HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Pallone d'Oro, qual è l'esclusione più sorprendente?
  Gareth Bale
  Edinson Cavanti
  Angel Di Maria
  Harry Kane
  Neymar
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sergio Ramos
  Luis Suarez
  Hakim Ziyech

La Giovane Italia
Editoriale

Icardi andrà via, ma ora l’Inter punta al rinnovo. Chi paga 110 milioni? Tutte le colpe di Wanda. Punito dalla società, scaricato dallo spogliatoio. I tifosi contro l’argentino. Avanti con Lautaro. Le idee di Marotta per l’attacco

15.02.2019 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 37700 volte
© foto di Federico De Luca

E adesso come finirà? E’ questa la domanda delle domande che ruota e rimbalza fra l’Inter, Icardi, Wanda Nara, i compagni e i tifosi.

Dopo la decisione della società di togliergli la fascia, degradare Maurito, e per reazione il suo rifiuto di seguire la squadra a Vienna, si sta cercando una via d’uscita che salvaguardi il capitale per l’Inter e indichi una soluzione professionale gradita al giocatore lontano dall’Italia.

E’ chiaro che finisce qui un rapporto controverso che dura da sei stagioni, certe situazioni non si recuperano, dentro i gruppi ci sono regole non scritte che vanno rispettate e pensare che tutto possa risolversi con un chiarimento e una stretta di mano è assolutamente impossibile.

Icardi e la moglie manager dovrebbero cambiare stile di vita, dovrebbero cambiare atteggiamento, modificare e modificarsi in nome e per conto delle regole che una grande società come l’Inter ha finalmente deciso di darsi, ma non lo faranno. Vi immaginate Wanda Nara che da oggi decide di passare dalla iper visibilità alla riservatezza, sceglie il basso profilo, promette di non parlare più di Inter in pubblico, decide di chiudere con la televisione e i social? Ecco, proprio perché certe cose non succederanno, il divorzio è scritto.

Ma prima della parola fine, il rapporto andrà in qualche modo recuperato per trovare un compromesso e scegliere assieme la strada meno traumatica da imboccare.

L’Inter vorrebbe chiarire tutto quello che è accaduto nelle ultime ore e indurre Wanda Nara a sedersi al tavolo per rinnovare il contratto. Blindarsi con un nuovo accordo in sostanza potrebbe convenire a entrambe le parti. Allungando l’intesa dal 2021 al 2024 darebbe all’Inter maggior forza in una trattativa per la cessione, ma alzare lo stipendio da circa cinque (oggi) a otto milioni, farebbe partire Icardi da una base notevolmente superiore nella trattativa per l’ingaggio con un altro club. L’Inter vorrebbe anche togliere la clausola rescissoria e forse questo potrebbe essere lo scoglio vero.

Ma potrebbe anche succedere che Icardi, furibondo per la vicenda della fascia, punti dritto sulla clausola rescissoria, dica di no a tutte le ipotesi avanzate dall’Inter, sperando di trovare in estate una società disposta a portarlo via con i 110 milioni fissati nell’ultimo rinnovo. Questo atteggiamento istintivo non è da escludere, una citazione di Mark Twain postata ieri sera da Icardi ‘E’ meglio tenere la bocca chiusa e sembrare stupidi piuttosto che aprirla e togliere ogni dubbio ’, potrebbe lasciare intendere l’idea di non rivelare a nessuno una decisione già presa e un contratto già ponto per lasciare l’Inter con il cerino in mano. Ci sta. Tutto è possibile.

C’è solo una domanda che frulla: ma oggi c’è qualcuno in giro disposto a pagare 110 milioni per Icardi ben sapendo che oltre a Icardi prende tutto l’ingombrante mondo dell’argentino? Le regole di comportamento e di riservatezza che l’Inter solo ora vuole imporre, nei grandi club d’Europa ci sono già.

Se Wanda dovesse avere già in mano un accordo o fosse sicura di poterlo trovare con la clausola, comunque l’Inter porterebbe a casa una grande plusvalenza. E con 110 milioni un sostituto all’altezza si trova. Forse anche a meno.

