Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Le Interviste
Trevisani sul caso Kvara: "Stia tranquillo, se no lo mettono a palleggiare in giardino"TUTTO mercato WEB
martedì 18 giugno 2024, 18:00Le Interviste
di Antonio Noto
per Tuttonapoli.net

Trevisani sul caso Kvara: "Stia tranquillo, se no lo mettono a palleggiare in giardino"

Nel consueto appuntamento con Radio Serie A, il giornalista di Mediaset Riccardo Trevisani ha parlato del caso Kvaratskhelia.

Nel consueto appuntamento con Radio Serie A, il giornalista di Mediaset Riccardo Trevisani ha parlato del caso Kvaratskhelia: “Secondo me, c’è bisogno che ci sia dia tutti una bella tranquillizzata a livello generale. Anche perché in questa situazione, ancor più che in quella di Di Lorenzo, c’è un contratto lunghissimo per Kvara. Quindi deve stare molto tranquillo, se no ci sta pure che qualcuno ti metta seduto in giardino a palleggiare, per tre anni non giochi io perdo i soldi e tu perdi il calcio. Perché non si può vivere dei ricatti dei giocatori, non funziona così.

Io non sono mai d’accordo quando le dirigenze mettono fuori rosa e si arriva alle situazioni più gravi, ma non sono neanche d’accordo sul fatto che ognuno si sveglia e dice di andar via, eh no. Hai firmato un contratto a suon di soldi, non ti ha obbligato nessuno a firmarlo, non ti hanno messo una pistola alla tempia, sai le conseguenze e come ti devi comportare. Soprattutto ho ritenuto terrificante la tempistica, cioè il giocatore sta per giocarsi il suo primo europeo, un’avventura fondamentale per lui e per tutta la sua nazione, in questo momento dire una roba del genere dicendo pure che volevano pensare prima alla Georgia. Allora se vuoi prima pensare alla Georgia, stai zitto! Se parli non stai pensando alla Georgia”.