HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
La Juventus non ha confermato Allegri: siete d'accordo?
  Si, il ciclo Allegri s'è esaurito
  No, bisognava andare avanti con Allegri

La Giovane Italia
Editoriale

Allegri non è convinto, ma la Juve non trova alternative forti. Il Milan ha le mani su Sarri. Gattuso alla Samp, Lampard al Chelsea. Gasp alla Roma, Inzaghi a Bergamo, De Zerbi alla Lazio. Montella già in discussione, si pensa a Giampaolo

17.05.2019 11:19 di Enzo Bucchioni   articolo letto 65910 volte
© foto di Federico De Luca

Il grande giro degli allenatori sta per cominciare, come in un grande puzzle i pezzi stanno andando al posto giusto. Cominciamo dalla Juve.

Due giorni di confronto non sono bastati per prendere una decisione, Agnelli e Allegri si rivedranno oggi. Come andrà a finire? Allegri resta o se ne va?

Difficile e complesso fare delle previsioni, a naso verrebbe da pensare che se non si è trovata un’intesa dopo una confronto così lungo, le difficoltà siano tante. Troppe. I dubbi e le perplessità da entrambe le parti persistono.

Comunque vada questa vicenda non è esaltante per una grande società come la Juventus che dovrebbe avere sempre idee chiare e obiettivi precisi, e lascia pure forti dubbi sul come è stata gestita. Non ricordo che altri rinnovi di contratto di allenatori importanti siano diventati una sorta di telenovela come questa, con i riflettori accesi da giorni.

Da fuori c’è la sensazione che, come nei matrimoni che stanno finendo, la Juventus e Allegri non si amano più, ma si vogliono bene e stanno cercando un modo per rimettere assieme i cocci, una strada per andare avanti evitando separazioni traumatiche che probabilmente metterebbero tutti in difficoltà. E i matrimoni che proseguono per interesse o per mancanza di alternative, ma senza la passione necessaria, prima o poi sono destinati al fallimento. Come si vede una brutta storia che dalla Juventus non ci saremmo mai aspettati.

E’ evidente che Agnelli abbia delle perplessità sul suo allenatore, si sta guardando attorno da mesi, sta valutando i pro e i contro, altrimenti lo avrebbe già accontentato come era successo nei precedenti rinnovo di contratto.

E’ altrettanto chiaro che Allegri abbia delle perplessità sui programmi della Juventus, abbia paura di bruciarsi a rimanere e si stia guardando attorno.

Sia la Juventus che Allegri sanno che dopo cinque anni sarebbe meglio lasciarsi per trovare nuovi stimoli, nuove motivazioni, provare nuove esperienze, ma stanno ancora parlando per affetto. E l’affetto funziona poco, serve l’amore.

La Juventus ha i numeri di rendimento, ha di sicuro valutato attentamente la situazione e si è accorta che, al di là della dolorosa eliminazione in Champions, questa per Allegri è una stagione deludente. Non è mai sembrato padrone del gruppo come nelle stagioni passate, troppi giocatori hanno reso meno delle aspettative (Dybala, Cancelo, Mandzukic, ma anche altri), per alcuni (Dybala in particolare) non ha mai trovato la giusta collocazione. Non è un caso che da mesi rumors di vario genere portino la Juve lontana da Allegri. Non ho mai creduto a Guardiola anche se probabilmente qualche intermediario è stato contattato. L’idea vera era Zidane e qui siamo al perché di queste difficoltà: il ritorno al Real ha spiazzato Agnelli. Da li in poi non ha più trovato un nome così adatto, così vincente, così juventino, così amato dai tifosi. Su tutti gli altri presi in esame, anche l’ultimo, Pochettino, sono insorte difficoltà e perplessità. E allora eccoci qui a turarsi il naso e riprovarci con Allegri.

L’allenatore tutto questo la sa e proprio per non rimanere con il cerino in mano, vuole rimanere, ma alle sue condizioni. Tre anni di un lauto contratto (dieci milioni) e una rosa rinnovata con giocatori pieni di quelle motivazioni e di quella fame che questo gruppo ha un po’ perso.

Allegri non vuole più Dybala, non vuole Cancelo, ha perplessità su altri giocatori e chiede forti investimenti in difesa e a centrocampo. Un piano di lavoro che comporta esborsi notevoli che potrebbero far saltare il budget a disposizione. Anche per questo Agnelli che deve mantenere il bilancio entro i limiti fissati dalla famiglia Elkann, sta cercando di convincere Allegri ad abbassare le pretese.

