare di conferma o meno: tanti sono abituati a parlare del vecchio Milan che vinceva dappertutto. Non è facile lavorare con una squadra tutta nuova, il Milan non ha fuoriclasse ma giocatori che stanno facendo bene. Gattuso merita la riconferma”.

Serie B: promozione diretta, Lecce o il Palermo che cambia allenatore?
“Il Lecce con la vittoria a Perugia ha ottenuto un altro, l’ennesimo grande risultato. Domenica c’è Lecce-Brescia, partita entusiasmante. La lotta per il secondo posto è tra Lecce e Palermo. Per quanto riguarda il cambio di allenatore, a quattro partite dalla fine... non so perché il Palermo lo abbia fatto. Quando sei in una piazza così importante ci sono pro e contro. Quando non arrivano i risultati paga sempre l’allenatore”.

Come se la immagina la prima in B da allenatore?
“Non ci sto neanche pensando. Non sto riuscendo a realizzare che tutto sia accaduto per davvero... nessuno si aspettava la vittoria del campionato da parte nostra, pensare già al prossimo anno mi viene difficile. Mi godo il momento, è stato un anno bello, bellissimo, ma difficile”.

Una dedica?
“A tutte le persone che mi sono state vicine anche nei momenti felici. E in particolare voglio farla a due persone: mio zio e mio fratello che non hanno potuto gioire insieme a me, dall’alto mi hanno dato una grossa mano affinché tutto ciò si realizzasse”.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

...con Accardi 16.10 - “Cristiano Ronaldo e i 700 gol? Un bel traguardo, ma i numeri dicono che in Italia non rende come ha reso in Inghilterra e in Spagna”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Beppe Accardi. Cristiano Ronaldo segna. Ma lei non cambia idea... “No. Mica ha fatto più di trentasei...

A tu per tu

...con Joao Santos 15.10 - “Da quella partita contro la Svezia che non ha permesso all’Italia di andare al Mondiale ad oggi, Jorginho si è calato nella realtà della Nazionale e con Mancini c’è un grande feeling”. Così a TuttoMercatoWeb l’agente del centrocampista del Chelsea e della Nazionale Italiana Jorginho,...

A tu per tu

...con Marchetti 14.10 - “Dovevamo assorbire il trauma dell’anno scorso. Quella finale contro il Verona ci ha fatto soffrire, non era facile smaltire l’essere arrivati a venti minuti dalla Serie A. In più giocare due partite con il mercato aperto non è stato positivo. Ma ora il Cittadella ha ritrovato i suoi...

A tu per tu

...con Giaretta 13.10 - “L’allenatore ha dato le dimissioni, noi non lo avremmo cambiato. Andiamo avanti con il suo assistente, in futuro potrà essere un buonissimo allenatore. È la soluzione ideale”. Così a TuttoMercatoWeb il ds del Cska Sofia, Cristiano Giaretta. Aveva contattato Cosmi? “No. Mai chiamato...

A tu per tu

...con Dellas 12.10 - “L’allenatore ha deciso di stravolgere la squadra, non si sa come si presenterà. Non ci sono più speranze di andare avanti nella competizione e quindi il Ct vorrà provare delle novità”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex difensore della Roma, Traïanos Dellas sulla nazionale greca, che questa...

A tu per tu

...con Stellone 11.10 - “I cambi in panchina? Ormai siamo abituati, in Italia dopo sei partite se non arrivano i risultati vieni messo sulla graticola. Non è giusto, ma è così. Bisognerebbe dare tempo, soprattutto quando c’è un allenatore nuovo”. Così a TuttoMercatoWeb Roberto Stellone. Il Milan ha esonerato...

A tu per tu

...con Ballardini 10.10 - “Troppe voci e qualche cambio di panchina in A? Ci può stare, se non c’è quella sintonia che va al di là dei risultati, di cambiare dopo sette partite. Non è solo un fatto di risultati, magari si è sbagliato qualcosa e quindi si prova a rimediare. Magari ad inizio anno c’è stata...

A tu per tu

...con Bastianelli 09.10 - “Sono stati trattati argomenti interessanti, partecipare ad un momento di confronto é sempre importante”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Patrick Bastianelli a margine della Palermo Football Conference organizzata da Conference403. Panchine bollenti: il Milan ha esonerato...

A tu per tu

...con Mangia 08.10 - “È stata una giornata di confronto, ho rivisto alcune persone e conosciuto meglio altre”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex allenatore del Craiova a margine del convegno Palermo Football Conference. Giro di panchine tra A e B: guarda con interesse? “Guardo perché bisogna sempre essere...

A tu per tu

...con Donati 07.10 - Giulio Donati in attesa di una nuova collocazione. “Non mi era mai successo, è una sensazione particolare. Ma l’ultima cosa che voglio fare è mollare. Intanto mi alleno, in attesa di novità”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex difensore del Bayer Leverkusen, Giulio Donati. Eppure poteva...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510