HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Totopanchina Juve: chi sarà l'erede di Allegri?
  Simone Inzaghi
  Maurizio Sarri
  Pep Guardiola
  Sinisa Mihajlovic
  Didier Deschamps
  Mauricio Pochettino
  Josè Mourinho
  Antonio Conte

La Giovane Italia
Editoriale

Icardi andrà via, ma ora l’Inter punta al rinnovo. Chi paga 110 milioni? Tutte le colpe di Wanda. Punito dalla società, scaricato dallo spogliatoio. I tifosi contro l’argentino. Avanti con Lautaro. Le idee di Marotta per l’attacco

15.02.2019 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 36786 volte
© foto di Federico De Luca

E adesso come finirà? E’ questa la domanda delle domande che ruota e rimbalza fra l’Inter, Icardi, Wanda Nara, i compagni e i tifosi.

Dopo la decisione della società di togliergli la fascia, degradare Maurito, e per reazione il suo rifiuto di seguire la squadra a Vienna, si sta cercando una via d’uscita che salvaguardi il capitale per l’Inter e indichi una soluzione professionale gradita al giocatore lontano dall’Italia.

E’ chiaro che finisce qui un rapporto controverso che dura da sei stagioni, certe situazioni non si recuperano, dentro i gruppi ci sono regole non scritte che vanno rispettate e pensare che tutto possa risolversi con un chiarimento e una stretta di mano è assolutamente impossibile.

Icardi e la moglie manager dovrebbero cambiare stile di vita, dovrebbero cambiare atteggiamento, modificare e modificarsi in nome e per conto delle regole che una grande società come l’Inter ha finalmente deciso di darsi, ma non lo faranno. Vi immaginate Wanda Nara che da oggi decide di passare dalla iper visibilità alla riservatezza, sceglie il basso profilo, promette di non parlare più di Inter in pubblico, decide di chiudere con la televisione e i social? Ecco, proprio perché certe cose non succederanno, il divorzio è scritto.

Ma prima della parola fine, il rapporto andrà in qualche modo recuperato per trovare un compromesso e scegliere assieme la strada meno traumatica da imboccare.

L’Inter vorrebbe chiarire tutto quello che è accaduto nelle ultime ore e indurre Wanda Nara a sedersi al tavolo per rinnovare il contratto. Blindarsi con un nuovo accordo in sostanza potrebbe convenire a entrambe le parti. Allungando l’intesa dal 2021 al 2024 darebbe all’Inter maggior forza in una trattativa per la cessione, ma alzare lo stipendio da circa cinque (oggi) a otto milioni, farebbe partire Icardi da una base notevolmente superiore nella trattativa per l’ingaggio con un altro club. L’Inter vorrebbe anche togliere la clausola rescissoria e forse questo potrebbe essere lo scoglio vero.

Ma potrebbe anche succedere che Icardi, furibondo per la vicenda della fascia, punti dritto sulla clausola rescissoria, dica di no a tutte le ipotesi avanzate dall’Inter, sperando di trovare in estate una società disposta a portarlo via con i 110 milioni fissati nell’ultimo rinnovo. Questo atteggiamento istintivo non è da escludere, una citazione di Mark Twain postata ieri sera da Icardi ‘E’ meglio tenere la bocca chiusa e sembrare stupidi piuttosto che aprirla e togliere ogni dubbio ’, potrebbe lasciare intendere l’idea di non rivelare a nessuno una decisione già presa e un contratto già ponto per lasciare l’Inter con il cerino in mano. Ci sta. Tutto è possibile.

C’è solo una domanda che frulla: ma oggi c’è qualcuno in giro disposto a pagare 110 milioni per Icardi ben sapendo che oltre a Icardi prende tutto l’ingombrante mondo dell’argentino? Le regole di comportamento e di riservatezza che l’Inter solo ora vuole imporre, nei grandi club d’Europa ci sono già.

Se Wanda dovesse avere già in mano un accordo o fosse sicura di poterlo trovare con la clausola, comunque l’Inter porterebbe a casa una grande plusvalenza. E con 110 milioni un sostituto all’altezza si trova. Forse anche a meno.