Le alternative? Pochettino ha sparato grosso, la nazionale francese non vuole liberare Deschamps, Inzaghi che piaceva non ha l’esperienza necessaria, Agnelli un mese fa ha detto no anche al possibile ritorno di Conte. E adesso?

Tenere Allegri potrebbe essere la soluzione più ovvia ammesso e non concesso che si riesca a far quadrare i conti del calciomercato.

Da tutte queste variabile è già comprensibile il perché la trattativa vada per le lunghe e stia diventando stucchevole. Se rinnovo ci sarà ci diranno che erano sempre stati d’amore e d’accordo che l’intesa è ferrea come quella del primo giorno, ma non è così.

Comunque aspettiamo.

Aspetta gli eventi anche il Milan che però ha fatto passi decisivi su Sarri. La situazione a Londra è pirandelliana. Sarri sta facendo benissimo, terzo in Premier e quindi Champions conquistata, finale di Europa League da giocare con l’Arsenal. Era convinto di restare e sarebbe rimasto molto volentieri, ma la signora Marina sta convincendo Abramovic che per via dell’avversione dei tifosi e di tanti giocatori che non amano l’allenatore italiano, sarebbe politicamente corretto esonerarlo. La decisione è praticamente presa, Lampard è l’allenatore designato. Appena colta l’opportunità Gazidis è tornato sull’obiettivo Sarri che sembrava ormai irraggiungibile per i buoni risultati col Chelsea. Gazidis a Londra ha incontrato Sarri, l’allenatore aspetta soltanto di sapere qualcosa di certo dal Chelsea, c’è una finale da giocare e fino al 30 maggio non si avranno certezze, ma in caso di esonero Sarri ha dato l’ok al Milan. Il contratto proposto, tre milioni l’anno per tre anni, va ancora discusso, ma è una buona base di partenza. Quattro anni dopo l’accordo con Galliani poi saltato, a volte fanno dei giri immensi e poi ritornano, riecco Sarri in rossonero? A questo punto è più che probabile.

