Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / atalanta / Interviste
A tutto Ederson: "Se arriverà un'offerta, deciderà l'Atalanta. La Premier mi incuriosisce"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 13 giugno 2024, 01:00Interviste
di Redazione TuttoAtalanta.com
per Tuttoatalanta.com

A tutto Ederson: "Se arriverà un'offerta, deciderà l'Atalanta. La Premier mi incuriosisce"

Ederson, centrocampista dell'Atalanta, ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di As, iniziandola parlando della sua stagione: "È stata molto buona. Sono molto felice di essere riuscito a raggiungere gli obiettivi che mi ero prefissato individualmente, ma, soprattutto, per essere riuscito a conciliare tutto ciò con gli obiettivi dell'Atalanta, arrivare in finale di Europa League ed essere campione per la gente. È stata una stagione sensazionale. Ne sono molto felice".

Quali sono stati i segreti dell'Ederson di questa stagione?
"Penso un po' di pazienza e lavoro perché non sempre è possibile raggiungere questo livello. Ci arrivi facendo ciò in cui credi. Naturalmente vorrai sempre fare il meglio, ma non sempre raggiungi i tuoi obiettivi velocemente. Quindi penso che sia sempre stato importante essere pazienti e lavorare con calma. E poi, come la prima stagione, mi è andata bene, non avevo i numeri che ho avuto in questa stagione, ma è stato positivo per la mia evoluzione. Ho potuto vedere quanto lontano potevo arrivare e per questa stagione sono arrivato con una mentalità leggermente migliore, sapendo già più o meno cosa avrei potuto fare. Quindi mi sono posto degli obiettivi e ho cercato di raggiungerli. Alla fine l'ho capito".

Come è stato il suo adattamento dal Brasile al calcio italiano?
"All'inizio è stato un po' difficile, ma come tutti gli adattamenti. Quando si cambia casa, i primi mesi sono un po’ difficili. Ma ora, ripensandoci, penso che sia stato un buon adattamento. Oggi mi sono adattato molto bene al campionato italiano, all'Atalanta. Sono felice di essere riuscito a capire le idee del gioco così in fretta, di sapere che questo è un campionato con uno schema più tattico, più posizionale a volte. Oggi posso dire che è stato un successo".

Qual è il suo miglior ruolo? All'Atalanta gioca come mediano a volte.
"Posso giocare in diverse posizioni. Penso che sia perché mi è più facile capire cosa mi chiedono. Giocare in Italia mi ha aiutato molto in questo, sapere che so già posizionarmi bene e osservare gli spazi che ho in campo. Riesco a svolgere queste due funzioni senza problemi, con grande tranquillità. Se dovessi scegliere una posizione, non saprei dirtelo. Non ho preferenze su dove giocare. A centrocampo, a seconda delle situazioni di gioco o di ciò che serve all'allenatore, riesco a capire e ad assimilare ciò che serve. Penso di poter giocare in qualsiasi posizione centrale, con un po' più di libertà o anche con più vincoli di rimanere dietro".

Preferisce essere più vicino alla porta o nel vivo della manovra?
"Mi piace attaccare perché ho la forza di farlo e poi di riconquistare la posizione per difendere. Ovviamente tutti vogliono segnare, ma il ruolo più difensivo e più posizionale è altrettanto importante e so quanto sia importante per la squadra nel suo insieme avere un giocatore che ferma un po' di più i contropiedi e che si posiziona bene. Ovviamente mi piace segnare gol, ma conosco anche l'importanza degli altri ruoli, quindi per me è lo stesso".

Cosa ricorda del 3-0 al Leverkusen?
"È facile da ricordare, è un grande momento di felicità. Un grande ricordo. Ho in mente praticamente tutto, ricordo come si preparava la nostra squadra, la mentalità dell'aggressività nel pressare e anche nel cedere un po' di più, la pazienza, perché conoscevamo la loro qualità di passaggio, di tocco. Quindi avevamo una mentalità molto forte e sapevamo che ad un certo punto saremmo stati in grado di rubare la palla, perché avevamo una pressione molto forte e molto aggressiva. Sapevamo che le opportunità sarebbero arrivate e le abbiamo sfruttate. È stato molto intenso. Era una finale di Europa League, quindi tutto era molto intenso, ma molto bello. Siamo riusciti a riprodurre l'idea dell'allenatore e a metterla in pratica in campo. Quindi tutto è andato molto bene, è andato come previsto".