Visto che la coppia Icardi-Nara spesso si è dimostrata imprevedibile, c’è anche da aspettarsi il rifiuto al rinnovo anche senza alternative pronte. E se poi non dovesse arrivare la società che paga la clausola, con la scadenza (2021) che si avvicina?

Marotta dovrà essere molto bravo a riportare tutta la vicenda su un livello percorribile. Nessuno nell’Inter vuole soluzioni drastiche del tipo da oggi non gioca più, o cose del genere.

Ma persone vicine alla coppa argentina, raccontano che la ferita per la decisione della società di degradare Maurito è insanabile. L’idea a caldo sarebbe quella di non tornare più in campo da degradato, quella fascia Icardi è convinto di averla sempre onorata.

Non la pensano così i tifosi che ieri sera a Vienna si sono chiaramente esposti consacrando Handanovic con i più classici dei cori dedicati al portiere, nuovo capitano vero. Una presa di posizione che potrebbe anche deflagrare nella prossima partita casalinga di domenica pomeriggio (ore 18) contro la Sampdoria. Già Icardi non era il massimo per molti dei suoi tifosi dopo la vicenda dell’autobiografia, figuriamoci ora.

Quello che è stato contestato a Icardi è stranoto e le colpe non sono sue, naturalmente, ma della moglie-manager. La vicenda contrattuale messa in piazza, la continua rivelazione di cose interne, critiche pubbliche rivolte a compagni di squadra, consigli dati all’allenatore, una vita privata fatta di eccessi sempre sotto i riflettori. La società non ha gradito, ma anche molti giocatori hanno chiesto a Marotta di essere tutelati e rispettati. Le parole di Ausilio dette ieri sono chiare: non si ragiona per uno, ma per il gruppo. Questo dovrebbe fare un capitano e Icardi non l’ha fatto. Molta irritazione ci sarebbe soprattutto fra i croati vice campioni del mondo che si sono sempre sentiti gregari in un caso o responsabili del mancato rendimento dell’attaccante nell’altro.

Che prima o poi il bubbone dovesse scoppiare era chiaro dal momento dell’arrivo di Marotta. L’atteggiamento duro con Nainggolan doveva far riflettere e invece Icardi-Nara sono andati avanti per conto loro.

L’unico che in qualche modo ha difeso Icardi è stato l’ex presidente Moratti al quali in molti sono legati da giusto, autentico affetto, ma stavolta ha sbagliato. La sua Inter ha vinto poco in rapporto ai grandi investimenti fatti, proprio per la gestione paternalistica. Le società di calcio oggi sono aziende e come tale devono comportarsi, non sono più famiglie comprensive, chi sbaglia e turba il gruppo deve pagare.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

La Juve e la panchina, Inter e Milan e l’ultima curva Champions 23.05 - Non si parla d’altro. Da giorni. Ed è inevitabile che sia così: quando la panchina di una delle squadre più importanti in Europa è ancora da assegnare è ovvio che ci sia grande fermento, soprattutto fra la tifoseria. Che non si fa prendere dal panico: sa che la società è solida e...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Conte: firmato il precontratto! La Juventus sempre più avanti per Sarri. Cosa ci faceva Allegri a Londra il 7 maggio? Ecco chi c’era nello stesso albergo negli stessi giorni… 22.05 - Non c’è tempo per discettare e o poetare, il mercato allenatori è già sangue e sudore, e le notizie si accavallano. Partiamo dalla prima. Lo posso annunciare in anteprima: Antonio Conte ha firmato per l’Inter! Il segreto meno segreto del 2019, con l’accordo pendente da settimane,...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: per la panchina si sceglie tra Inzaghi e “il piano-Ronaldo” (due nomi). Inter: il contatto Marotta-Conte e l’orgoglio… a un passo dall’Abisso. Milan: il destino all’opposto di Gattuso. Allegri: il futuro non sarà al Bayern… 21.05 - Buondì. Diciamo alcune cose veloci. Facciamo una dozzina al massimo. 1) La serie A si ritrova con l’ultima giornata più bella da un sacco di tempo a questa parte e non sa nemmeno lei come ha fatto. Parliamoci chiaro: è più “colpa” che “merito” dei club coinvolti. 2) La Fiorentina...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Allegri: giusto l'addio. Alternative poche e confuse. Paratici-Inzaghi: ecco luogo e data dell'incontro. Caos serie B: vigliaccata al Palermo. Mercato, bravo Gravina. E Totti... 20.05 - Tra tre ore ho il volo per tornare a Milano. Vi scrivo da un Hotel di Londra, poche ore dopo aver visto il vero calcio. Ho pensato, nelle ultime ore, cento volte se davvero in Italia siamo convinti che quello nostro sia calcio. Sono stato a Wembley, sono stato ospite della finale...