Ma, udite udite, dopo tanti giuramenti di amore eterno, Gasperini lascerà l’Atalanta per la Roma. Accordo praticamente fatto, 2,5 milioni l’anno per tre anni. Da Bergamo potrebbe portarsi dietro Zapata. E la panchina dell’Atalanta che potrebbe giocare la Champions a chi andrà? Percassi sta tentando Simone Inzaghi e le parole dopo la finale di coppa Italia sanno di addio. Lotito ha pronta la soluzione: De Zerbi. Al Sassuolo dovrebbe andare Semplici, alla Spal piace Pioli. Ma si sta agitando anche Giampaolo che non vede chiarezza sui programmi della Samp. A Genova potrebbe andare Gattuso mentre Giampaolo potrebbe passare alla Fiorentina. Ma non ha appena preso Montella? Già, ma l’ha voluto solo Diego Della Valle e dopo cinque sconfitte e un pareggio in sei partite, una squadra che è scivolata in zona serie B senza che l’allenatore abbia inciso per niente, stanno facendo riflettere i dirigenti viola che potrebbero rinnovare tutti i quadri tecnici della società, da Corvino a Montella, appunto, ripartendo da zero con un parco giocatori cambiato quasi totalmente.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Cosa c'è dietro l'addio di Allegri e nel futuro della panchina della Juventus. Anche se Zidane ha 'rovinato' i piani di Agnelli: tutto sui nuovi sogni e sui nomi della dirigenza 19.05 - Quel che è arrivato a parole ieri, ad Amsterdam, allo Stadium, non c'è stato nei fatti. L'appoggio costante a Massimiliano Allegri che negli ultimi giorni di vita bianconera sembrava un uomo solo al comando di una nave già in porto. Solo che la sua Juventus era un Titanic arrugginito,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli, Giuntoli insiste per Trippier e Lozano. Per la fascia sinistra occhio a Theo Hernandez, difficilissimo Grimaldo. Il Milan su Saint Maximin del Nizza. Sarri può lasciare il Chelsea, è il primo nome per il post Gattuso 18.05 - Il mercato del Napoli comincia a delinearsi. Saranno almeno 3 gli acquisti, uno per reparto. Un esterno difensivo, un centrocampista e una punta esterna. Ormai gli identikit cominciano ad essere abbastanza chiari. Per la difesa si continua a spingere per Trippier del Tottenham, ma...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non è convinto, ma la Juve non trova alternative forti. Il Milan ha le mani su Sarri. Gattuso alla Samp, Lampard al Chelsea. Gasp alla Roma, Inzaghi a Bergamo, De Zerbi alla Lazio. Montella già in discussione, si pensa a Giampaolo 17.05 - Il grande giro degli allenatori sta per cominciare, come in un grande puzzle i pezzi stanno andando al posto giusto. Cominciamo dalla Juve. Due giorni di confronto non sono bastati per prendere una decisione, Agnelli e Allegri si rivedranno oggi. Come andrà a finire? Allegri resta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La cena di Allegri e la serata di Simone Inzaghi 16.05 - Una serata particolare: un occhio alla partita, la finale di coppa Italia, i sogni inseguiti dall’Atalanta e realizzati dalla Lazio. Un altro al telefonino per capire se e cosa succedeva fra Agnelli e Allegri in questo incontro pieno di cortine fumogene, per evitare addirittura che...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Occhio a Spalletti: tentativo disperato per rimanere all’Inter, cambia le alleanze, e c’è stato quel colloquio prima del Chievo… Agnelli vuole convincere Guardiola con l’aiuto dell’Uefa. Roma: ecco l’alternativa straniera Fonseca 15.05 - Non è finita, finché non è finita. Questo deve avere pensato Luciano Spalletti negli ultimi giorni, in piena modalità John Belushi. E non pensando tanto alla lotta Champions, che è solo una delle due partite che si sta giocando, forse la più semplice. Perché Luciano sa che se entrerà...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri, i pretendenti al “trono” e l’incontro “nelle prossime ore”. Inter: Conte, Oriali e due mesi di parole. Milan: la colpa di Gattuso. Roma: Gasp in avvicinamento 14.05 - Buongiorno e buonasera a tutti, la parola d’ordine di oggi è “nelle prossime ore”. “Nelle prossime ore” è il salvacondotto che permette a tutti noi di non sbagliare mai. Quando si incontrano Allegri e Agnelli? Nelle prossime ore. E intanto tutti noi diventiamo sempre più vecchi....

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Montella, tranquillo. Lucci ti premierà con il Real. Non voglio scriverlo: Raiola ha ragione! Lecce, quando vince la meritocrazia. Foggia, la retrocessione della società. La Crema della D: i Conti...ni tornano 13.05 - Che strazio il campionato finito con così largo anticipo. Anche Roma-Juventus diventa inguardabile. Perché se è vero che lo spettacolo non manca, quando giocano due grandi squadre, è anche vero che il calcio non è il cinema e senza l'assillo del risultato non c'è pathos. Quest'anno...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Kolossal panchine: Agnelli voleva Zidane e Guardiola, si accontenterà di qualcun altro. Conte aspettava una super big, chissà se potrà diventarlo l'Inter 12.05 - È stata una settimana complicata. Di voci, incontri segreti e pochi fatti. Ma ci si avvicina al finale, come in Game of Thrones, dove tutto dovrà andare a posto o quasi. Le settimane passate possono essere le stagioni di una serie tv, partendo dall'addio di Zinedine Zidane al Real...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Accelerazione Inter per Conte. Marotta e Ausilio lavorano su Chiesa, De Paul, Rakitic, Barella e Danilo. Icardi, partenza non così scontata. La Roma su Gasperini 11.05 - L’attesa è quasi finita. Presto il futuro di Conte sarà chiaro. Lo scenario si sta delineando. L’ipotesi Juve si è decisamente raffreddata nelle ultime ore anche perché il presidente Agnelli non è convinto fino in fondo del suo ritorno. La possibilità di un addio di Allegri resta...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

La Juve aspetta Pochettino. Lui dice: Posso lasciare il Tottenham. Deschamps non convince. Ecco perche’ Allegri non restera’. Anche il Barcellona pensa a Conte, ma l’Inter non trema. Marotta ha in mano Barella 10.05 - La Juventus sa benissimo che sarebbe un errore tenere Allegri e dall’altra parte Allegri sa benissimo che sarebbe un errore restare alla Juventus. Questa è l’unica cosa certa di una telenovela (Resta? Non resta?) destinata a durare ancora qualche giorno, fino a quando Agnelli non...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510