Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / fiorentina / Rassegna stampa
FRANCHI, Cobar: accusa di frode in pubbliche fornitureTUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca 2023 @fdlcom
venerdì 14 giugno 2024, 08:00Rassegna stampa
di Redazione FV
per Firenzeviola.it

FRANCHI, Cobar: accusa di frode in pubbliche forniture

Come riportato questa mattina dal quotidiano La Nazione, una delle due società(la Cobar di Altamura) che hanno vinto l'appalto per la ristrutturazione del Franchi è stata colpita dal divieto di contrattare per un anno con la Pubblica Amministrazione. Una misura, eseguita dalla guardia di finanza, che è stata emessa dal gip di Salerno nell’ambito di un’inchiesta per truffa relativa alla costruzione della Cittadella della giustizia della città campana. Le accuse sono quelle di illecito subappalto e frode in pubbliche forniture. Il divieto, oltre all'impossibilità di partecipare a nuove gare, implicherebbe pure il termine dei lavori già in corso. Nei fatti l'interruzione spetta alle singole stazioni appaltanti (in questo caso il Comune di Firenze) e raramente viene disposta una rescissione per misure temporanee. Palazzo Vecchio ha già commentato la vicenda dicendo che per il momento non ci sono i motivi per fermare i lavori. 

Il procuratore di Salerno, Giuseppe Borrelli, ha spiegato in una nota come la Costruzione Barozzi spa (Cobar, appunto) e altre società "non avrebbero adottato e, comunque, efficacemente attuato, modelli di organizzazione e di gestione idonei a impedire che i rispettivi legali rappresentanti fornissero beni diversi per natura, ordine, qualità e prestazioni, da quelli indicati nel contratto di appalto e nell’adempimento degli obblighi dallo stesso derivanti". In sostanza avrebbero montato degli ascensori diversi da quelli dichiarati precedentemente e avrebbero subappaltato la manutenzione degli stessi. In caso in cui la richiesta di sospensiva, già presentata dalla società fosse accolta, la misura verrebbe subito sospesa. Il gip di Salerno si pronuncerà settimana prossima.