Editoriale DI: Marco Conterio

Cosa c'è dietro l'addio di Allegri e nel futuro della panchina della Juventus. Anche se Zidane ha 'rovinato' i piani di Agnelli: tutto sui nuovi sogni e sui nomi della dirigenza 19.05 - Quel che è arrivato a parole ieri, ad Amsterdam, allo Stadium, non c'è stato nei fatti. L'appoggio costante a Massimiliano Allegri che negli ultimi giorni di vita bianconera sembrava un uomo solo al comando di una nave già in porto. Solo che la sua Juventus era un Titanic arrugginito,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli, Giuntoli insiste per Trippier e Lozano. Per la fascia sinistra occhio a Theo Hernandez, difficilissimo Grimaldo. Il Milan su Saint Maximin del Nizza. Sarri può lasciare il Chelsea, è il primo nome per il post Gattuso 18.05 - Il mercato del Napoli comincia a delinearsi. Saranno almeno 3 gli acquisti, uno per reparto. Un esterno difensivo, un centrocampista e una punta esterna. Ormai gli identikit cominciano ad essere abbastanza chiari. Per la difesa si continua a spingere per Trippier del Tottenham, ma...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non è convinto, ma la Juve non trova alternative forti. Il Milan ha le mani su Sarri. Gattuso alla Samp, Lampard al Chelsea. Gasp alla Roma, Inzaghi a Bergamo, De Zerbi alla Lazio. Montella già in discussione, si pensa a Giampaolo 17.05 - Il grande giro degli allenatori sta per cominciare, come in un grande puzzle i pezzi stanno andando al posto giusto. Cominciamo dalla Juve. Due giorni di confronto non sono bastati per prendere una decisione, Agnelli e Allegri si rivedranno oggi. Come andrà a finire? Allegri resta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La cena di Allegri e la serata di Simone Inzaghi 16.05 - Una serata particolare: un occhio alla partita, la finale di coppa Italia, i sogni inseguiti dall’Atalanta e realizzati dalla Lazio. Un altro al telefonino per capire se e cosa succedeva fra Agnelli e Allegri in questo incontro pieno di cortine fumogene, per evitare addirittura che...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Occhio a Spalletti: tentativo disperato per rimanere all’Inter, cambia le alleanze, e c’è stato quel colloquio prima del Chievo… Agnelli vuole convincere Guardiola con l’aiuto dell’Uefa. Roma: ecco l’alternativa straniera Fonseca 15.05 - Non è finita, finché non è finita. Questo deve avere pensato Luciano Spalletti negli ultimi giorni, in piena modalità John Belushi. E non pensando tanto alla lotta Champions, che è solo una delle due partite che si sta giocando, forse la più semplice. Perché Luciano sa che se entrerà...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri, i pretendenti al “trono” e l’incontro “nelle prossime ore”. Inter: Conte, Oriali e due mesi di parole. Milan: la colpa di Gattuso. Roma: Gasp in avvicinamento 14.05 - Buongiorno e buonasera a tutti, la parola d’ordine di oggi è “nelle prossime ore”. “Nelle prossime ore” è il salvacondotto che permette a tutti noi di non sbagliare mai. Quando si incontrano Allegri e Agnelli? Nelle prossime ore. E intanto tutti noi diventiamo sempre più vecchi....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510