Quanto è stata importante l'influenza di Gasperini nella sua carriera?
"È stata molto positiva. È un grande allenatore, l’ho detto tante volte. La sua capacità di aiutare i giovani è ben nota. È riuscito a tirare fuori il meglio da tanti giocatori, aiutandoli a evolversi, a imparare di più. Con me non è stato diverso. Giorno per giorno mi ha aiutato molto a modo suo. È una persona molto seria, ma è un grande allenatore e mi ha aiutato tantissimo in questa stagione. Alla fine l'ho anche ringraziato. Gli ho detto che per me era molto importante e che era stata una stagione strepitosa per tutti, sia per lui che per me. Quindi ho dovuto ringraziarlo per il suo aiuto, per avermi aiutato a sviluppare il mio gioco".

Manchester United, Barcellona, Atletico Madrid, Liverpool e Juventus hanno chiesto informazioni su di lei. Lascerà l'Italia?
"Succede sempre quando apre il mercato che arrivano tutte le speculazioni, ma non solo sul mio futuro, anche su quello di tanti giocatori. Quando ho ricevuto la mia chiamata ho detto a mia moglie e ai miei agenti: 'Guardate, adesso vado in Nazionale, quindi bisogna fare i conti con quello che arriva e quello che non arriva. Adesso mi concentrerò sulla Nazionale, è la mia prima convocazione, quindi devo essere al cento per cento con la testa lì. E poi penserò al mio futuro'. All'Atalanta mi trovo molto bene. Ho appena vinto un grande titolo, mi sono integrato molto bene. Il mio futuro è qualcosa che non mi preoccupa. Quello che mi preoccupa in questo momento è fare bene qui con la squadra brasiliana, lasciando un'impressione positiva perché è la mia prima convocazione. Fare in modo che tutti mi conoscano qui così come mi conoscono tutti in Italia. Sono molto concentrato, molto felice, cerco di sfruttare al massimo questo momento con la Nazionale".

Adesso la sua valutazione è di 40 milioni di euro. Lo sapeva?
"No, come ho già detto non sono abituato a seguire tutto questo mondo dei trasferimenti. Le voci sono una cosa che, come diciamo spesso io e mia moglie, passeranno sempre. Siamo sereni, felici, ci godiamo il momento. Se deve esserci qualche tipo di cambiamento, mi fido dei miei agenti. Ho un agente che è con me da oltre 13 anni, quindi nel momento in cui pensa che succederà qualcosa di positivo, me lo dirà e saremo in contatto. Abbiamo parlato tanto di sfruttare il momento e in questo momento all'Atalanta sto facendo molto bene. Non penso che siano queste speculazioni a distrarmi. Se succede qualcosa riguardo ad un trasferimento, il club deve prima accettarlo, e questa è la cosa più importante. Ho un buon rapporto con l’Atalanta, quindi nel momento in cui verranno a dirmi che hanno qualche offerta, sarà allora che inizieranno i colloqui. In questo momento sono un giocatore dell’Atalanta e sono ancora un giocatore dell’Atalanta. Quando finirà il mio periodo con la Nazionale mi godrò anche una breve vacanza, importante per riposarmi, e poi tornerò in Italia".

Quale campionato è più adatto per il suo stile di gioco?
"Non lo so, ci ho pensato tanto, mi piace l'Italia, mi sono adattato bene, ma sono curioso della Premier League, quindi non lo so. Sto ancora crescendo, quindi non so se resterò in Italia, penso di avere ancora molto da dimostrare. Ma se andrò da qualche altra parte, sarà lo stesso. Continuerò a crescere".

Ha un messaggio per i tifosi dell'Atalanta?
"Ho solo parole di gratitudine per tutto il vostro supporto in questa stagione. Abbiamo sentito il sostegno dei tifosi e sono stati sempre presenti, dandoci energia positiva. Anche nei momenti in cui abbiamo avuto qualche difficoltà, loro sono stati lì, sempre a sostenerci, non ci sono mai state critiche in questa stagione e questo ci ha aiutato molto a rimetterci in carreggiata per raggiungere la finale di Coppa Italia e diventare campioni dell'Europa League. Vorrei ringraziarvi per il vostro supporto e spero che la prossima stagione continuerete a sostenerci con forza".