Visto che la coppia Icardi-Nara spesso si è dimostrata imprevedibile, c’è anche da aspettarsi il rifiuto al rinnovo anche senza alternative pronte. E se poi non dovesse arrivare la società che paga la clausola, con la scadenza (2021) che si avvicina?

Marotta dovrà essere molto bravo a riportare tutta la vicenda su un livello percorribile. Nessuno nell’Inter vuole soluzioni drastiche del tipo da oggi non gioca più, o cose del genere.

Ma persone vicine alla coppa argentina, raccontano che la ferita per la decisione della società di degradare Maurito è insanabile. L’idea a caldo sarebbe quella di non tornare più in campo da degradato, quella fascia Icardi è convinto di averla sempre onorata.

Non la pensano così i tifosi che ieri sera a Vienna si sono chiaramente esposti consacrando Handanovic con i più classici dei cori dedicati al portiere, nuovo capitano vero. Una presa di posizione che potrebbe anche deflagrare nella prossima partita casalinga di domenica pomeriggio (ore 18) contro la Sampdoria. Già Icardi non era il massimo per molti dei suoi tifosi dopo la vicenda dell’autobiografia, figuriamoci ora.

Quello che è stato contestato a Icardi è stranoto e le colpe non sono sue, naturalmente, ma della moglie-manager. La vicenda contrattuale messa in piazza, la continua rivelazione di cose interne, critiche pubbliche rivolte a compagni di squadra, consigli dati all’allenatore, una vita privata fatta di eccessi sempre sotto i riflettori. La società non ha gradito, ma anche molti giocatori hanno chiesto a Marotta di essere tutelati e rispettati. Le parole di Ausilio dette ieri sono chiare: non si ragiona per uno, ma per il gruppo. Questo dovrebbe fare un capitano e Icardi non l’ha fatto. Molta irritazione ci sarebbe soprattutto fra i croati vice campioni del mondo che si sono sempre sentiti gregari in un caso o responsabili del mancato rendimento dell’attaccante nell’altro.

Che prima o poi il bubbone dovesse scoppiare era chiaro dal momento dell’arrivo di Marotta. L’atteggiamento duro con Nainggolan doveva far riflettere e invece Icardi-Nara sono andati avanti per conto loro.

L’unico che in qualche modo ha difeso Icardi è stato l’ex presidente Moratti al quali in molti sono legati da giusto, autentico affetto, ma stavolta ha sbagliato. La sua Inter ha vinto poco in rapporto ai grandi investimenti fatti, proprio per la gestione paternalistica. Le società di calcio oggi sono aziende e come tale devono comportarsi, non sono più famiglie comprensive, chi sbaglia e turba il gruppo deve pagare.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: il non-rigore di De Ligt e gli obbrobri nel regolamento. Inter: la furia di Conte, l’idea Ibra e la “crisi Lukaku”. Milan: la scelta di Pioli (occhio a Suso…) e la “fuga” di Scaroni. Roma: il perché degli infortuni 22.10 - Dieci pensierini (e ce la caviamo così). 1) Il Milan domenica ha giocato una buona partita. Non in senso assoluto, per carità, ma visti i precedenti sette turni di campionato certamente sì. Pioli ha cancellato tre mesi di esperimenti impossibili (puntare al calcio di Giampaolo...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Sarri cinico e spietato. Juve, ecco cosa ti manca. Maran top, merita una grande. Mazzarri flop, servono i fatti. C'era una volta il miracolo Catania. Lo Monaco, che errore il ritorno! 21.10 - Per lo spettacolo c'è tempo, adesso serve concretezza e fare molti punti per non tenere in gioco, o meglio tenere il più distante possibile, il nemico. La Juventus vista con il Bologna non ha brillato di luce propria ma ha portato a casa quello che doveva portare e si sta iniziando...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Insigne venga trattato da capitano (o si volti pagina). Mandzukic e l'accordo 'suicida'. In Serie A c'è un club perfetto per questo Zlatan Ibrahimovic 20.10 - Tutti i nodi vengono al pettine. Tutti i problemi, quando non li risolvi e provi solo ad accantonarli, ti tornano indietro più forti di prima. E' così nella vita, è così nel calcio. Prendete Lorenzo Insigne: lui non potrà mai dirlo, perché è napoletano e capitano del Napoli, ma in...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510