Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / News
De Magistris su Barella: "L'anno scorso sarebbe diventato il primo obiettivo del City di Guardiola"TUTTO mercato WEB
© foto di TUTTOmercatoWEB.com
martedì 18 giugno 2024, 11:21News
di Adele Nuara
per Linterista.it

De Magistris su Barella: "L'anno scorso sarebbe diventato il primo obiettivo del City di Guardiola"

"Secondo Transfermarkt il valore della rosa dell'Italia che sabato sera ha ben esordito a Dortmund contro l'Albania è inferiore a quello di Inghilterra, Francia e Portogallo, ma anche Spagna, Germania e Olanda. Gli Azzurri in questa graduatoria sono solo al settimo posto tra le squadre ai nastri di partenza per Euro 2024, al nono se allarghiamo il raggio d'azione oltre l'Europa", si legge sull'editoriale di Raimondo De Magistris su TuttoMercatoWeb in merito alla valutazione della nazionale del CT Luciano Spalletti.

Sempre secondo i dati del noto sito di statistiche, il calciatore più quotato tra le fila azzurre è Nicolò Barella: "Il calciatore dell'Italia più quotato con 80 milioni di euro è quel Nicolò Barella che la scorsa settimana ha esteso il suo contratto fino al 30 giugno 2029. La prima mossa ufficiale di Oaktree, il primo passo del presidente Marotta che in questo modo ha fatto del centrocampista della Nazionale il giocatore italiano più pagato della Serie A. Un anno fa, fosse partito Bernardo Silva, sarebbe diventato il primo obiettivo del City di Guardiola. Un anno dopo fa invece parte di quella schiera di giocatori della Nazionale che questa estate guarderà disinteressato la sessione di calciomercato. Sono la maggior parte, ma non tutti